Manfredonia Calcio 1932

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Manfredonia Calcio 1932 SSD
Calcio Football pictogram.svg
Donia, Delfini, Biancocelesti, Biancoazzurri, Sipontini
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px H Stripes Blue HEX-83D2F3 White.svg Bianco, celeste
Simboli Delfino
Inno Figlio unico e Su sempre su
Riccardo Del Turco; Daniele Tuppi & Giuseppe Prencipe detto Pupirato
Dati societari
Città Manfredonia
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Eccellenza
Fondazione 1932
Rifondazione1950
Rifondazione2010
Rifondazione2018
Presidente Italia Giuseppe Di Benedetto
Allenatore Italia Pasquale De Candia
Stadio Miramare
(4 076 posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Il Manfredonia Calcio 1932 S.S.D. a r.l., o semplicemente Manfredonia, è una società calcistica italiana con sede nella città di Manfredonia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 1932 viene fondata, come da volontà del PNF, l'Associazione Sportiva Manfredonia. Nel 1933-1934 disputa il suo primo campionato in Seconda Divisione Pugliese ottenendo la promozione in Prima Divisione Interregionale (attuale Serie C). Retrocede subito, ma l'anno seguente, il 1935-1936, centra nuovamente la promozione in Serie C. Rimase in questa categoria fino al 1939-1940, anno della retrocessione in Prima Divisione Pugliese, ma nel 1940-1941 si iscrisse, per questioni economiche, alla Seconda Divisione Pugliese con la denominazione di Polisportiva Manfredonia.

Dal dopoguerra agli anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1945 nascono numerose formazioni quali La Terra Apulia, La Sipontina, l'A.S. Manfredonia Benedetto Fatone e la Libertas. È proprio quest'ultima la formazione che si impone nel calcio sipontino la quale, nell'estate del 1950 cambia nome, fondendosi con la neonata A.S. Manfredonia e partecipando al torneo di Prima Categoria 1950-1951.

Nel 1951-1952 il Manfredonia, con l'allenatore Gai e il presidente Amedeo Del Vecchio riesce ad arrivare fino al campionato di Promozione stabilendo il primato nazionale di 106 gol in un torneo.

La stagione successiva si sfiora la IV Serie (Serie D), e negli anni a seguire la squadra non va oltre la Prima Categoria.

Il Manfredonia a Foggia contro il Cerignola, campionato 1966-1967.

La squadra milita in Prima Categoria fino alla stagione 1966-67. In questo campionato con il presidente Saverio Petrangelo si conquista la tanto attesa IV Serie o Serie D e si arriva anche ai quarti di finale di Coppa Italia contro l'Impruneta.

Nel 1971-1972 la squadra retrocede in Promozione, ma la stagione successiva (1972-1973) riconquista la Serie D che viene mantenuta per 4 anni fino alla retrocessione nel 1977-1978.

Nel campionato di Promozione del 1978-79 il Manfredonia retrocede e 4 anni più tardi, nel 1981-1982, riconquista l'Interregionale (ex Serie D).

Gli anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1990-1991 retrocede in Eccellenza.

La squadra retrocede in Promozione nel campionato 1994-1995. Nella stagione seguente sfiora la promozione nel campionato, che viene poi centrata nel 1996-97. In Promozione il Manfredonia toccherà il punto più basso della sua storia dalla stagione 1966-1967.

Nel 1998-1999 il campionato di Eccellenza viene vinto dal Locorotondo e il Manfredonia è promosso in Serie D dopo le vittorie negli spareggi contro il Venafro e l'Orlandina. Saranno quattro stagioni dove l'obiettivo è la salvezza, e questo è stato sempre raggiunto, anche con le partenze e l'avvicendarsi di parecchi allenatori. I proprietari del club garganico Troiano e Cozzolini non hanno né i mezzi né la possibilità di portare la squadra garganica a ben altri livelli.

Gli anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 2003, la S.S. Manfredonia Calcio viene ceduta al giovane assessore comunale e provinciale Angelo Riccardi che rileva il club con altri venti imprenditori locali. La panchina viene inizialmente affidata ad Angelo Carrano, sostituito a metà campionato da Leonardo Bitetto, che guiderà il Manfredonia a due promozioni consecutive, fino a raggiungere la Serie C1 al termine del campionato di 2004-2005.

Durante il campionato di Serie C1 2005-2006, Bitetto viene esonerato lasciando il posto a Salvo Fulvio D'Adderio. Il Manfredonia si classificherà decimo. L'anno successivo i biancocelesti (con Danilo Pierini prima e successivamente Francesco D'Arrigo) centrano la nona posizione, che è tuttora il miglior piazzamento nella storia della società. Nel torneo successivo però, nonostante l'arrivo del D.S. Giuseppe Pavone (fra i protagonisti di Zemanlandia, l'epopea del Foggia in Serie A) la squadra retrocede in Serie C2, a causa della classifica avulsa sfavorevole nei confronti del Verona.

Per il campionato 2008-2009 torna in panchina D'Arrigo. La squadra riesce a centrare la salvezza ai play-out, vincendo sia la gara di andata che di ritorno contro l'Isola Liri.

Il 25 giugno 2009 durante l'assemblea ordinaria dei soci, viene nominato nuovo presidente del club garganico Michele Balzamo che succede ad Angelo Riccardi, che lascia dopo sei anni di gestione. Il 15 febbraio successivo, Balzamo rassegna le proprie dimissioni dopo diversi problemi societari. Sul campo la squadra allenata dal mister Giovanni Bucaro trova la salvezza.

Gli anni duemiladieci[modifica | modifica wikitesto]

Al termine della stagione 2009-2010, la crisi societaria si aggrava, la società in vendita non trova acquirenti. Il 9 luglio 2010, tramite un comunicato ufficiale, la società comunica di non presentare ricorso all'esclusione della squadra dal campionato di Lega Pro Seconda Divisione a causa di inadempienze, e la conseguente retrocessione d'ufficio nei dilettanti. La storia anche legale della vecchia società ebbe fine tre anni dopo, l'11 settembre 2013, con la radiazione dalla FIGC per fallimento.[1]

Il 22 luglio successivo nasce la base societaria dell'A.S.D. Manfredonia Football 1932 con soci Casalino e Sdanga e presidente Pasquale Pappalardo. Come primo atto la nuova società inoltra la domanda alla FIGC di prendere parte al successivo campionato di Serie D, ma la Federazione rigetta la richiesta e decide di far ripartire la squadra sipontina dal campionato 2010-2011 di Eccellenza.

Il 13 agosto viene ufficializzato l'arrivo di Karel Zeman (figlio di Zdeněk Zeman) come nuovo allenatore. Il 5 ottobre viene nominato nuovo presidente Lino Troiano (già presidente del club nel 2002-2003), dopo le dimissioni di Pappalardo, entra in società anche Lello Di Lascia. Il giorno seguente viene esonerato Karel Zeman, contestato dalla tifoseria perché, dopo sette giornate, era riuscito ad ottenere solo un punto facendo precipitare la squadra all'ultimo posto, venendo sostituito da Matteo Zito. Il 9 dicembre Zito si dimette, lasciando la squadra all'ultimo posto con soli 7 punti, frutto di 1 vittoria, 4 pareggi e 12 sconfitte. La squadra viene affidata a Matteo D'Arienzo e termina il campionato al sedicesimo posto. Ai play-out ha la meglio nella doppia sfida contro lo Stefanizzi Sogliano e in finale contro il Castellana Grotte, conquistando la salvezza.

Lo stemma dell'A.S.D. Manfredonia Calcio.

A fine stagione lascia la carica di presidente Lino Troiano dopo non esser stato riconfermato dal consiglio dei soci. Il 28 giugno 2011 viene ufficializzato l'arrivo del nuovo allenatore Franco Cinque, scelta non condivisa dalla tifoseria e dopo dure contestazioni il 22 luglio arrivano le dimissioni in blocco dell'allenatore e dell'intera società. Dopo il cambio di denominazione sociale, rientrano le dimissioni della compagine sociale e viene nominato presidente Antonio Sdanga, già vicepresidente e socio di maggioranza. La squadra chiude il campionato al quarto posto venendo eliminata ai play-off dall'Atletico Corato.

Nel mese di luglio 2012 Sdanga presenta le sue dimissioni salvo poi confermare il proprio ruolo in un momento successivo.[2] La squadra viene affidata dapprima Matteo D'Arienzo alla guida della squadra[3] ed in seguito a Franco Cinque.[4] Al termine della regular season si classificherà terza. Dopo aver eliminato ai play-off regionali Audace Cerignola e Terlizzi, ha la meglio ai play-off nazionali su Rende e Atletico Campofranco in finale, venendo promossa in Serie D il 16 giugno.

Dopo quattro stagioni anonime in Serie D, i sipontini retrocedono in Eccellenza al termine del campionato 2017-2018. La società, tuttavia, non formalizza l'iscrizione al successivo torneo. Il 24 luglio il giovane imprenditore locale Raffaele Pio De Nittis fonda il Manfredonia Calcio 1932 S.S.D. a.r.l.,[5] che viene iscritto al campionato regionale di Prima Categoria.[6] Il Campionato di Prima Categoria 2018/19, è un torneo che vede i sipontini segnare ben 127 compreso lo spareggio per l'ammissione alla categoria superiore. Il bomber è Pasquale Trotta che segnerà 42 reti, record assoluto per un calciatore. I biancoazzurri si classificheranno al secondo posto, dietro alla United Sly Bari. Proprio la gara casalinga nel girone di ritorno contro i biancorossi (10/02/2018) darà adito a tante polemiche per un risultato finale (1 a 1) che penalizza i sipontini, i quali reclamano sul finale di gara un calcio di rigore non assegnato. Per le statistiche è la prima volta nella storia del calcio locale che si affrontano due squadre di Manfredonia nello stesso campionato, in un derby inedito contro il Manfredonia Football Club del patron Mirko Di Fiore. Il derby si disputerà anche in Coppa Puglia. Nella stagione regolare le due gare si sono disputate il 02/12/2018 e il 24/03/2019 con vittoria dei delfini per 6 a 2 e per 6 a 0.

Gli anni duemilaventi[modifica | modifica wikitesto]

Il Manfredonia Calcio conferma per la quasi totalità la rosa del precedente torneo e chiude il girone di andata con quarantatré punti, frutto di quattordici vittorie ed un pareggio, nelle quindici gare disputate. Ottiene anche la migliore sequenza di punti in tutti i tornei di Promozione italiani. Un risultato eccellente per il team capitanato dal Presidente Raffaele Pio De Nittis e guidato tecnicamente da mister Luigi Agnelli, il quale però dopo alcuni pareggi e la sconfitta di Bitritto (peraltro condizionata da una serie di assenze) che gli faranno perdere la prima posizione, lascerà la guida tecnica. Il suo posto viene preso da Giuseppe "Pino" Lo Polito, il quale però non riesce a chiudere il torneo, che si fermerà alla 25ª giornata, con la compagine in seconda posizione in classifica e che verrà successivamente ripescata in Eccellenza pugliese per il campionato 2020/21. A tal proposito il maggiore dei tornei dilettantistici regionali verrà modificato con la nuova formula di due gironi da 14 squadre, per un totale di 28 partecipanti. Da ricordare dell'ultimo torneo sospeso e chiuso per l'emergenza Covid19, la vittoria contro la United Sly Bari, che fino al 1º marzo 2020 era in testa alla graduatoria. La gara di andata disputata l'8 dicembre 2019, di fronte a un pubblico di oltre 3000 spettatori (record per la Promozione), viene vinta dai Delfini per 1 a 0.

La fase pre-campionato della stagione 2020/2021 si presenta ambigua per il Manfredonia appena tornato nel massimo torneo regionale: dopo l'annuncio del nuovo allenatore, Massimo Olivieri, quest'ultimo, per voci mai confermate di incomprensioni, viene sostituito dopo pochi giorni con Danilo Rufini, vecchia conoscenza della compagine sipontina. Il Manfredonia inizia però il campionato senza un importante avversario, lo Sly Trani, società nata dalla fusione tra la United Sly Bari e la società giovanile San Gerardo di Corato, dato il disimpegno del Presidente Danilo Quarto e la successiva rinuncia da parte della squadra a disputare il campionato, portando così il girone A di Eccellenza Pugliese a 13 squadre, senza alcun ripescaggio. A poche giornate dall'inizio il Manfredonia si vede primo in classifica ma, tra ottobre e novembre, data la nuova situazione pandemica, la LND decide di sospendere tutti i campionati dillettantistici. Il campionato riprenderà in seguito nella metà di aprile 2021, con senza la possibilità per i tifosi di poter assistere alle partite e con la decisione di concludere solo il girone d'andata. Il Manfredonia Calcio disputa un eccellente campionato, contendendosi la vetta della classifica con il Barletta. Alla fine della penultima giornata il Manfredonia, già qualificato ai play-off, si ritrova a 23 punti, uno solo in più rispetto ai biancorossi, e con cui disputeranno l'ultima e decisiva partita fuori casa; il match non finisce come sperato: il Barletta sconfigge in casa i sipontini per 3 a 2, infliggendo loro la prima e unica sconfitta in campionato piazzandoli al secondo posto. La semifinale per gli spareggi intergirone rappresentano un'ulteriore delusione per il Manfredonia che, nonostante l'incredibile partita del capitano e bomber Pasquale Trotta, alla fine dei tempi supplementari perde 4-3.

La stagione 2021/2022 vede un altro cambio alla guida tecnica: viene esonerato il mister Danilo Rufini in favore di Celestino Ricucci. L'inizio del campionato non è dei migliori nonostante il Manfredonia fosse una tra le favorite: infatti alla fine di settembre anche Ricucci viene esonerato e sostituito con Franco Cinque, già allenatore del Manfredonia e autore dell'ultima promozione della squadra in Serie D. Viene inoltre effettuato un cambio al vertice: alla fine del 2021 l'Ing. Gianni Rotice, dopo l'elezione a Sindaco di Manfredonia, lascia la presidenza della squadra all'imprenditore Michele D'Alba. La stagione, anche grazie ai nuovi innesti, vede il Manfredonia risalire lentamente la classifica, non assumendo però lo sperato ruolo da protagonista, con Barletta e Corato ancorate saldamente alle prime due posizioni e arrivando quarta dietro il Di Benedetto Trinitapoli (ex Audace Barletta), risultato non utile a causa dell'abolizione dei play-off per quella stagione. Il risultato finale arriva nonostante la temporanea "trasferta" del Manfredonia che, a causa della mancata proroga per l'utilizzo del campo del Miramare, non più a norma, è costretta a giocare le partite in casa al campo sportivo del confinante Comune di Monte Sant'Angelo.

Sono importanti le novità in riva al Golfo di Manfredonia per la squadra, venendo effettuato un radicale cambio all'interno di tutta la società: dopo 20 anni dalla sua inaugurazione, comincia lo smantellamento del vecchio manto erboso del "Catino" in favore di un campo moderno e che rispetti le norme FIGC. Nel giugno 2022 Michele D'Alba si dimette dal ruolo di Presidente per passare le redini a Giuseppe Di Benedetto, imprenditore ofantino ex patron del Di Benedetto Trinitapoli, la stessa squadra arrivata terza nella precedente stagione sopra il Manfredonia. I cambi arrivano anche nella squadra tecnica e nell'organigramma: l'allenatore Franco Cinque viene sostituito con Pasquale De Candia, coadiuvato da Nicola De Santis come allenatore in seconda e vengono nominati Fabio Moscelli come Direttore Sportivo, Angelo Vitulano come Direttore Generale e Antonio Crudele come Team Manager. Lo stravolgimento prende anche la squadra: molti sono gli addii tra cui Nino Morra, Matteo Stoppiello, Nicola Salvemini e il capitano e capocannoniere Pasquale Trotta che passano alla corte del San Severo, ritrovando come allenatore un altro ex "sipontino", Danilo Rufini. Unica riconferma quella del centrocampista Benny Cicerelli. La campagna acquisti 2022/2023 non si fa attendere e il Manfredonia porta in squadra nomi importanti per un campionato d'Eccellenza, tra cui Vito Morra (attaccante), Onofrio Turitto (centrocampista), Luigi Dinielli (difensore), Matteo Triggiani (attaccante) e Francesco Potenza (attaccante). Al termine del girone di andata del campionato di Eccellenza Puglia il Manfredonia si ritrova ad essere primo in classifica, con 30 punti collezionati in 9 vittorie, tre pareggi e una sconfitta, e finalista della Coppa Italia Eccellenza Puglia contro il Manduria.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Manfredonia Calcio 1932 Società Sportiva Dilettantistica
  • 1932 - Fondazione dell'Associazione Sportiva Manfredonia.
  • 1932-1933 - Attività calcistica a carattere episodico.
  • 1933-1934 - 2º nel girone A di Seconda Divisione Puglia. Promosso in Prima Divisione.
  • 1934-1935 - 9º nel girone G di Prima Divisione. Retrocesso nella Prima Divisione regionale.
  • 1935-1936 - 1º in Prima Divisione Puglia. Promosso in Serie C.
  • 1936-1937 - 6º nel girone G di Serie C.
  • 1937-1938 - 8º nel girone H di Serie C.
  • 1938-1939 - 11º nel girone G di Serie C.
  • 1939-1940 - 15º nel girone H di Serie C. Retrocesso in Prima Divisione.
Turno di qualificazione della Coppa Italia.
  • 1940 - Rinuncia alla categoria per motivi economici, iscrivendosi al campionato di Seconda Divisione. Cambia denominazione in Polisportiva Manfredonia.

  • 1940-1941 - 4º nel girone A di Seconda Divisione Puglia.
  • 1941 - Rinuncia a iscriversi al campionato successivo.
  • 1949-50 - La Libertas 1ª nel girone A di Seconda Divisione Puglia. Promossa in Prima Divisione.

  • 1950 - La Libertas si fonde con la neo costituita Associazione Sportiva Manfredonia, mantenendo la denominazione di quest'ultima e il titolo sportivo di Prima Divisione.
  • 1950-1951 - 4º nel girone A di Prima Divisione Puglia.
  • 1951-1952 - 1º nel girone A di Prima Divisione Puglia. Vince le finali regionali. Ammesso nella nuova Promozione regionale.
  • 1952-1953 - 2º in Promozione Puglia.
  • 1953-1954 - 3º in Promozione Puglia.
  • 1954-1955 - 4º in Promozione Puglia.
  • 1955-1956 - 5º in Promozione Puglia.
  • 1956-1957 - 10º in Promozione Puglia. Ammesso nel Campionato Dilettanti.
  • 1957-1958 - 13º nel Campionato Dilettanti Puglia.
  • 1958-1959 - 8º nel Campionato Dilettanti Puglia. Ammesso in Prima Categoria.
  • 1959-1960 - 4º nel girone A di Prima Categoria Puglia.

  • 1960-1961 - 7º nel girone A di Prima Categoria Puglia.
  • 1961-1962 - 11º nel girone A di Prima Categoria Puglia. Retrocesso in Seconda Categoria, successivamente ripescato.
  • 1962-1963 - 5º nel girone A di Prima Categoria Puglia.
  • 1963-1964 - 7º nel girone A di Prima Categoria Puglia.
  • 1964-1965 - 10º nel girone A di Prima Categoria Puglia.
  • 1965-1966 - 3º nel girone A di Prima Categoria Puglia.
  • 1966-1967 - 1º nel girone A di Prima Categoria Puglia. Promosso in Serie D.
Quarti di finale della Coppa Italia Dilettanti.

  • 1970-1971 - 9º nel girone H di Serie D.
  • 1971-1972 - 16º nel girone H di Serie D. Retrocesso in Promozione.
  • 1972-1973 - 1º nel girone A di Promozione Puglia. Promosso in Serie D.
  • 1973-1974 - 9º nel girone H della Serie D. Diventa società per azioni.
  • 1974-1975 - 12º nel girone H della Serie D.
  • 1975-1976 - 11º nel girone H della Serie D.
  • 1976-1977 - 11º nel girone H della Serie D.
  • 1977-1978 - 17º nel girone H della Serie D. Retrocesso in Promozione.
  • 1978-1979 - 16º nel girone A di Promozione Puglia. Retrocesso in Prima Categoria Puglia.
  • 1979-1980 - 2º nel girone A di Prima Categoria Puglia.

  • 1980-1981 - 1º nel girone A di Prima Categoria Puglia. Promosso in Promozione.
  • 1981-1982 - 1º nel girone A della Promozione Puglia. Promosso nel Campionato Interregionale.
  • 1982-1983 - 6º nel girone L del Campionato Interregionale.
  • 1983-1984 - 2º nel girone L del Campionato Interregionale.
  • 1984-1985 - 3º nel girone H del Campionato Interregionale.
  • 1985-1986 - 8º nel girone H del Campionato Interregionale.
  • 1986-1987 - 2º nel girone H del Campionato Interregionale.
Quarti di finale della fase Interregionale della Coppa Italia Dilettanti.
  • 1987-1988 - 7º nel girone H del Campionato Interregionale.
  • 1988-1989 - 8º nel girone G del Campionato Interregionale.
  • 1989 - Cambia denominazione in Società Sportiva Manfredonia Calcio S.r.l.
  • 1989-1990 - 14º nel girone G del Campionato Interregionale.

  • 1990-1991 - 18º nel girone L del Campionato Interregionale. Retrocesso in Eccellenza
  • 1991-1992 - 5º in Eccellenza Puglia.
  • 1992-1993 - 13º in Eccellenza Puglia.
  • 1993-1994 - 9º in Eccellenza Puglia.
  • 1994-1995 - 14º in Eccellenza Puglia. Retrocesso in Promozione.
  • 1995-1996 - 2º nel girone A della Promozione Puglia.
  • 1996-1997 - 1º nel girone A della Promozione Puglia. Promosso in Eccellenza
  • 1997-1998 - 5º in Eccellenza Puglia.
  • 1998-1999 - 2º in Eccellenza Puglia. Vince i play-off nazionali, contro Venafro e Orlandina. Promosso in Serie D.
  • 1999-2000 - 12º nel girone H di Serie D.
Sedicesimi di finale della Coppa Italia Serie D.

Ottavi di finale della Coppa Italia Serie D.
Trentaduesimi di finale della Coppa Italia Serie D.
Trentaduesimi di finale della Coppa Italia Serie D.
  • 2003-2004 - 1º nel girone H di Serie D. Promosso in Serie C2.
Finale della Poule Scudetto Dilettanti.
Secondo turno della Coppa Italia Serie D.
Ottavi di finale della Coppa Italia Serie C.
Terzo turno della Coppa Italia.
Sedicesimi di finale della Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria della Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria della Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria della Coppa Italia Lega Pro.
Fase eliminatoria della Coppa Italia Lega Pro.

  • 2010 - Non si iscrive al campionato successivo, per inadempienze finanziarie. Viene iscritta d'ufficio dalla FIGC in Eccellenza Puglia l'Associazione Sportiva Dilettantistica Manfredonia Football 1932.[7]
  • 2010-2011 - 16º in Eccellenza Puglia. Vince i play-out contro Stefanizzi Sogliano e Castellana.
  • 2011 - Cambia denominazione Associazione Sportiva Dilettantistica Manfredonia Calcio.[8]
  • 2011-2012 - 4º in Eccellenza Puglia. Perde i play-off regionali in semifinale, contro il Corato.
  • 2012-2013 - 3º in Eccellenza Puglia. Vince i play-off nazionali. Promosso in Serie D.
  • 2013-2014 - 10º nel girone H di Serie D.
Turno preliminare della Coppa Italia Serie D.
Trentaduesimi di finale della Coppa Italia Serie D.
Sedicesimi di finale della Coppa Italia Serie D.
Primo turno della Coppa Italia Serie D.
  • 2017 - Cambia denominazione in Società Sportiva Dilettantistica Manfredonia Calcio S.r.l.
  • 2017-2018 - 17º nel girone H di Serie D. Retrocesso in Eccellenza.
Primo turno della Coppa Italia Serie D.
  • 2018 - Il sodalizio non formalizza l'iscrizione al successivo torneo. Nasce il Manfredonia Calcio 1932 Società Sportiva Dilettantistica a r.l. che si iscrive in Prima Categoria.
  • 2018-2019 - 2º nel girone A di Prima Categoria Puglia. Vince i play-off. Promosso in Promozione.
  • 2019-2020 - 2º nel girone A di Promozione Puglia. Ripescato in Eccellenza.

  • 2020-2021 - 2º nel girone A di Eccellenza Puglia. Perde i play-off di girone in semifinale, contro l'Audace Barletta.
  • 2021-2022 - 4º nel girone A di Eccellenza Pugliese.
  • 2022-2023 - nel girone A di Eccellenza Pugliese.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Miramare.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Staff dell'area amministrativa
Consiglio di amministrazione
  • Italia Giuseppe Di Benedetto - Presidente
Organigramma
  • Italia Pasquale De Candia - Commissario Tecnico
  • Italia Nicola De Santis - Collaboratore Tecnico
  • Italia Fabio Moscelli - Direttore Sportivo
  • Italia Angelo Vitulano - Direttore Generale
  • Italia Antonio Crudele - Team Manager
  • Italia Giuseppe Ussato - Magazziniere

Diffusione nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Dal 15 al 24 aprile 2005 la maglia del Manfredonia ha viaggiato a bordo della Stazione Spaziale Internazionale indossata in alcune occasioni dall'astronauta italiano Roberto Vittori durante la missione Sojuz TMA-6.[9][10][11]

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del Manfredonia Calcio 1932.
Allenatori
  • 1934-1935 Ungheria Ferenc Plemich
  • 1935-1949 ...
  • 1949-1950 Italia Pompeo La Torre
  • 1951-1954 Italia Dario Gay
  • 1954-1967 ...
  • 1967-1968 Italia Guido Roncarati
  • 1968-1974 ...
  • 1974-1975 Italia Glauco Tomasin
  • 1975-1977 ...
  • 1977-1978 Italia Donato Di Bari e Italia Gaetano Totaro (I)
  • 1978-1979 Italia Castriotta
    Italia Salvatore Lasalandra
  • 1979-1980 Italia Salvatore Lasalandra
  • 1980-1981 Italia Salvatore Lasalandra
    Italia Savino Parente
  • 1981-1982 Italia Savino Parente
  • 1982-1983 ...
  • 1983-1985 Italia Guido Roncarati
  • 1985-1993 ...
  • 1993-1994 Italia Rosario Facciorusso
  • 1995-1997 Italia Carmine Caravella
  • 1997-1998 Italia Carmine Caravella
    Italia Filippo Amici
  • 1998-1999 Italia Rodolfo Conte
    Italia Pantaleo De Gennaro
  • 1999-2000 Italia Pantaleo De Gennaro
  • 2000-2001 Albania/Italia Llambi Lala
    Italia Arnaldo Trombetta
    Italia Roberto Pidone
  • 2001-2002 Italia Bruno Conca
    Italia Vito Sgobba
  • 2002-2003 Italia Vito Sgobba
    Italia Pietro Armenise
    Italia Michelangelo Paladino
    Italia Vito Sgobba
  • 2003-2004 Italia Angelo Carrano
    Italia Leonardo Bitetto
  • 2004-2005 Italia Leonardo Bitetto
  • 2005-2006 Italia Leonardo Bitetto
    Italia Salvo Fulvio D'Adderio
  • 2006-2007 Italia Danilo Pierini
    Italia Francesco D'Arrigo
  • 2007-2008 Italia Raffaele Novelli
    Italia Andrea Pensabene
  • 2008-2009 Italia Francesco D'Arrigo
    Italia Lorenzo Mancano
    Italia Francesco D'Arrigo
  • 2009-2010 Italia Giovanni Bucaro
  • 2010-2011 Italia Karel Zeman
    Italia Matteo Zito
    Italia Matteo D'Arienzo
  • 2011-2012 Italia Francesco Cinque
  • 2012-2013 Italia Matteo D'Arienzo
    Italia Francesco Cinque
  • 2013-2014 Italia Francesco Cinque
    Italia Massimiliano Vadacca
  • 2014-2016 Italia Massimiliano Vadacca
  • 2016-2017 Italia Massimiliano Vadacca
    Italia Raimondo Catalano
  • 2017-2018 Italia Walter Chiarella
    Italia Giovanni Baratto
  • 2018-2019 Italia Luigi Agnelli
  • 2019-2020 Italia Luigi Agnelli
    Italia Giuseppe Lo Polito
  • 2020-2021 Italia Danilo Rufini
  • 2021-2022 Italia Francesco Cinque
  • 2022- Italia Pasquale De Candia
Presidenti
  • 1933-1938 Italia Michele Bissanti
  • 1938-1949 ...
  • 1949-1950 Italia Pompeo La Torre
  • 1951-1954 Italia Amedeo Del Vecchio (comm. straordinario)
  • 1954-1956 ...
  • 1956-1957 Italia Egidio Capurso (comm. straordinario)
  • 1957-1966 ...
  • 1966-1968 Italia Saverio Petrangelo
  • 1969-1970 Italia Stefano Santoro
  • 1970-1980 ...
  • 1980-1983 Italia Pasquale Sdanga
  • 1983-1994 ...
  • 1994-2001 Italia Giuseppe Cozzolini
  • 2001-2002 vari avvicendamenti
  • 2002-2003 Italia Pasquale Troiano
  • 2003-2009 Italia Angelo Riccardi
  • 2009-2010 Italia Michele Balzamo
  • 2010 Italia Pasquale Pappalardo
  • 2010-2011 Italia Pasquale Troiano
  • 2011-2018 Italia Antonio Sdanga
  • 2018-2020 Italia Raffaele Pio De Nittis
  • 2020-2021 Italia Iraldo Collicelli
  • 2021 Italia Gianni Rotice
  • 2021-2022 Italia Michele d’Alba
  • 2022- Italia Giuseppe Di Benedetto

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Manfredonia Calcio 1932.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni interregionali[modifica | modifica wikitesto]

2004-2005
2003-2004

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

1933-1934, 1949-1950
1935-1936, 1951-1952
1966-1967
1972-1973, 1996-1997

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

  • Campionato Regionale di Eccellenza Juniores:1
2011-2012

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Terzo posto: 1967-1968 (girone H)
Secondo posto: 1983-1984 (girone L), 1986-1987 (girone H)
Terzo posto: 1984-1985 (girone H)
Secondo posto: 1998-1999, 2012-2013
Finalista: 2003-2004

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni ai campionati nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Prima Divisione 1 1934-1935 8
Serie C 4 1936-1937 1939-1940
Serie C1 3 2005-2006 2007-2008
Serie D 14 1967-1968 2017-2018 17
Serie C2 1 2004-2005
Lega Pro Seconda Divisione 2 2008-2009 2009-2010
Campionato Interregionale 9 1982-1983 1990-1991 15
Serie D 6 1999-2000 2013-2014

Partecipazioni ai campionati regionali[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1951-1952 fa segnare il primato nazionale di 106 gol segnati in un solo campionato.

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornato al 01/03/2020

Record di reti
  • 87 Italia Pasquale Trotta
  • 76 Italia Valerio D’Errico
  • 72 Italia Dante Pagni
  • 63 Italia Gino Grasso
  • 53 Italia Lalino Caputo
  • 53 Italia Michele Totaro II
  • 51 Italia Michele Tarallo
  • 49 Italia Mario Guerra I
  • 48 Italia Alessandro Cisternino
  • 42 Italia Fedele Renzulli II
  • 41 Brasile Raphael Carminati
  • 39 Italia Massimo Borrelli II
  • 39 Italia Antonio La Porta
  • 36 Italia Massimiliano Vadacca

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

La tifoseria sipontina intrattiene rapporti amichevoli con gli omologhi di Isernia,[12] Fasano,[13] Toma Maglie e Atletico Tricase. Al contrario, le rivalità più sentite sono quelle con Brindisi, Barletta, Molfetta,[14] Bisceglie, Martina,[15] Audace Cerignola, Lucera,[16] Manduria e Vastese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ FIGC (PDF), su figc.it. URL consultato il 1º novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2013).
  2. ^ Intervista al presidente del Manfredonia Calcio, Antonio Sdanga | Ultime notizie e news su Manfredonia e Capitanata Archiviato il 3 febbraio 2014 in Internet Archive.
  3. ^ StatoQuotidiano.it - Matteo D'Arienzo è il nuovo tecnico del manfredonia calcio
  4. ^ Ilsipontino :: Il Ritorno Di Franco Cinque[collegamento interrotto]
  5. ^ Il giovane De Nittis per il rilancio del Manfredonia Calcio. Inizia nuova era in riva al golfo, su immediato.net, http://www.immediato.net/, 26 luglio 2018. URL consultato l'8 agosto 2018.
  6. ^ Il Manfredonia Calcio riparte dalla Prima Categoria, l’annuncio social del giovane patron, su immediato.net, http://www.immediato.net/, 8 agosto 2018. URL consultato l'8 agosto 2018.
  7. ^ COMUNICATO STAMPA (DOC), su figcpuglia.it, http://www.figcpuglia.it/, 24 agosto 2010. URL consultato il 22 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 22 settembre 2010).
  8. ^ Determinazione Dirigenziale n. 56del 25/01/2013, su cittaconnessa.it, www.cittaconnessa.it/, 25 gennaio 2013. URL consultato il 7 agosto 2018.
  9. ^ Articolo Archiviato il 19 febbraio 2014 in Internet Archive. di Daunianews.it sulla promessa fatta dal colonnello Vittori di portare la maglia del Manfredonia nello spazio.
  10. ^ Articolo di La Repubblica in cui è citata la notizia della maglia del Manfredonia nello spazio.
  11. ^ Foto Archiviato il 4 febbraio 2014 in Internet Archive. del colonnello Vittori con la maglia del Manfredonia nella ISS.
  12. ^ Tifoseria Isernia, su biangoross.com. URL consultato il 24 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 30 settembre 2013).
  13. ^ ULTRAS FEST, ALLENTATI FASANO, su sportpeople.net, http://www.sportpeople.net/, 18 luglio 2014. URL consultato il 23 settembre 2014.
  14. ^ MOLFETTA-MANFREDONIA Incidenti al termine della gara Archiviato il 9 ottobre 2014 in Internet Archive. iltaccodibaccoweb.it (3 marzo 2013)
  15. ^ ULTRAS MARTINA: gemellaggi e rivalità sportive, su tuttocalciocatania.com, 2 marzo 2016. URL consultato il 4 luglio 2016 (archiviato il 4 luglio 2016).
  16. ^ Tifoserie pugliesi, su biangoross.com, http://www.biangoross.com/, 21 novembre 2010. URL consultato il 23 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2014).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Retrospettiva del calcio pugliese, a cura di Peppino Calò - ed. Mezzina, Molfetta 1966.
  • Quelli che il calcio… a Manfredonia. Appunti, ricordi e documenti per una storia del calcio sipontino, di Michelangelo Guerra - ed. Del Golfo, Manfredonia 1994.
  • Le storie del pallone. Spunti e riflessioni del calcio sipontino di ieri e di oggi, di Giovanni Osbello, Gruppo editoriale ADS, Manfredonia 2001

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio