Sorbano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la frazione di Lucca, vedi Sorbano del Vescovo.
Sorbano
frazione
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Provincia Provincia di Forlì-Cesena-Stemma.png Forlì-Cesena
Comune Sarsina-Stemma.png Sarsina
Territorio
Coordinate 43°55′N 12°09′E / 43.916667°N 12.15°E43.916667; 12.15 (Sorbano)Coordinate: 43°55′N 12°09′E / 43.916667°N 12.15°E43.916667; 12.15 (Sorbano)
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale 47027
Prefisso 0547
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti Sorbanesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sorbano
Sorbano

Sorbano è un ex comune autonomo, soppresso nel 1964, ora frazione di Sarsina in provincia di Forlì-Cesena. Fino al 1923 il territorio dell'antico comune apparteneva alla provincia di Firenze, in Toscana, e comprendeva le frazioni di Montalto o Sommano, Montoriolo, Rullato, Tezzo e Valbiano a Castelnovo[1].

Il toponimo di Sorbano deriva dal latino Suburbanum dell'antica Sarsina, abitato in antichità dagli Umbri-Sapini anche detti Sassinates.

È poi stato castello dei vescovi di Sarsina, ai quali venne tolto spesse volte dai Malatesta, dagli Ordelaffi, dai signori della Faggiuola e dai conti Guidi. Quando nel 1404 i Fiorentini s'impossessarono dei domini dei conti Guidi, rispettarono Sorbano, che occuparono soltanto nel 1428. Nel 1500 fu conquistato dalle truppe di Cesare Borgia, poi dai Veneziani, e quindi dal Papa, ma nel 1546 ritornò a Firenze, di cui, d'allora in poi, seguì le sorti, per poi essere eletto a Comune nel 1775.

Lo stemma dell'antico comune (che raffigura una pianta di sorbo in campo blu, alla cui base del tronco stanno due leoni rampanti), è tuttora visibile in due versioni effigiati da pittore ignoto su due medaglioni in legno posti nello schienale di due vecchi banchi situati nella cappella del cimitero di Sorbano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Emanuele Repetti, Dizionario geografico fisico storico della Toscana, Vol. V, Firenze, 1843 [1]