Souvenir d'Italie (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Souvenir d'Italie
Souvenir d'Italie.JPG
Isabelle Corey (Josette) e Alberto Sordi (Sergio)
Titolo originaleSouvenir d'Italie
Paese di produzioneItalia, Gran Bretagna
Anno1957
Durata100 min
Generecommedia
RegiaAntonio Pietrangeli
SceneggiaturaAntonio Pietrangeli, Age & Scarpelli, Dario Fo, Armando Crispino
ProduttoreErmanno Donati, Luigi Carpentieri
Casa di produzioneAthena Cinematografica
Distribuzione (Italia)Rank Film (1957)
FotografiaCarlo Carlini, Aldo Tonti
MontaggioEraldo Da Roma
MusicheLelio Luttazzi
ScenografiaMario Chiari
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Souvenir d'Italie è un film del 1957 diretto da Antonio Pietrangeli.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Riviera Ligure di Ponente. Margaret è una ragazza inglese che viaggia a bordo di una MG bianca. Dopo una disavventura con alcuni ciclisti, incontra Hilde e Josette, una tedesca e una francese, che viaggiano in autostop. Le tre ragazze continuano insieme il loro viaggio; ma essendo rimaste senza benzina, spingono per errore la macchina in mare. Vengono poi trasportate dai carabinieri in jeep a Portofino.

Dopo un comprensibile momento di scoramento, Margaret si convince a continuare il viaggio con le sue nuove compagne. Giunte a Venezia, dove un conte offre loro ospitalità nel suo palazzo, non vogliono però approfittare della cortesia dell'uomo, dal quale si congedano presto per proseguire il loro viaggio, dirigendosi a Bologna. Qui Margaret incontra il professor Parenti, che ha conosciuto in Inghilterra, dove questi era stato trasferito come prigioniero di guerra: tra i due era nato allora un sentimento d'amicizia, che la ragazza non ha dimenticato.

A Firenze, Josette conosce Sergio, giovanotto intraprendente e fanfarone, che abbandona la matura amante per mettersi con lei. Ma prima di lasciare la sua ex, l'aveva derubata, così la denuncia della signora lo raggiunge a Pisa, rovinandogli i piani sentimentali. Intanto Hilde si "scontra" e poi s'innamora del romano Gino. Quanto a Josette, incontra un giovane avvocato. Margaret invece ha subito una grossa delusione: il suo amore non era ricambiato; decide quindi di tornare in Inghilterra in aereo. Anche Hilde e Josette si congedano dai loro fidanzati, promettendo però di ritornare al più presto.

Luoghi del film[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio del film si vedono varie zone della Liguria. I primi 5 minuti sono in effetti girati a Diano Marina. Viene descritta Ventimiglia, poi curiosamente l'automobile di Margaret percorre qualcosa come 100 km in pochi secondi e, dopo aver fatto benzina nel piccolo distributore, la si ritrova a Finale Ligure. Proprio a Finale s'imbatte nel gruppo dei ciclisti e riceve la secchiata d'acqua in faccia; questi "escono" proprio da via San Pietro, la stessa Passeggiata a Mare dove nell'estate del 1953 Alberto Lattuada aveva girato alcune sequenze del film La spiaggia. Si vedono molti scorci e paesaggi dell'altogarda trentino. Poi l'auto precipita in mare, apparentemente nei pressi di Bergeggi. Giungono i carabinieri con la jeep, facendo un altro centinaio di chilometri, apparentemente in pochissimo tempo; accompagnano le tre turiste a Portofino. L'azione si sposta quindi in altre zone d'Italia, Venezia, Bologna, Firenze, Pisa, Roma.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Musiche di Lelio Luttazzi. Nel film si ascolta l'omonima canzone del 1955, composta dal citato Luttazzi (musica), Giulio Scarnicci e Renzo Tarabusi, originalmente - ma non in questo film - eseguita da Jula de Palma e re-interpretata all'estero da vari altri cantanti, fra i quali Perry Como.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

«Briosa commediola...» ** [1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Paolo Mereghetti, Dizionario dei film, ed. 1994.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema