Solcometro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Solcometro del XVIII secolo.

Il solcometro è uno strumento per la misurazione della velocità delle imbarcazioni.

Tipologie[modifica | modifica wikitesto]

Un solcometro del Musée national de la Marine (Parigi).

Ne esistono due forme principali:

  • solcometro a barchetta: è costituito da un galleggiante a forma di settore circolare (un quarto di cerchio) piombato nella parte curva in modo da galleggiare perpendicolarmente alla superficie dell’acqua e opporre resistenza al trascinamento; gettato in mare da poppa fa svolgere una sagola graduata con dei nodi a distanza fissa;
  • solcometro meccanico o a elica: è costituito da un'elica immersa, collegata con un contagiri a bordo.

Il solcometro a barchetta veniva gettato in mare, trattenuto da una sagola marcata con dei nodi posti a una distanza di 15,433 metri l’uno dall’altro, ovvero il percorso che farebbe una barca in 30 secondi se percorresse un miglio nautico ogni ora:

15,433 m / 30 s * 3600 s/h = 1852,0 m/h

Ogni nodo filato nei trenta secondi della clessidra corrispondeva quindi a una velocità di un miglio nautico all'ora. Per questo motivo l'unità di misura della velocità nautica è chiamato "nodo".

Il solcometro nella letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Nel romanzo Moby Dick di Herman Melville, ambientato nel XIX secolo, il capitano Achab, nella fase in cui - spinto dalla sua cieca ossessione - si avvicina all'equatore in cerca della balena bianca, è costretto a ricorrere al solcometro quale unico strumento disponibile a supporto della navigazione: le bussole, infatti, erano state messe fuori uso dai campi magnetici nel corso di una tempesta e il capitano stesso aveva precedentemente distrutto il quadrante, in uno dei suoi attacchi di follia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]