Socc'mel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge. Le informazioni hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia può contenere materiale discutibile: leggi le avvertenze.

Sócc'mel è un tipico intercalare[1] del dialetto bolognese diffuso nella Città metropolitana di Bologna. Secondo Alberto Menarini si tratta di «una popolarissima interiezione che promette di sopravvivere all'intero dialetto e che per ricchezza di varianti fonetiche, di mascherature eufemistiche, di fraseologia idiomatica e di utilizzazioni episodiche, si presterebbe a una lunga trattazione».[2]

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Quale espressione popolare e antica, è spesso usata sia dai giovani che dagli anziani. Trattasi di un triviale invito alla fellatio: succhiamelo (dal verbo sucèr[3][4]) così come la variante sóccia (italianizzazione della forma verbale che significa succhia[5]), parimenti usata. In taluni contesti sociali questa esclamazione è ritenuta aver perso nel corso del tempo la sua originale accezione esplicita e triviale di invito alla fellatio per significare varianti di esclamazioni come accidenti, poffarbacco, acciderboli[6], càspita, caspiterina, o la meno volgare espressione tipicamente bolognese sòrbole, anche se Menarini suppone che si tratti di «un vero e proprio sostituto parafonico di Sócc'mel»[7].

È probabilmente l'interiezione o esclamazione più usata nel dialetto locale[8], ed è nota anche all'estero[9]. Rimangono comunque in uso alcune varianti ancora più triviali ed esplicite, ad esempio sócc'mel bän (succhiamelo bene), sócc'mel bän in pónta (succhiamelo bene in punta). Il termine è così definito da Alfredo Panzini nel suo Dizionario moderno delle parole che non si trovano nei dizionari comuni:

«Tipica esclamazione bolognese che il decoro vieta di tradurre. Suona derisione e strafottenza, talvolta anche stupore. Specie di shibboleth dialettale, usato ormai anche come intercalare senza più alcun significato[10]»

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Il termine ricorre in molte canzoni dialettali bolognesi, e ad esso è dedicato il brano Sócc'mel Bulaggna del cantante Dino Sarti contenuto nell'album del 1994 Sentimental Bertoldo (pubblicato da Mercury).
  • Il movimento goliardico della Dotta lo adotta in molte canzoni, tanto che uno dei più antichi Ordini Goliardici Sovrani di Bologna (chiamati anche Balle) lo ha assunto come nome.[11]
  • Nel 2000 Andrea Mingardi ha dedicato - nell'album Ciao Ràgaz - una canzone a questa parola, il cui utilizzo viene spiegato a ritmo di musica e confrontato con gli altri tipici modi di dire dialettali della penisola italica.

«Perdindirindina?... No, no! Accidentaccio?... Moché!
Poffarbacco?... Mo gnanc! Capperi?... Eh... no!
Quand l é fradd... sócc'mel! Quand l é chèld... sócc'mel!
Et vésst che gnòca... sócc'mel! I t an guzè la mâchina... sócc'mel!»

(Andrea Mingardi)
  • Nel novembre 2007 lo storico dell'arte professor Eugenio Riccomini in un'intervista a la Repubblica ha lanciato una scherzosa provocazione, proponendo la messa al bando di questo intercalare. Riccomini descrive in maniera chiara come sia possibile che un termine così volgare possa essere entrato nel linguaggio comune:

«I bolognesi hanno sempre nutrito un atteggiamento conciliante e sorridente nei confronti dei tabù. Bologna è la città notissima in tutt'Italia perché l'intercalare di sorpresa allude ad un atto esplicitamente sessuale. Il che significa una sola cosa: che quell'atto sessuale, così esplicito, qui era considerato con un sorriso.»

(la Repubblica, 18 novembre 2007[12])

«I bolognesi poi sono ben visti dappertutto. Chi ci ha fatto il militare, chi il poliziotto, chi il ferroviere, Bologna ha lasciato un buon ricordo a tutti. C'è il fatto del socc'mel che ti ripetono sempre, ci sono le sale da ballo[13]»

  • Nel 2010 è stato pubblicato un gioco di carte intitolato Sócc'mel, cui ha fatto seguito, nel 2012, un'espansione denominata Sócc'mel va in vacanza!. Il gioco, ideato e prodotto da Alessandro Dolcetta, è stato presentato a Lucca Comics & Games.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intercalari di Sabina Canobbio su Enciclopedia Treccani.
  2. ^ Alberto Menarini, Fra il Sàvena e il Reno: Ricerche dialettali bolognesi, p. 18, consultato su Google books
  3. ^ * Luigi Lepri e Daniele Vitali, Dizionario Bolognese-Italiano / Italiano-Bolognese, Bologna, Pendragon Editore, 2007, ISBN 978-88-8342-594-3.
  4. ^ Pietro Mainoldi, Manuale dell'odierno dialetto bolognese: suoni e segni, grammatica-vocabolario, Arnaldo Forni Editore, 2000 [1967], ISBN 978-88-271-2917-3.
  5. ^ Fabio Foresti e Alberto Menarini, Parlare italiano a Bologna. Parole e forme locali del lessico colloquiale, Arnaldo Forni Editore, 1985, p. 146.
  6. ^ Si veda per esempio una pagina sul sito Facebook
  7. ^ Alberto Menarini, Fra il Sàvena e il Reno: Ricerche dialettali bolognesi, p. 23, consultato su Google books
  8. ^ In questo senso, Alberto Menarini, Dizionario intimo del dialetto bolognese, citato in Parôl - Lessico, su bulgnais.com. Il Menarini lo definisce come "il più celebre shibboleth linguistico bolognese".
  9. ^ David M. Gross, Fast Company: A Memoir of Life, Love, and Motorcycles in Italy, pag. Macmillan, 2007 - ISBN 1429997540
  10. ^ Alfredo Panzini, Dizionario moderno delle parole che non si trovano nei dizionari comuni 9^ edizione, con un proemio di Alfredo Schiaffini e con un'appendice di 8000 voci nuovamente compilata da Bruno Migliorini, Milano, U. Hoepli, 1950, p. 644
  11. ^ Sacrae Ocae Congregatio Magnifica et Lustrissima - S.O.C.M.E.L. -Sacra Concregazione Magnifica e Lustrissima dell'Oca, meglio conosciuta come Balla dell'Oca[collegamento interrotto], galateoitaliano.it, 1º maggio 2006. URL consultato il 21 gennaio 2014.
  12. ^ Brunella Torresin, Repubblica - Riccomini: aboliamo il socmel, La Repubblica, 18 novembre 2007). URL consultato il 21 gennaio 2014.
  13. ^ Patria, 1978-2008, Milano, Il saggiatore, 2009, p. 443
  14. ^ Lucca comics and games 2012, su lucca2012.luccacomicsandgames.com. URL consultato il 26 marzo 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]