SonSon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
SonSon
videogioco
PiattaformaArcade, Nintendo Entertainment System
Data di pubblicazioneArcade:
Giappone luglio 1984
Flags of Canada and the United States.svg 1984

NES:
Giappone 8 febbraio 1996
Virtual Console:
Giappone 7 settembre 2010
Flags of Canada and the United States.svg 6 dicembre 2010
Zona PAL 17 dicembre 2010

GenereSparatutto a scorrimento, piattaforme
TemaFantasy
OrigineGiappone
SviluppoCapcom
PubblicazioneCapcom
DesignYoshiki Okamoto
MusicheAyako Mori, Manami Matsumae (NES)
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
Periferiche di inputGamepad
SupportoCartuccia, download
Distribuzione digitaleVirtual Console
Fascia di etàCEROA · ESRBE · PEGI: 7
Seguito daSonSon II
Specifiche arcade
Processore audioAY-3-8910A
SchermoVerticale
Periferica di inputJoystick 2 direzioni, 2 tasti

SonSon (ソンソン?) è un videogioco arcade della Capcom pubblicato nel luglio del 1984. È liberamente ispirato al romanzo cinese Il viaggio in Occidente.

Il gioco venne pubblicato anche su Famicom in Giappone. Un seguito dal titolo SonSon II fu prodotto per PC Engine. La versione arcade è inclusa nelle raccolte Capcom Generation 3 per PlayStation e Sega Saturn, Capcom Classics Collection per PlayStation 2 e Xbox, Capcom Classics Collection Reloaded per PlayStation Portable e Capcom Coin-Op Classics della Hanaho, con incluso il controller HotRod per il PC. Il gioco venne pubblicato sulla Wii Virtual Console in Giappone il 7 settembre 2010, in America settentrionale il 6 dicembre 2010 e nella regione PAL il 17 dicembre 2010.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

SonSon è un videogioco a piattaforme, bidimensionale, a scorrimento orizzontale. Il giocatore veste i panni di un ragazzo-scimmia (modellato a immagine di Sun Wukong, dal romanzo) che combatte spostandosi da sinistra verso destra per riuscire a raggiungere infine la grande statua di Buddha, toccando la quale salverà tre suoi compagni, rapiti e tenuti in ostaggio dai nemici. L'eroe affronta i vari antagonisti sul suo percorso, utilizzando la sua asta rigida da combattimento con cui spara palle di fuoco. Si può giocare in cooperazione; il secondo giocatore controlla TonTon (ovvero Zhu Wuneng nel romanzo). Si usano un joystick e un tasto, che serve per sparare.

Lo schermo scorre automaticamente e si ferma solo per consentire di affrontare i nemici più ostici. Ci sono sei piattaforme continue, tranne alcune piccole fessure. Sonson e Tonton camminano automaticamente su queste piattaforme. Portando il joystick su o giù essi andranno rispettivamente sulla piattaforma superiore o quella inferiore. Portando il joystick a sinistra, i due protagonisti continueranno ad andare avanti, ma in maniera più lenta; portandolo invece a destra si avrà l'effetto contrario. I due protagonisti hanno solo un tipo di attacco, ovvero quello di lanciare colpi energetici infuocati dai loro bastoni. Toccare un nemico o un suo proiettile fa perdere una vita al giocatore. Se il giocatore ha altre vite, tornerà sul terreno di gioco a cavallo di una nuvola che rende temporaneamente invulnerabili. Non appena il giocatore si muove, perde la nuvola e riprende a camminare normalmente. La nuvola scompare dopo un po' anche se non si procede in alcuna direzione.

Le vite a disposizione sono 4, aumentabili al raggiungimento di determinati punteggi, ma è possibile vincerne altre anche grazie all'accumulo dei potenziamenti, che hanno l'aspetto di vari frutti. Alcuni di essi, una volta raccolti, trasformano invece tutti i nemici presenti nella schermata in frutti che danno punti. Camminare su certe piattaforme può causare la nascita di un germoglio di bambù che dà molti punti extra. Il percorso che SonSon e TonTon devono intraprendere per liberare i loro compagni è lungo 20 chilometri.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Le musiche del videogioco sono state composte da Ayako Mori.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Kurt Kalata, Son Son, su Hardcore Gaming 101, 17 ottobre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]