Solaris Bus & Coach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Solaris Bus & Coach
Logo
Solaris Bolechowo (001).jpg
Fabryka Solarisa, Bolechowo-Osiedle, Owińska
Stato Polonia Polonia
Tipo Società per azioni
Fondazione 1994 Neoplan Polska 1999 Solaris Bus & Coach a Bolechowo-Osiedle, Owińska (Poznań)
Sede principale Bolechowo-Osiedle
Filiali Środa Wielkopolska
Persone chiave
  • Krzysztof Olszewski, fondatore e presidente di Solaris Bus
  • Solange Olszewska, fondatore di Solaris Bus
Settore
Fatturato Green Arrow Up.svg 1.5 miliardi PLN (2011)
Dipendenti 3000
Slogan «Power of Enthusiasm»
Sito web www.solarisbus.com
Il Bassotto Verde, simbolo del pianale ribassato dei bus Solaris.

La Solaris Bus & Coach è un'azienda polacca che dal 1999 produce autobus, filobus, pullman e tram.

Si tratta di un'azienda a conduzione familiare di proprietà di Krzysztof Olszewski e di sua moglie Solange.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 l'ingegnere polacco Krzysztof Olszewski e sua moglie Solange Olszewska fondano l'ufficio di commercio della Neoplan Polska con sede a Varsavia. Lo stesso anno, viene prodotto il primo Neoplan polacco da 15 metri per l'MZA di Varsavia.

Tra il 1995 e il 1997 la famiglia Olszewski apre uno stabilimento a Bolechowo, nei pressi di Poznań, in Polonia iniziano a produrre 72 autobus per la città di Poznań, rimanendo gli unici produttori di autobus tra i 10 e i 18 metri in Polonia.

Nel 1998 vengono prodotti autobus per l'azienda Oriflame e per l'aeroporto di Varsavia-Okęcie.

I filobus sono realizzati in collaborazione con la società ungherese Ganz Electro o (la divisione ceca della) Cegelec. Entrambe le aziende fanno i dispositivi elettrici per veicoli.

Nel 2007 Solaris impiegava circa 1.200 addetti, nel 2009 circa 1.600. Oggi "Solaris Bus & Coach" costruisce circa 1.000-1.200 autobus all'anno.

Nel marzo 2014 Solaris festeggia il traguardo di 10 000 autobus venduti.[1]

Nell'agosto 2014 iniziano i lavori di ampliamento all'impianto di Bolechowo. L'investimento da 10 milioni di euro prevede un aumento dell'area di produzione di 7.500 m2.[1]

Design dei veicoli[modifica | modifica wikitesto]

Altra caratteristica che distingue gli autobus Solaris dai modelli di altre case costruttrici è la forma del parabrezza frontale e di altre caratteristiche che richiamano lievemente il design degli autobus Neoplan: il parabrezza con una linea inclinata, che permette, al conducente, anche una migliore visibilità del bordo del marciapiede sul lato destro del veicolo, aumentando così la sicurezza delle persone in attesa alla fermata dell’autobus.[2]

Produzione dei veicoli[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 vengono costruiti degli autobus Urbino da 12 metri per la città di Berlino e da 15 metri per la città di Ostrava, dopodiché, nel 2001 l'azienda cambia il nome da Neoplan Polska, a Solaris Bus & Coach Sp. z o.o.. Sempre nel 2001 la Solaris Bus & Coach presenta il primo filobus, il Solaris Trollino 12, i cui modelli definitivi vengono acquistati per le città di Gdynia e Riga. Nel 2002 vengono prodotti autobus Solaris Urbino da 12 e 18 metri per Berlino, tra cui il millesimo esemplare del modello Urbino; in più, esce la seconda generazione di quest'ultimo. L'anno successivo uscirà l'autobus interurbano Solaris Vacanza, disponibile in taglie da 12 e 13 metri. Sempre nel 2003 uscirà il Solaris Trollino 15, il primo filobus a pianale ribassato lungo 15 metri della Storia. Nel 2004 la Solaris lancia il Solaris Urbino CNG (propulsione a Gas Naturale Compresso) e l'Urbino Low Entry, ad entrata ribassata, oltre alla terza generazione dell'intera catena di autobus e filobus. La terza generazione è caratterizzata dal parabrezza dalle linee più morbide e arrotondate, e dagli interni più futuristici.

Nel 2006, la Solaris presenta il primo modello a trazione ibrida seriale del Solaris Urbino 18, prodotto in collaborazione con l'americana Allison Transmission, fornitrice del sistema a trazione ibrida.

Autobus ibridi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006, la Solaris presenta il primo modello a trazione ibrida seriale del Solaris Urbino 18, prodotto in collaborazione con l'americana Allison Transmission, fornitrice del sistema a trazione ibrida.

I modelli prodotti sono:

  • Solaris Urbino 18 Hybrid Allison, con trazione ibrida fornita da Allison Transmission, attualmente il più diffuso;
  • Solaris Urbino 12 Hybrid Škoda, un solo esemplare prodotto, assieme a Škoda Electric e Kiepe Electric;
  • Solaris Urbino 12,9 Hybrid, 2 esemplari realizzati con l'azienda finlandese Valmet Automotive, in servizio presso Tampere, Finlandia;
  • Solaris Urbino 18 DIWAhybrid, dotato di trazione ibrida parallela, prodotto con la Voith Turbo, e dotato di Supercapacitori;
  • Solaris Urbino 18 Hybrid Vossloh Kiepe prodotto in collaborazione con Vossloh Kiepe, dotato di supercapacitori, accumulatori ricaricabili tramite motore diesel Cummins e plug per ricarica tramite presa in sosta.
  • Solaris Urbino 12 Eaton, bus di prova a trazione ibrida, quest'ultima fornita dalla Eaton.

Tram[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 2006 e il 2007, Solaris fornì diversi componenti per i tram di Cracovia, in collaborazione con le aziende Bombardier ADTranz e Vossloh Kiepe. Nel 2009, la Solaris Bus introduce il prototipo Solaris Tramino, tram a pianale interamente ribassato.

I componenti del Tramino sono forniti da varie aziende specializzate: Voith (ingranaggi), MEDCOM (elettronica di trazione a IGBT), GHH, VEM Dresda, Hanning & Kahr, Hübner (snodo), Stemmann, Ultimate, e Konvekta (moduli aria condizionata).

La quarta generazione (Solaris Urbino IV)[modifica | modifica wikitesto]

Il nuovo Solaris Urbino 2015, versione da 18 metri, esposto all'IAA Hannover del 2014.

All'inizio dell'estate del 2014, la Solaris annunciò il lancio dei primi Solaris Urbino 12 e 18 di quarta generazione, tramite un sito internet dedicato.[3]

Presentato ed esposto nella sezione Veicoli Commerciali dell'IAA Hannover 2014, i nuovi Solaris ha subito un nuovo restyling con un design che ricorda le linee del Solaris Interurbino 12,8.

La nuova generazione è caratterizzata dallo spostamento del serbatoio del carburante presso il passaruota anteriore (similmente al Mercedes Benz Citaro), aumentando quindi lo spazio per i passeggeri in piedi, una cornice superiore che delimita il tetto del mezzo, il design frontale che ha un taglio netto arrotondato sul parabrezza e le linee in generale più squadrate.

Prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Autobus[modifica | modifica wikitesto]

Solaris Alpino[modifica | modifica wikitesto]

  • Solaris Alpino 8,6 LE
  • Solaris Alpino 8,9 LE

Solaris Urbino[modifica | modifica wikitesto]

Un Solaris Urbino 18 Hybrid MetroStyle Allison

Solaris Trollino[modifica | modifica wikitesto]

Un Solaris Urbino 18 Hybrid Vossloh Kiepe

Solaris Metrostyle[modifica | modifica wikitesto]

Il Solaris MetroStyle è una linea di autobus Solaris esteticamente modificati, in vista di un uso praticamente esclusivo sulle linee di tipo BRT, Bus Rapid Transit, e quindi dove costruire tranvie non è possibile. Essi sono dotati di un design futuristico che riprende in particolar modo le linee del tram Solaris Tramino (da quest'ultimo, specialmente il lato frontale del mezzo) assumendo quindi una maggiore aerodinamicità, a scapito però della porta anteriore che da due ante rototraslanti passa ad anta singola.

Nel 2014, è stata prodotta una versione MetroStyle del Solaris Trollino 12, che circolerà a Castellón de la Plana, in Spagna.

  • Solaris Urbino 18 MetroStyle (versione diesel Euro 5 o Euro 6)
  • Solaris Urbino 18 Hybrid MetroStyle, (versione a trazione ibrida)
  • Solaris Trollino 18 MetroStyle (versione filobus equipaggiata da Cegelec in servizio a Salisburgo)
    Un Solaris Urbino 8,9LE Electric a Poznań

Altri modelli[modifica | modifica wikitesto]

  • Solaris InterUrbino 12 (interurbano a pianale rialzato, diesel)
  • Solaris InterUrbino 12,8 (interurbano a pianale rialzato, diesel)
  • Solaris Vacanza 12 (pullman GT, diesel)
  • Solaris Vacanza 13 (pullman GT, diesel)
  • Solaris Valletta (prodotto in sole 4 unità destinate a Malta. Ora fuori produzione.)

Autobus speciali[modifica | modifica wikitesto]

Il prototipo Solaris Tramino S100 in prova

Solaris Bus ha prodotto anche diversi autobus per compiti speciali:

  • Neoplan N4009 VIP, midibus Neoplan per il trasporto VIP nell'aeroporto di Varsavia;
  • Oribus, autobus Neoplan convertito in salone di bellezza per l'azienda Oriflame;
  • Solaris Airport Bus, modelli Solaris Urbino 10 e 12 convertiti in autobus aeroportuali con l'aggiunta di porte su entrambi i lati e aumento della capacità dei passeggeri. Gli Airport Bus si trovano negli aeroporti di Łódź, Varsavia, Stoccarda, Amburgo e Ostrava.
Solaris Vacanza 13

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Gli autobus Solaris sono stati acquistati anche al di fuori dell'Europa, in particolare negli Emirati Arabi Uniti, a Dubai, e in Turchia, a Izmir, con i modelli Urbino 18.

Gli autobus Solaris sono diffusi in tutta Europa.

I tram Tramino sono presenti in quattro città europee: Jena e Braunschweig (Germania), Olsztyn, Stettino e Poznań (Polonia).

I filobus Trollino sono diffusi in diverse nazioni europee quali Polonia, Repubblica Ceca, Bulgaria, Ungheria, Austria, Germania e Italia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b About us - Solaris Bus and Coach, su solarisbus.com. URL consultato il 29 dicembre 2015.
  2. ^ Urbino, solarisbus.com.
  3. ^ HUEVO Solaris Bus & Coach, The New Solaris, new-solaris.com.
  4. ^ Two Solaris Urbino 18,75 electric with fuel cells delivered to Hamburg. The articulated battery bus is awarded the International busplaner Sustainability Prize 2015. Dal sito Solaris Bus&Coach: https://solarisbus.com/firm/#goTo%7Cfirm_scene11
Controllo di autorità VIAF: (EN300499245