Rivolta spartachista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Sollevazione Spartachista)
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la rivolta dei gladiatori di Spartaco, vedi Terza guerra servile.
Rivolta spartachista
Miliziani spartachisti per le strade di Berlino
Miliziani spartachisti per le strade di Berlino
Data 4 - 15 gennaio 1919
Luogo Berlino, Germania
Esito Vittoria delle forze governative
Schieramenti
Comandanti
Voci di rivolte presenti su Wikipedia

La rivolta spartachista (in tedesco Spartakusaufstand) o rivolta di gennaio (in tedesco Januaraufstand) fu un tentativo insurrezionale, originato da uno sciopero generale sfociato poi in scontri armati, messo in atto dalla Lega spartachista a Berlino tra il 4 e il 15 gennaio 1919 contro il neo costituito governo della Repubblica di Weimar. La sua soppressione segnò la fine della rivoluzione tedesca. Il nome "rivolta spartachista" è generalmente utilizzato per l'evento, anche se né la fama della Lega di Spartaco di Rosa Luxemburg (lo Spartakusbund), né i piani del Partito Comunista di Germania (KPD) pianificato, iniziarono o condussero questa rivolta; ciascuno partecipò solo dopo che la resistenza popolare era cominciata. Questa rivolta contribuì alla disillusione tedesca sul governo di Weimar. I loro capi erano Karl Liebknecht e Rosa Luxemburg.

Inizio[modifica | modifica wikitesto]

L'origine della rivolta fu una grande manifestazione convocata dai leader spartachisti Karl Liebknecht e Rosa Luxemburg per protestare contro la rimozione del capo della polizia di Berlino Emil Eichhorn, esponente dell'USPD. Diversi lavoratori sequestrarono spontaneamente la redazione di un giornale in Kochstraße a Berlino ed eressero barricate per le strade. Questo attirò più lavoratori che bloccarono ulteriori vie nel quartiere del giornale- tra cui l'ufficio dell'organo socialdemocratico tedesco dell'SPD "Avanti" (Vorwärts). Questo giornale socialdemocratico aveva stampato articoli ostili ai spartachisti dall'inizio di settembre.

Il Comitato Rivoluzionario[modifica | modifica wikitesto]

I leader dell'USPD e del KPD/Partito Comunista decisero di sostenere quest'azione operaia, facendo appello per uno sciopero generale a Berlino il 7 gennaio. Lo sciopero raccolse circa 500.000 partecipanti, che si sollevarono in centro a Berlino quel fine settimana. Durante i due giorni successivi, tuttavia, la dirigenza dello sciopero (nota come ad hoc Comitato Rivoluzionario) non riuscì a risolvere la classica dicotomia tra i rivoluzionari militarizzati impegnati in una vera e propria nuova società e i riformisti che sostenevano le deliberazioni con l'allora capo del governo Friedrich Ebert. Nel frattempo, gli scioperanti del quartiere occupato ottennero armi.

Dissenso interno[modifica | modifica wikitesto]

All'interno del partito comunista ci fu ulteriormente dissenso. Karl Liebknecht, a differenza di Rosa Luxemburg, sosteneva un colpo di stato militante al governo di Ebert, altrimenti il KPD sarebbe stato alienato dalla pianificazione del colpo di stato degli elementi operai. Allo stesso tempo, alcuni leader del KPD cercarono di convincere i reggimenti dello stato militare a Berlino, in particolare la Volksmarinedivision, al loro fianco. La loro presenza armata avrebbe dovuto istigare gli scontri. Ciò non ebbe successo perché la maggior parte dei soldati erano o andati a casa o perché la loro fedeltà era per il governo repubblicano del dopoguerra, conosciuto come il Consiglio dei Deputati del Popolo ("Rat der Volksbeauftragten", cioè la bandiera del reggimento).

L'8 gennaio il KPD lasciò il Comitato Rivoluzionario dopo che i rappresentanti dell'USPD avevano invitato Friedrich Ebert ai colloqui. Mentre questi ebbero luogo, i lavoratori scoprirono su un volantino pubblicato da Vorwärts dal titolo "Die Stunde der Abrechnung naht!" (L'ora della resa dei conti è in arrivo!) sia sui Freikorps (organizzazioni paramilitari anti-repubblicane, che combatterono la Repubblica di Weimar e la rivoluzione di novembre), che l'amministrazione aveva assunto l'SPD per sopprimere i lavoratori. Ebert ordinò al ministro della Difesa Gustav Noske, membro anche dell'SPD, di farlo il 6 gennaio. Poi il Comitato Rivoluzionario interruppe i colloqui con l'SPD. La Lega Spartachista poi chiamò i suoi membri a partecipare ai combattimenti armati.

Attacco da parte dei Freikorps[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso giorno, Ebert ordinò ai Freikorps di attaccare i lavoratori. Gli ex soldati avevano ancora armi e attrezzature militari dalla prima guerra mondiale, che diede loro un vantaggio formidabile. Essi riconquistarono le strade e bloccarono rapidamente gli edifici; molti dei lavoratori si arresero. Circa 100 civili e 17 soldati dei Freikorps morirono durante i combattimenti. Liebknecht e Luxemburg vennero catturati e uccisi dai Freikorps.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • J. M. Winter (a cura di), Il mondo in guerra - Prima guerra mondiale, Selezione dal Reader's Digest, 1996, ISBN 88-442-0462-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]