Socialismo e barbarie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Socialismo e barbarie
Artista CCCP - Fedeli alla linea
Tipo album Studio
Pubblicazione 1987
Durata 36:21
Dischi 1
Tracce 11
Genere Punk rock
Post-punk
New wave
Etichetta Virgin Dischi
Produttore Ignazio Orlando, CCCP - Fedeli alla linea
Formati LP, MC, CD
Note Ristampato su CD dalla Virgin Dischi con l'aggiunta di 2 brani
CCCP - Fedeli alla linea - cronologia

Socialismo e barbarie è il secondo album del gruppo musicale CCCP - Fedeli alla linea pubblicato nel 1987 dall'etichetta discografica Virgin Dischi.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo dell'album è una parafrasi dello slogan Socialismo o barbarie, utilizzato da Rosa Luxemburg nel libello Juniusbroschüre del 1915, indicante come unica risoluzione possibile per la società, appunto il socialismo o la barbarie. La copertina stessa ritrae la linea di montaggio della Fiat 124, autovettura largamente prodotta su licenza dal 1970 ad oggi[senza fonte] in numerosi paesi sovietici, inizialmente nella città di Togliatti, mentre il logo del gruppo rimanda al logo Fiat utilizzato sulle vetture fino ai primi anni settanta.

Ancora forte è l'influenza della cultura filosovietica in Manifesto e in A ja ljublju SSSR (rifacimento con testo differente dell'inno dell'Unione Sovietica), e di quella islamica in Sura, in Radio Kabul (sull'occupazione sovietica dell'Afghanistan e gli scontri con i Mujaheddin) e in Inch'Allah ça va.

La canzone Tu menti è un omaggio ai Sex Pistols, come si evince da numerose strofe che rimandano ad altrettanti pezzi della band inglese. In particolare la suddetta Anarchy in U.K.; Liar "I know where you go, everybody you know, I know everything that you do or say" ("so dove vai, so chi conosci, so tutto ciò che dici o fai"); Silly thing "What you see, you can get, Nothing's free, nothing's said, Don't be fooled by the signs" ("quel che vedi, puoi averlo, niente è gratis, niente è detto, non farti confondere dalle insegne") quest'ultima dedicata al bassista Sid Vicious.[senza fonte] Con la strofa "Io sono l'anarchia" è piuttosto evidente il riferimento a Johnny Rotten, cantante dei Sex Pistols, che nel loro pezzo più famoso, Anarchy in the U.K., cantava "I am an antichrist, I am an anarchist" ("Io sono un anticristo, io sono un anarchico")[1].

Libera me Domine inaugura la serie di canzoni del gruppo con riferimento diretto alla religione cristiana.

Il verso I soviet più l'elettricità non fanno il comunismo, in Manifesto, è una citazione (dal senso capovolto) della frase di Lenin: Il socialismo è il potere sovietico più l'elettrificazione di tutto il paese.

La versione dell'album in LP e musicassetta contiene 11 tracce, mentre la versione pubblicata in CD dalla Virgin nello stesso 1987, contiene due tracce aggiuntive, il lato A e il lato B del singolo Oh! Battagliero.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. A ja ljublju SSSR – 4:44
  2. Per me lo so – 2:20
  3. Tu menti – 2:03
  4. Rozzemilia – 2:22
  5. Stati di agitazione – 4:50
  6. Libera me Domine – 2:04
  7. Manifesto – 4:08
  8. Hong Kong – 1:24
  9. Sura – 5:32
  10. Radio Kabul – 4:44
  11. Inch'Allah - Ça va – 2:10

Durata totale: 36:21

Tracce extra CD
  1. Guerra e pace – 5:00

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Glossario, su Rude Pravda. URL consultato il 4 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Punk Portale Punk: accedi alle voci di Wikipedia che parlano di musica punk