Sois

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il cognome, vedi Sois (cognome).
Sois
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto-Stemma.png Veneto
ProvinciaProvincia di Belluno-Stemma.png Belluno
ComuneBelluno-Stemma.png Belluno
Territorio
Coordinate46°07′57″N 12°10′04″E / 46.1325°N 12.167778°E46.1325; 12.167778 (Sois)Coordinate: 46°07′57″N 12°10′04″E / 46.1325°N 12.167778°E46.1325; 12.167778 (Sois)
Altitudine471 m s.l.m.
Abitanti700[1]
Altre informazioni
Cod. postale32100
Prefisso0437
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantisuvissani
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sois
Sois

Sois è una frazione del comune di Belluno di circa 700 abitanti, sita su di un'altura da cui si domina tutta la Valbelluna.

Chiese e monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Di particolare interesse la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta del 1264 ampliata successivamente nella seconda metà del Cinquecento, che sorge su di una collina posta tra il paese di Sois e la piccola frazione di Antole. All'interno dell'edificio sacro è conservato un pregevole ciclo di pitture dedicate alla vita di Maria opera di Francesco Frigimelica il vecchio: tale ciclo pittorico è stato recentemente ristrutturato. Al centro del paese sorge la piccola chiesa dello Spirito Santo costruita nella prima metà del Duecento e al cui interno è conservata una pala dedicata a San Gervasio, opera di Protasio Alchini (1668 - 1743). Nella frazione di Mier sorge la quattrocentesca chiesa di San Vito con il suo interessante campanile a vela posto sopra il timpano della facciata: la tradizione narra che i bellunesi si recassero in pellegrinaggio in questo luogo sacro per guarire dall'insonnia o dal troppo sonno.

A nord del paese di Sois si ergono verso il cielo le canne fumarie sorrette da archi a sesto acuto delle antiche fornaci, esempio di archeologia industriale risalenti alla prima metà dell'Ottocento: le fornaci erano collegate alla città di Belluno da una linea ferroviaria a scartamento ridotto.

A Sois è nato il celebre fotografo e reporter Mario De Biasi.

Toponomastica[modifica | modifica wikitesto]

La frazione è costituita da cinque vie principali (via Sois, via Bios, via Mier, via A. Schiocchet e via Mares) e da due piazze (piazza S. Barozzi e piazza G. Catarossi).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ circa

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Flavio Vizzutti, Le chiese della parrocchia di Antole-Sois, Belluno, Tipografia Piave, 2003.
  • Gigetto De Bortoli, Andrea Moro, Flavio Vizzutti, Belluno: storia, architettura, arte, Belluno, Istituto Bellunese di Ricerche Sociali e Culturali, 1984.