Société Nationale des Chemins de Fer Tunisiens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Société Nationale des Chemins de Fer Tunisiens
StatoTunisia Tunisia
Forma societariaImpresa pubblica
Fondazione27 dicembre 1956 a Tunisi
Sede principaleTunisi
SettoreTrasporto
Sito web

La Société Nationale des Chemins de Fer Tunisiens, nota anche con la sigla SNCFT, è attualmente il gestore delle ferrovie nazionali della Tunisia.

Esercizio[modifica | modifica wikitesto]

La SNCFT dispone di 23 linee che raggiungono circa 200 stazioni per il trasporto di passeggeri o merci (soprattutto fosfati), gestendo 2.152 km di tratte ferroviarie così differenziate:

Il collegamento alle reti estere di Algeria e Marocco è presente, ma disattivato dagli anni '90.

Al 31 dicembre 2005 la società contava 4.900 dipendenti.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La società nacque con decreto del 27 dicembre 1956 per esercire, inizialmente, solo la rete nazionale della Tunisia settentrionale. La rete sud, comprendente le linee di Sfax e quelle per le miniere di fosfati, era gestita dalla Compagnie des phosphates et des chemins de fer de Sfax-Gafsa in base ad una concessione stipulata il 22 maggio 1897 e scaduta il 31 dicembre 1966. Dal 1º gennaio 1967 il Governo riprese possesso anche delle linee afferenti alla Tunisia meridionale conservando il diverso scartamento ferroviario.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 8718 6143
Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti