Sonno ipnopompico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lo stato ipnopompico è lo stadio che porta dal sonno alla veglia, e che corrisponde quindi alla fase del risveglio.

In tale fase, come pure in quella che viceversa porta dalla veglia al sonno (detta stato ipnagogico), si possono verificare fenomeni psichici sensoriali (in particolare visivi e uditivi ma talvolta anche olfattivi e tattili) che spesso, a causa della loro vividezza, possono essere percepiti come reali.

Durante le allucinazioni ipnopompiche si può avere la sensazione, ad esempio, di sentirsi chiamato da altre persone, o in casi più traumatici, vivere la presenza di uno o più intrusi in camera da letto.

Le allucinazioni ipnopompiche si presentano, a volte, in associazione con paralisi del sonno.

Possibile causa delle allucinazioni ipnopompiche[modifica | modifica wikitesto]

La melatonina, un ormone che regola la popolazione neuronale serotoninergica, raggiunge il suo picco di secrezione nelle ore notturne, e in particolare durante il sonno REM.

Quando la fase di risveglio corrisponde a quella della fase REM può succedere che un'alterazione nella secrezione di melatonina porti alla mancata disattivazione della rete di neuroni che sta producendo il sogno. Di conseguenza, se la rete neuronale rimane attiva, porterà le caratteristiche del sonno REM (e quindi del sogno) nel mondo della veglia.

Per questo motivo le allucinazioni ipnopompiche sono spesso caratterizzate da un significativo e a volte allarmante senso di realtà.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]