Sofia Viscardi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sofia Viscardi al Palazzo del Quirinale nel 2019

Sofia Viscardi (Milano, 11 maggio 1998) è una youtuber e scrittrice italiana, autrice del romanzo Succede, dal quale nel 2018 è stato tratto l'omonimo film.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sofia Viscardi conduce la cerimonia di consegna degli Attestati d'Onore agli Alfieri della Repubblica (2019).

Nata a Milano, frequenta il liceo classico per poi passare al liceo delle scienze umane,[1] dove si diploma nel 2017. Dal 2014 è diventata famosa su YouTube per il suo canale, dove fa vlog (fusione delle parole inglesi video-blog) che raccontano la sua vita, i suoi problemi, il suo modo di vestirsi ed altro ancora. Nel 2015 pubblica un'intervista con lo scrittore Roberto Saviano.[2]

Nel 2016 ha vinto il premio come Youtuber Italiano Preferito ai Kids' Choice Awards[3] ed è stata reporter nel backstage agli MTV Awards.[4] Ha condotto una rubrica all'interno del programma di Rai 3 Quante storie.[5][6]

Nel 2016 pubblica il suo primo libro, Succede, dal quale nel 2018 è stato tratto l'omonimo film. Lo stesso anno pubblica il suo secondo romanzo, Abbastanza[7] e viene inclusa fra i "Forbes 100 Under 30" italiani.[8]

Dopo aver incontrato -nel 2018- il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella assieme ad altri youtuber,[9] il 13 marzo 2019 ha condotto la cerimonia di consegna dei titoli di Alfiere della Repubblica al Palazzo del Quirinale.[10] A margine della cerimonia ha dialogato con Mattarella.[11]

È cugina, da parte di madre, dell'attrice fiorentina Vittoria Puccini[12].

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

È stata attaccata sui social per l’ideologia politica di sinistra a favore dell’immigrazione e per lo schieramento dalla parte di Laura Boldrini. La youtuber avrebbe criticato in un'intervista a Matrix da Nicola Porro le idee sovraniste di Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aldo Cazzullo, Sofia Viscardi: «Vi spiego chi sono i vostri figli», Corriere della Sera, 4 febbraio 2017. URL consultato il 16 marzo 2019.
  2. ^ Chi è Sofia Viscardi, Il Post, 15 giugno 2015. URL consultato il 14 marzo 2019.
  3. ^ The Kolors e Sofia Viscardi vincono i Kids’ Awards, Il Piccolo, 14 marzo 2016. URL consultato il 14 marzo 2019.
  4. ^ Elisabetta Rossi, MTV Awards 2016: tutti i vincitori della quarta edizione, Il Giornale, 20 giugno 2016. URL consultato il 16 marzo 2019.
  5. ^ Giulio Pasqui, Sofia Viscardi a Blogo: "Rai 3? Racconterò la mia generazione agli spettatori più adulti", su tvblog.it, 28 giugno 2016. URL consultato il 16 marzo 2019.
  6. ^ Alessio Caprodossi, La youtuber Sofia Viscardi: “I miei video piacciono perché racconto cose vere”, su ilgazzettino.it, 1º dicembre 2016. URL consultato il 16 marzo 2019.
  7. ^ Mattia Carzaniga, Sofia Viscardi, il mito delle adolescenti, Donna Moderna, 6 aprile 2018. URL consultato il 14 marzo 2019.
  8. ^ Daniel Settembre, Forbes Under 30, la carica dei 100 italiani, Forbes Italia, 27 febbraio 2018. URL consultato il 14 marzo 2019.
  9. ^ Mattarella incontra i giovani youtuber protagonisti del web, su notizie.tiscali.it, 31 gennaio 2018. URL consultato il 16 marzo 2019.
  10. ^ Il Presidente Mattarella ha consegnato i titoli di Alfiere della Repubblica, Presidenza della Repubblica, 13 marzo 2019. URL consultato il 14 marzo 2019.
  11. ^ Mattarella alla youtuber Sofia Viscardi: "Cosa mi direi se avessi vent'anni? Parla con chi non la pensa come te", La Repubblica, 13 marzo 2019. URL consultato il 14 marzo 2019.
  12. ^ Stefania Saltalamacchia, Sofia Viscardi:«Io che mi piaccio così come sono», su vanityfair.it, 20 febbraio 2017. URL consultato il 16 marzo 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]