Sottoammiraglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Distintivo di sotto ammiraglio sul paramano di un'uniforme invernale della Regia Marina

Il sottoammiraglio (talvolta scritto anche come sotto ammiraglio o sotto-ammiraglio) fu un grado del corpo di Stato Maggiore della Regia Marina fino al 1923.[1]

Il decreto luogotenenziale n. 1193 dell'11 agosto 1918 aveva istituito un grado intermedio fra quello di capitano di vascello e quello di contrammiraglio, ovvero quello di sottoammiraglio per il Corpo di stato maggiore, e di brigadiere generale per gli altri Corpi.

Con il Foglio d'ordini del 5 settembre 1918 furono istituiti i distintivi di grado per sottoammiragli che per gli ufficiali di vascello comprendeva sulle maniche al di sopra della greca, un tratto di gallone d'oro girato ad occhio, mentre per i brigadieri generali la sola greca. Il grado era assimilabile a quello di commodoro in vigore in altre marine.

Tali gradi vennero aboliti in seguito al regio decreto nº 2395 dell'11 novembre 1923 che riordinava i gradi della forza armata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ regio decreto legge 24 novembre 1919, n. 2330. - che istituisce in modo definitivo il grado di sotto ammiraglio e brigadiere generale della R. Marina. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.307 del 30 dicembre 1919)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Decreto luogotenenziale n. 1193 dell'11 agosto 1918
  • Foglio d'ordini Marina del 5 settembre 1918
  • Foglio d'ordini Marina del 7 settembre 1918
  • Regio decreto legge 24 novembre 1919, n. 2330
  • Allegato al Foglio d'ordini del 17 marzo 1922
  • Regio decreto 11 gennaio 1923, n. 135
  • Allegato al Foglio d'ordini n. 56 dell'8 marzo 1923
  • Legge 31 maggio 1923 n. 1311

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marina