Sotto assedio - White House Down

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sotto assedio - White House Down
Titolo originale White House Down
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2013
Durata 137 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere azione
Regia Roland Emmerich
Soggetto James Vanderbilt
Sceneggiatura James Vanderbilt
Produttore Roland Emmerich, Brad Fischer, Larry J. Franco, Laeta Kalogridis, Harald Kloser, James Vanderbilt, Volker Engel, Marc Weigert
Produttore esecutivo Ute Emmerich, Reid Carolin
Casa di produzione Columbia Pictures, Sony Pictures
Distribuzione (Italia) Sony Pictures
Fotografia Anna Foerster
Montaggio Adam Wolfe
Musiche Harald Kloser
Scenografia Kirk M. Petruccelli
Costumi Lisy Christl
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Sotto assedio - White House Down (White House Down) è un film del 2013 diretto da Roland Emmerich con protagonisti Channing Tatum, Jamie Foxx e Maggie Gyllenhaal.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

John Cale, agente di polizia di Washington assegnato alla scorta dello speaker del Congresso, nel tentativo di migliorare il rapporto con sua figlia Emily decide di impressionarla candidandosi come unità speciale dei servizi segreti a guardia del Presidente James Sawyer e il giorno del colloquio, che si terrà alla Casa Bianca, decide di invitarla facendola partecipare come turista ad una visita guidata. Il colloquio, tenuto da Carol Finnerty, una sua ex compagna di scuola, non sembra tuttavia avere esito positivo (lei è convinta che John non sia qualificato per l'incarico) e finito l'incontro John si unisce con la figlia al tour della Casa Bianca.

Nel frattempo un gruppo paramilitare assoldato da Martin Walker, capo dei servizi segreti, irrompe nella Casa Bianca: John, che si trovava lì per caso, cercherà in tutti i modi di salvare il Presidente dall'attacco terroristico fuggendo e nascondendosi tra i numerosi cunicoli della magione presidenziale. Solo grazie a Emily, che prima di essere catturata posta sul suo canale YouTube un video che ritrae i terroristi, vengono svelate le identità dei mercenari, cosa che permetterà all'intelligence di scoprirne i piani: il gruppo manovrato da Martin vuole infatti lanciare un attacco in Iran per vendicare le migliaia di americani morti durante gli scontri a fuoco, tra cui il figlio di Martin e in combutta con lo speaker del presidente favorire lo scoppio di una nuova guerra per interessi legati alla vendita delle armi da parte dell industria bellica americana. Dopo innumerevoli peripezie, compreso l'abbattimento dell'Air Force One, il susseguirsi di nuovi presidenti e un inseguimento in auto nel giardino della Casa Bianca, John riesce a salvare il Presidente e a sabotare il piano che vede coinvolte le più alte cariche della nazione.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è diretto da Roland Emmerich e tratto dalla sceneggiatura di James Vanderbilt, che figura anche fra lo staff dei produttori. La Sony Pictures ha acquistato nel marzo del 2012 i diritti di tale sceneggiatura per una cifra vicina ai tre milioni di dollari, una delle più alte mai investite per l'acquisto di una singola sceneggiatura. Nel mese successivo la stessa Sony ha ingaggiato Emmerich come regista. Le riprese hanno avuto inizio nel luglio del 2012 a Montreal.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

White House Down è stato distribuito nelle sale americane il 28 giugno 2013; inizialmente l'uscita era prevista per il mese di novembre. In Italia è stata confermata l'uscita per il 26 settembre 2013[1].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante la visita guidata, la guida fa notare ai visitatori di trovarsi nella porzione della Casa Bianca che era stata distrutta nel film Independence Day del 1996. Si tratta di un'autocitazione, dal momento che entrambi i film sono diretti da Emmerich.
  • Emily gestisce un canale YouTube pur avendo solo undici anni, mentre l'età minima per accedere al sito e agli altri servizi e prodotti Google è di tredici anni negli Stati Uniti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema