Sofia Jakobsson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sofia Jakobsson
Sofia Jakobsson in 2011.JPG
Sofia Jakobsson con la maglia della nazionale nel 2011
Nazionalità Svezia Svezia
Altezza 174 cm
Peso 62 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Montpellier
Carriera
Squadre di club1
2006600px Rosso e Rosso.png Hägglunds
2007Öster21 (9)
2007-2011Umeå IK58 (18)
2011-2013Rossijanka13 (9)
2013Chelsea11 (6)
2013-2014Cloppenburg22 (5)
2014-Montpellier86 (47)
Nazionale
Svezia Svezia U-179 (7)
2007-200?Svezia Svezia U-1938 (17)
2010Svezia Svezia U-204 (1)
Svezia Svezia U-233 (2)
2011-Svezia Svezia95 (16)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Rio de Janeiro 2016
Transparent.png Mondiali di calcio femminile
Bronzo Germania 2011
Bronzo Francia 2019
Transparent.png Europei di calcio femminile
Bronzo Svezia 2013
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 12 gennaio 2019 (club)
22 gennaio 2019 (nazionale)

Sofia Jakobsson (Örnsköldsvik, 23 aprile 1990) è una calciatrice svedese, attaccante del Montpellier e della nazionale svedese.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Sofia Jakobsson inizia ad essere chiamata dalla federazione calcistica della Svezia (Svenska Fotbollförbundet - SvFF) per vestire le formazioni giovanili della nazionale, passando dalla Under-17 (9 presenze e 7 reti) alla Under-19, con la quale raggiunge le semifinali all'Europeo di categoria di Francia 2008 e la finale di Bielorussia 2009 persa con l'Inghilterra, e a seguire la Under-20, eliminate al Mondiale di Germania 2010, e fino al raggiungimento dell'età massima con la Under-23.[1][2]

Nel 2011 Jakobsson viene convocata dall'allora ct Thomas Dennerby per indossare la maglia della nazionale maggiore impegnata alla fase finale del campionato mondiale di Germania 2011. Inserita da Jakobsson nella lista delle 21 giocatrici emessa il 30 maggio 2011[3], condivide con le compagne il percorso della sua nazionale, il terzo posto ottenuto battendo la Francia nella finalina del 16 luglio. Durante il torneo Dennerby la impiega in due occasioni, durante la fase a gironi, il 28 giugno, nell'incontro vinto per 1-0 sulle avversarie della Colombia, e nella semifinale del 13 luglio, dove la Svezia viene superata dal Giappone per 3-1.[1]

Dennerby la conferma anche per l'anno successivo inserendola in rosa nella formazione che rappresenta la Svezia al torneo di calcio femminile dei Giochi della XXX Olimpiade di Londra 2012. la squadra, superata al primo posto la fase a gironi ritrova la Francia ai quarti di finale che la elimina dal torneo nell'incontro del 3 agosto vinto dalle Blues per 2-1. Jakobsson viene impiegata in tutti i quattro incontri disputato dalla Svezia..[1]

La Jakobsson nel 2015 durante il match Svezia-Danimarca.

L'avvicendamento sulla panchina della nazionale, affidata a Pia Sundhage dopo il termine delle Olimpiadi, non pregiudica la sua presenza con la maglia della Svezia, ottenendo una rinnovata fiducia dal nuovo ct.

Ai mondiali del 2015 in Canada ha segnato una rete contro l'Australia.

L'infortunio subito durante la stagione di D1 con il Montpellier le pregiudica l'inserimento in rosa per l'Europeo dei Paesi Bassi 2017, costringendo Soundage a rinunciare a un'importante pedina nel settore offensivo.[4]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Campionato russo: 1

Rossiyanka: 2011-2012

Campionato svedese: 2

Umeå: 2007, 2008

Coppa di Svezia: 1

Umeå: 2007

Supercoppa svedese: 2

Umeå: 2007, 2008

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Rio de Janeiro 2016

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c FIFA, Sofia Jakobsson.
  2. ^ SvFF, Sofia Jakobsson.
  3. ^ (DE) Göransson fährt mit Schweden zur WM, su womensoccer.de, 30 maggio 2011. URL consultato il 22 giugno 2017.
  4. ^ (EN) Sofia Jakobsson out with ACL injury, su vavel.com, 1º febbraio 2017. URL consultato il 22 giugno 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]