Sorelle Fontana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sorelle Fontana Alta Moda
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società a responsabilità limitata
Fondazione 1943 a Roma
Fondata da Zoe Fontana, Micol Fontana, Giovanna Fontana
Sede principale Fondazione Micol Fontana, zona Piazza di Spagna, Roma
Persone chiave Zoe Fontana, Micol Fontana, Giovanna Fontana
Settore abbigliamento e moda
  • MicolBoutique: la linea giovane
  • Linea Accessori moda: foulards, pelletteria e vari accessori
  • Linea Tricot
  • Profumi: Micol,
    If (maschile)
  • Coordinati bagno
Prodotti Creazioni abiti Alta Moda e anche Pret à Porter
Dipendenti 40 (2012)
Sito web www.sorellefontana.com/

Sorelle Fontana Alta Moda s.r.l. è una casa di moda, specializzata in produzioni sartoriali di alta moda.

Fondata a Roma nel 1943, dalle tre sorelle e stiliste italiane: Zoe (1911-1978), Micol (1913-2015) e Giovanna (1915-2004).

Le sorelle Fontana, con il loro atelier, furono le prime a dare un vivace impulso al Made in Italy, rendendo così famoso lo stile italiano nel mondo.[1]

Dedicata alle clienti più giovani oggi è la linea MicolBoutique.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Inizio anni '60, modelle con la divisa dell'Alitalia firmata dalle Sorelle Fontana

Gli inizi e gli anni della Seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1938 a Traversetolo, comune della provincia di Parma, le tre sorelle Zoe, Micol e Giovanna iniziano col mestiere sartoriale seguendo la tradizione familiare. Decidono poi di trasferirsi a Roma, dove lavorano originariamente sotto padrone[2].

Durante la seconda guerra mondiale, fondano una maison, inizialmente specializzata in abiti di alta moda. La loro prima cliente importante è Gioia Marconi, figlia di Guglielmo Marconi.

Per ampliare e potenziare la loro attività le tre sorelle, ottenuti i primi guadagni, decidono di prendere in affitto un appartamento più grande, che funge da casa-laboratorio, non lontano da via Veneto. Alla realizzazione del progetto partecipano anche i loro genitori, che, ormai anziani, chiusa la sartoria di Traversetolo, si trasferirono in una casa di campagna nei pressi di Roma. Durante l'occupazione tedesca Amabile e il marito sono di grande aiuto alle figlie: attraverso il loro orto fanno fronte alla penuria di cibo e sfruttano i prodotti ortofrutticoli come merce di scambio per l'acquisto delle stoffe della sartoria[2].

Nel 1943 il laboratorio viene spostato in un palazzetto a tre piani, non lontano da dove era prima, con l'assunzione di nuove lavoranti[2].

Gli anni del "boom economico" e il successo dell'atelier[modifica | modifica wikitesto]

La fine della guerra decreta l’inizio del vero successo per le tre sorelle. In questo ambito, insieme al tradizionale ambiente alto-borghese, un ruolo importante lo riveste il mondo del cinema che, a Roma, vive la fortunata stagione del neo-realismo e di Cinecittà, che comporta la massiccia presenza dei registi e dei divi americani.

Le sorelle Fontana lanciano il loro stile, ispirato ad una linea quasi rinascimentale caratterizzata da corpetti stretti e gonne morbide e molto ampie, create con abbondanza di tessuto di alta qualità. Con il successo la domanda cresce notevolmente e l'atelier si ingrandisce, fino ad impiegare 20 dipendenti. Pur in assenza di una pubblicità di stampo moderno le Fontana hanno un'ottima intuizione con le "mannequins de société": introducendo l'uso di far notare le proprie creazioni facendo indossare i modelli della casa di moda a signore molto in vista, in occasione di ricevimenti mondani.

Nel 1947 la Casa di mode Fontana si costituisce in forma di s.r.l.[2].

Nel 1948 la nota attrice di Hollywood, Mirna Loy acquista dalle Fontana il guardaroba completo per il film "Il caso di lady Brook". Da questo momento la sartoria punta sul mercato americano: Micol Fontana inizia in questi anni una lunga corrispondenza oltreoceano segnata da una serie di viaggi negli States.

Nel 1951 l'azienda conta 100 lavoranti, saliti nel 1953 a 300. Nel 1955 fu inaugurata a Roma la prima boutique. Nel 1958 la sartoria si trasferisce a piazza di Spagna. Dal 1960, su richiesta dei grandi magazzini americani, si sviluppa la produzione del prét-àporter che consente di ampliare notevolmente la base di vendita, senza rinunciare alla qualità degli abiti di alta moda[2].

Nel 1964 la s.r.l. è trasformata nella Sorelle Fontana s.p.a. (sarà ricostituita in forma di s.r.l. nel 1985), con un capitale di 15 milioni costituito da azioni da 1.000 lire cadauna; il capitale viene aumentato nello stesso anno a 120 milioni di lire mediante un sovrapprezzo di 700 lire per ogni azione e un'analoga operazione è svolta l'anno seguente quando il capitale raggiunge i 195 milioni (con un sovrapprezzo di 400 lire per ogni azione). Nel 1967, infine. il capitale è portato a 285 milioni (con un sovrapprezzo di 900 lire per ogni azione)[2].

Nel 1966 è inaugurato lo stabilimento di Cecchina, nei pressi di Roma, che dà lavoro a 300 dipendenti, per la produzione prét-àporter. La fama dell'atelier da quel momento continua incontrastato seguendo il ritmo del boom economico del paese sino alla fine degli anni Sessanta[2].

Le creazioni per il cinema e il Made in Italy nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1949 vengono richieste dall'attrice americana Linda Christian per farsi confezionare l'abito da sposa, in occasione delle sue nozze a Roma con l'attore Tyrone Power, rispettivamente madre e padre di Romina. Le foto dell'abito, costato 700.000 lire, appaiono in esclusiva sulla rivista Life e per l'atelier è la consacrazione di una celebrità destinata a durare per un ventennio.[1]

La risonanza di questo evento mediatico internazionale contribuirà ad aprire la strada alle sorelle Fontana verso il mercato del cinema, soprattutto americano di Hollywood.[3]

Anche Maria Pia di Savoia, in occasione del suo matrimonio si vestirà dalle Fontana.

Le tre stiliste vestono con le loro creazioni varie attrici tra cui Gina Lollobrigida, Liz Taylor, Audrey Hepburn, Barbara Stanwyck, Grace Kelly, Jacqueline Lee Bouvier Kennedy Onassis, Joan Collins, Ursula Andress, Soraya e Ava Gardner nonché da first ladies quali Truman, Kennedy, Eisenhower.[1]

Sono le costumiste di Anita Ekberg nel film La dolce vita e delle assistenti di volo Alitalia.

Concorrono a fondare nel 1953 il SIAM - Sindacato Italiano Alta Moda insieme a Emilio Schuberth, Vincenzo Ferdinandi, Jole Veneziani, Alberto Fabiani, Giovannelli-Sciarra, Mingolini-Heim, Garnet, Simonetta.

Al di là della notazione mondana o di costume, l'exploit della sartoria romana corrisponde al tentativo di un'emancipazione dell'alta moda italiana dalla tutela francese e un primo passo nell'evoluzione, sul piano commerciale e poi industriale, di un settore strategico della vita economica nazionale anche per le attività ad esso connesse, in particolare l'industria tessile.

Abiti d'epoca nei musei del mondo[modifica | modifica wikitesto]

Alcune creazioni sono esposte al Metropolitan, al Guggenheim a New York e al Louvre di Parigi.[1]

L'Università di Parma, l'Hotel Hermitage di Monte Carlo, Castel Sant'Angelo ed i Musei Capitolini a Roma e la Fondazione Magnani-Rocca hanno ospitato mostre sulle creazioni Fontana.[1]

Adattamento televisivo[modifica | modifica wikitesto]

Sulla storia delle tre sorelle è stata realizzata la miniserie televisiva in due puntate Atelier Fontana - Le sorelle della moda, trasmessa su Rai 1 nel 2011 e in replica il 27 maggio 2014, dove la stessa Micol Fontana fece un cameo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f fonte: www.sorellefontana.com
  2. ^ a b c d e f g FONTANA, Zoe in "Dizionario Biografico", su www.treccani.it. URL consultato il 10 novembre 2016.
  3. ^ Fonte: The Telegraph del 20/08/2004

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN156896721 · LCCN: (ENn95050524 · GND: (DE10057293-5