Smith & Wesson 36

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cenni storici e caratteristiche generali[modifica | modifica wikitesto]

Smith & Wesson Model 36
Revolver Smith & Wesson Modello 36 con calcio squadrato
Revolver Smith & Wesson Modello 36 con calcio squadrato
Tipo Rivoltella
Origine Stati Uniti
Produzione
Costruttore Smith & Wesson
Date di produzione 1950,1951,1989,2001,2002,2005,2006
Entrata in servizio 1950-presente
Varianti Modello 37 Airweight, Modello 40, Modello 60 Inox
Descrizione
Lunghezza 17,4 cm con canna da 4,6 cm
18,7 con canna da 7,5 cm
Calibro 9 mm
Tipo munizioni .38 special
Azionamento a singola o doppia azione
Tiro utile 23 m, max 46 m
Alimentazione Tamburo da 5 colpi
Organi di mira fissi
Tipo di manico mini impugnatura con guancette di serie
Sviluppata da Smith & Wesson

Modern Firearms.ru

voci di armi da fuoco presenti su Wikipedia

La Smith & Wesson Model 36 ("Chiefs Special") è una rivoltella calibro .38 Special[1], il cui progetto venne elaborato al termine del secondo conflitto mondiale e presentato dalla celebre casa statunitense nel 1950. E' costruita sul telaio più piccolo tra quelli adottati dalla Smith& Wesson, designato con la lettera "J", ed ha un tamburo da 5 colpi. In un periodo di riassestamento politico su scala mondiale, si sviluppa una tipologia di arma da fuoco che era stata accantonata negli anni precedenti, a causa del suo limitato raggio di azione e della scarsa potenza sviluppata da questa cartuccia sparata in canne cortissime. Col passare del tempo vennero effettuate modifiche a modelli preesistenti, progettati nuovi esemplari e tutto questo contribuì ad un maggior investimento da parte delle organizzazioni competenti per queste armi, che suscitarono maggiore interesse. Quest'arma nasce fondamentalmente con lo scopo di garantire buona affidabilità, precisione e potenza in un formato compatto, facile da occultare e utilizzare. Vi è da dire che in generale il munizionamento usato più frequentemente per questa categoria di armi è il calibro 38 Special. Per questa pistola, nonostante supporti ogni tipologia del calibro sopracitato, così come per altre, è consigliabile non utilizzare le munizioni +P; questo perché non si potrà mai sfruttarne appieno le potenzialità, data la canna ridotta e sarebbe un investimento inutile da effettuare.

Se la S&W negli anni si è affermata come industria militare valida, questo è merito della qualità ed affidabilità delle armi fornite; ma ovviamente nessuno di questi affascinanti "gingilli meccanici" può essere perfetto e quindi ognuno ha dei difetti più o meno gravi, ai quali le case di produzione cercano di ovviare. In questo caso vi sono essenzialmente 3 problemi:

-cane troppo prorompente(in un revolver e in una pistola semi-automatica, costituisce una parte integrante dell'arma e il fatto che sia così grosso è un problema non indifferente, dato che molto spesso tende ad impigliarsi nel vestiario o nella fondina; in questo caso non è proporzionato alle dimensioni dell'arma, ma con il successivo modello 40, i costruttori corsero ai ripari effettuando un'utilissima modifica).

-impugnatura molto piccola (questo è un fattore che influenza negativamente la precisione e la qualità del tiro a causa dell'eccessivo rinculo; da notare la scarsa ergonomicità e comodità).

-asta di estrazione posta nel carrello a "J"(non sempre funzionante, vi sono casi in cui l'arma si inceppa).

-canna troppo corta.

Con questo elenco dei difetti non si intende sminuire un'arma dall'indubbia validità, ma è corretto conoscere a fondo una pistola "nel bene e nel male" che magari in un futuro si potrebbe acquistare.

Di quest'arma esistono alcune varianti[2]: la Smith & Wesson Model 37 con castello alleggerito in alluminio ("Airweight"), la Smith & Wesson Model 40 ("Centennial"), di dimensioni ridotte e cane interno, e la Smith & Wesson Model 60 ("Lady Smith") in acciaio inox, rivolto all'utenza femminile (anche se oggi il nome si riferisce ad un revolver in calibro .357 Magnum). Non va dimenticato infine il modello 38 (Bodyguard, con fusto in alluminio) il quale, a differenza del modello 40 funzionante in sola doppia azione, conserva la possibilità di armare il cane e sparare in azione singola. Un'apposita carenatura del fusto fa sporgere infatti solo la cresta del cane limitando i rischi di impigliamento. Nel 1959 venne lanciata sul mercato anche la versione tutta in acciaio del modello 38 col nome di modello 49. In conclusione si può dire che l'acquisto di queste armi è caldamente consigliato a chi necessita di una pistola discretamente potente, con un raggio di azione limitato ma molto comoda, maneggevole e portabile anche con abiti leggeri e che saprà soddisfare l'acquirente se impiegata nel corretto contesto.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

-Tecnica del tiro da difesa & tiro pratico-Siegfried F.Hùbner-EDITRICE SAN SEBASTIANO SAS

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Model 36 "Chiefs Special" Smith & Wesson .38 Special Snubby
  2. ^ Product: Model 36 - S&W Classics - 1 7/8" - Blue, Color Case or Nickel

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

armi Portale Armi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di armi