Smetto quando voglio - Masterclass

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Smetto quando voglio - Masterclass
SmettoQuandoVoglioMasterclass.png
Una scena del film
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 2017
Durata 118 min
Rapporto 2,35:1
Genere commedia, azione
Regia Sydney Sibilia
Sceneggiatura Sydney Sibilia, Francesca Manieri, Luigi Di Capua
Produttore Domenico Procacci, Matteo Rovere
Casa di produzione Fandango, Groenlandia Film, Rai Cinema
Distribuzione (Italia) 01 Distribution
Fotografia Vladan Radovic
Montaggio Gianni Vezzosi
Scenografia Alessandro Vannucci
Costumi Patrizia Mazzon
Interpreti e personaggi

Smetto quando voglio - Masterclass è un film del 2017 diretto da Sydney Sibilia, sequel di Smetto quando voglio del 2014, anche se le vicende si svolgono prima della scena finale del primo capitolo.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Pietro Zinni, nella sala colloqui del carcere, dice alla sua compagna Giulia di avere un piano: scatenare una rissa nella mensa dell'istituto in modo da essere condannato e prolungare la detenzione per poter continuare quindi a percepire lo stipendio del lavoro che svolge lì e mantenere il figlio appena nato.Tornando nella sua cella viene però fermato e minacciato da un misterioso individuo.

Un anno e mezzo prima, Alberto Petrelli della banda dei ricercatori ha un incidente con la sua automobile: sotto l'effetto degli stupefacenti, volge lo sguardo fuori dal finestrino e nota un furgone che trasporta un cromatografo. Si distrae così dalla guida e si ribalta.

Poco dopo essere stato portato in commissariato, Alberto viene avvicinato dall'ispettrice Paola Coletti, intenzionata a proporre un affare a lui e alla sua banda. Poco dopo avvengono i fatti che riguardano la banda dei ricercatori e "Il Murena", con la condanna del boss. In tribunale nulla va però come dovrebbe andare, dato che il farmacista colpito dalla banda durante la rapina ricorda perfettamente quanto successo.

Quanto raccontato viene però ritenuto assurdo dai giudici, che decidono di dare l'intera responsabilità a Pietro, che finisce in carcere. Qui riceve la visita della Coletti, che gli propone di rimettere insieme la banda e lavorare in incognito con la polizia per identificare e bloccare lo spaccio delle smart drugs, che verranno poi segnalate al ministero per essere incluse nell'elenco delle sostanze illegali. Mattia e Giorgio, i due linguisti, sono finiti a fare i facchini in un hotel; Andrea, l'antropologo, lavora da un carrozziere; Arturo, l'archeologo, si occupa della costruzione di una galleria per la metropolitana; Bartolomeo, l'economista, vive succube della sua nuova famiglia zingara; Alberto, infine, è in disintossicazione e riabilitazione comportamentale. Se riusciranno a neutralizzare 30 smart drugs, avranno tutti nuovamente la fedina penale pulita.

Pietro accetta a condizione di aggiungere tre nuovi membri alla banda: il dottor Giulio Bolle, medico anatomista, che ora vive in Thailandia dove partecipa a vari combattimenti a scommesse, il professor Lucio Napoli, che si trova a Lagos a vendere armi, e l'avvocato di diritto canonico Vittorio, che si occupa della difesa di persone giudicate in Vaticano.

L'operazione sembra procedere bene, e la banda comincia a individuare e neutralizzare lo spaccio di diverse smart drugs. Pietro deve fingere di essere ancora in carcere, cosa che non gli riesce con Giulia, il che, durante i mesi di gestazione del bambino, darà vita a una serie di scene comiche e grottesche.

Tra tutte le sostanze che vengono scoperte, ce n'è una in particolare che Alberto non riesce a definire: il cosiddetto Sopox. Avendo provato tutte le teorie, i test chimici e le ricerche, un esasperato Alberto trasgredisce la promessa fatta a Pietro e prova lui stesso la sostanza per tentare di identificarla. Entrato in un trip psichedelico che gli fa ricordare vari momenti del passato, a partire da quando - finito a lavorare in un ristorante cinese nonostante la laurea - era stato contattato da Pietro ed era diventato un membro della "banda dei ricercatori", Alberto rivive infine l'episodio dell'incrocio con il furgone con il cromatografo durante la sera dell'incidente. Rinvenuto dal trip, Alberto è ora convinto che proprio quell'apparecchiatura abbia a che fare con la realizzazione del Sopox , ma quando ne parla con Pietro questi non lo ascolta nemmeno, furente perché Alberto è venuto meno all'impegno di non assumere più droghe, mettendo così a rischio il patto fatto con la polizia.

Dopo l'avventurosa operazione di recupero dell'ultima sostanza, la missione della banda arriva al termine. La Coletti è pronta a firmare il documento preparato dall'avvocato Vittorio che assicura ai componenti della banda i vantaggi pattuiti. A questo punto però, il commissario Galatro, superiore della Coletti e unico altro funzionario pubblico a sapere della missione segreta, ricorda alla Coletti che la banda, pur avendo neutralizzato le trenta sostanze richieste, non è riuscita a scoprire la provenienza e la tipologia del Sopox. La Coletti strappa il documento datole dall'avvocato e si reca nuovamente nel rifugio-laboratorio dei ricercatori. Dice loro che devono fare ancora uno sforzo per ottenere la fedina penale pulita: scoprire la provenienza del Sopox.

A questo punto Alberto si fa avanti e comunica anche alla Coletti del suo avvistamento del cromatografo. L'ispettrice controlla negli archivi della polizia, e vede che la sera dell'arresto di Alberto dopo l'incidente era avvenuto anche il furto di una serie di materiali destinati alla Sapienza di Roma. Pietro ipotizza che il Sopox sia fabbricato con l'efedrina contenuta nelle pillole anticoncezionali, unico prodotto in cui il suo utilizzo è legale.

Accordandosi con la Coletti, la banda decide così di svolgere un'operazione complicata per rintracciare la banda: raggiungeranno il porto di Roma dove è appena giunto un container con un carico di pillole, che verrà sicuramente rubato da chi produce il Sopox, e inserire al suo interno un dispositivo GPS in modo da poter rintracciare i produttori della sostanza.

Arturo, in seguito alla rottura del loro furgone durante l'operazione precedente, procura ai compagni un fuoristrada e due sidecar originali del Terzo Reich con cui raggiungere il porto di prima mattina. La situazione subisce però un ribaltamento totale quando Andrea, intrufolatosi con le sue capacità di immedesimazione antropologica tra gli scaricatori portuali, scopre che per un nuovo ordine i treni partiranno con un'ora di anticipo. In seguito alla partenza anticipata, Mattia, introdottosi nel container per piazzare il GPS che doveva subito dopo ricevere da Giorgio, vi rimane chiuso dentro senza il localizzatore; il container viene quindi caricato sul treno.

A questo punto Pietro, Arturo, Alberto e Bartolomeo inseguono e affiancano il treno. Bartolomeo tenta di saltare su un vagone, ma finisce per cadere dal lato opposto. Tocca quindi a Pietro prendere in mano la situazione: salta sul treno, si arrampica sulla cima del container, ma qui trova un uomo, il capo della banda del Sopox, il misterioso Walter Mercurio, ed è costretto ad affrontarlo. Purtroppo ha la peggio e Mercurio penetra nel container e comincia a caricare le scatole di pillole su un furgone che viaggia a lato del treno. Gli altri ricercatori hanno quindi l'idea di agganciare il GPS al furgone e per far questo lo legano a un magnete tolto da una delle motociclette. Mattia riesce a uscire dal container, recupera il magnete con il GPS da Pietro e si prepara a lanciarlo contro il furgone, su cui nel frattempo è risalito Mercurio. Il magnete finisce però per cadergli di mano, ma viene recuperato da Bartolomeo, che era rimasto aggrappato al treno dall'altro lato, e che riesce a lanciarlo sul furgone.

I ricercatori rintracciano così il laboratorio della banda avversaria, dove ritrovano il cromatografo: nel locale però non c'è nessuno. Alberto riesce a catalogare finalmente la formula che viene scritta su un foglio e messa in tasca da Pietro il quale finalmente si precipita all'ospedale con una delle moto del Terzo Reich per raggiungere Giulia, che ha già partorito.

Mentre si accinge a vedere suo figlio, Pietro viene fermato da due funzionari di polizia che lo arrestano e lo scortano in carcere. Difatti, la Coletti, dietro pressioni del commissario Galatro e di una giovane giornalista free-lance che aveva smascherato la sua operazione, ha deciso di bloccare tutto accusando i ricercatori della produzione di Sopox e negando qualsiasi coinvolgimento con le loro attività.

Mentre tutti i componenti della banda vengono arrestati, Pietro consegna i suoi oggetti personali prima di tornare in carcere. Qui ha un'intuizione: Sopox altro non è che la formula del gas nervino, la sostanza per produrre la quale la banda di Mercurio aveva bisogno del cromatografo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2014, il regista Sydney Sibilia, intervistato al London Film Festival a proposito di un eventuale sequel di Smetto quando voglio, dichiara:[2]

« Se faremo il sequel non ne faremo uno, ma il secondo e il terzo episodio insieme. Gireremo contemporaneamente il secondo e il terzo film [...] il punto è che se vogliamo fare gli scemi, allora facciamo gli scemi bene. Funziona così. Si fa Reloaded e Revolution. Se deve essere una operazione facciamo l’operazione più para-americana, becera che fa ridere. Fatta bene, ma becera »

(Sydney Sibilia)

Nel novembre del 2015, Fandango ha dato il via alla produzione di due sequel del film, con una data di inizio riprese fissata per il marzo del 2016.[3] Nel febbraio del 2016, Sibilia ha confermato la data di inizio delle riprese dei due sequel e che queste sarebbero durate più di quelle del precedente.[4] Inoltre, ha dichiarato di aver terminato la stesura di entrambe le sceneggiature, scritte da lui insieme a Francesca Manieri e Luigi Di Capua.[4][5] Il 5 luglio, un artwork ha rivelato il titolo del film.[6]

Nel novembre 2016, durante le Giornate Professionali di Sorrento, viene annunciato il nuovo titolo del film da Smetto quando voglio - Reloaded a Smetto quando voglio - Masterclass.[7]

Il budget dei due sequel, Smetto quando voglio - Masterclass e Smetto quando voglio - Ad honorem, è stato di 12 milioni di Euro.[8]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 marzo 2016 l'attore Giampaolo Morelli si unisce al progetto, e in seguito anche Luigi Lo Cascio.[9]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese dei due film sono cominciate il 5 aprile 2016 a Roma.[10] Agli inizi di settembre alcune riprese sono state fatte in Thailandia,[11] mentre verso la fine del mese altre riprese sono state effettuate a Lagos, in Nigeria.[11]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo teaser trailer del film viene diffuso il 14 luglio 2016 con il titolo provvisorio di Smetto Quando Voglio - Reloaded,[12] mentre il trailer è stato diffuso da Repubblica.it il 6 dicembre 2016.[13]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata distribuita nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 2 febbraio 2017 in 500 copie da 01 Distribution[14].

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha debuttato al quarto posto nel botteghino italiano, con un incasso di 1,2 milioni di Euro nel primo weekend di programmazione, chiudendo con un incasso totale di 3.440.826 euro.[15]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata accolta positivamente da una parte della critica[16]. Alcuni critici hanno in particolare apprezzato l'audacia del coraggioso progetto in un paese come l'Italia; Wired.it dice del film: "Più centrato e audace, per niente intenzionato a svilire i personaggi. È raro vedere un sequel che si mantiene a livello dell'originale. Sydney Sibilia ci è riuscito e l'ha fatto pensando in grande, cosa incredibile per la mentalità solitamente ristretta del nostro cinema...",[17] mentre MYmovies.it: "Un look acido e psichedelico per una commedia moderna che ha un'esuberanza alla John Landis..."[18] Per comingsoon.it il film "ha una cifra stilistica tutta sua, ora acida e psichedelica, ora epica, che ne fa davvero un unicum."[19] È stato inoltre sottolineato un rafforzamento della vena comica rispetto al primo capitolo, e una maggiore virata verso il genere action. Il Fatto Quotidiano ha commentato: "#commedia #azione #modernità #intrattenimento #divertimento #industria #saga #pop #nuovocinemaitaliano. Potrebbero sembrare hashtag strampalati, invece trovo che siano le parole chiave migliori per iniziare a parlare di Smetto quando voglio - Masterclass. Proprio perché questo può essere considerato a tutti gli effetti il film 2.0 del nostro cinema e quello che incarna alla perfezione tutte le caratteristiche di questa generazione."[20] Anche Francesco Alò, critico di BadTaste.it e Il Messaggero, e Mattia Ferrari di MoviePlanet, promuovono a pieni voti il film.[21][22]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Fumetto[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 30 gennaio 2017 arriva in edicola il fumetto omonimo, scritto da Roberto Recchioni e disegnato da Giacomo Bevilacqua; le cover da collezione del fumetto sono quattro, disegnate da Recchioni, Bevilacqua, Riccardo Torti e Zerocalcare.[23]

Videogioco[modifica | modifica wikitesto]

Insieme all'uscita nelle sale del film, viene realizzato un videogioco arcade online in pixel art, diviso in quattro livelli. Il videogioco è realizzato da Diego Sacchetti di Morbidware e Matteo Corradini.[24]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Il sequel, il cui titolo provvisorio era Smetto quando voglio - Revolution[6], viene girato back to back assieme a Masterclass e si intitolerà Smetto quando voglio - Ad honorem[3][11] ed è introdotto da un breve trailer alla fine del secondo capitolo, prima dei titoli di coda.

Verrà distribuito nelle sale italiane a partire dal 30 novembre 2017.[26]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Filmato audio 01 Distribution, SMETTO QUANDO VOGLIO Masterclass - La sceneggiatura, su YouTube, 15 febbraio 2017. URL consultato il 15 febbraio 2017.
  2. ^ Andrea Francesco Berni, Londra 2014 - Sydney Sibilia sui sequel di Smetto quando voglio e non solo!, su badtaste.it, 13 ottobre 2014. URL consultato il 5 gennaio 2016.
  3. ^ a b Smetto quando voglio 2: al via i casting e già si parla di una trilogia, su Comingsoon.it, 24 novembre 2015. URL consultato il 14 luglio 2016.
  4. ^ a b Andrea Francesco Berni, Smetto Quando Voglio: le riprese dei due sequel inizieranno a marzo!, su badtaste.it, 20 febbraio 2016. URL consultato il 21 febbraio 2016.
  5. ^ Smetto Quando Voglio: Reloaded, abbiamo visto le prime scene del film!, badtaste.it, 6 luglio 2016. URL consultato il 14 luglio 2016.
  6. ^ a b Smetto Quando Voglio, il primo artwork annuncia i titoli dei due sequel, badtaste.it, 5 luglio 2016. URL consultato il 15 luglio 2016.
  7. ^ Il sequel di Smetto Quando Voglio si intitolerà Smetto Quando Voglio – Masterclass!, su badtaste.it. URL consultato il 28 novembre 2016.
  8. ^ Marita Toniolo, Ha ragione Mereghetti: la commedia all’italiana ormai costa troppo e non incassa abbastanza, Best Movie, 22 marzo 2017. URL consultato il 22 marzo 2017.
  9. ^ Mirko D'Alessio, Smetto Quando Voglio: nei due sequel anche Giampaolo Morelli, a giorni le riprese, badtaste.it. URL consultato il 27 marzo 2016.
  10. ^ Smetto quando voglio: iniziate le riprese dei due sequel! Ecco la prima immagine ufficiale, bestmovie.it, 5 aprile 2016. URL consultato il 15 luglio 2016.
  11. ^ a b c Andrea Francesco Berni, Smetto Quando Voglio: le foto dal set dei sequel a Lagos!, badtaste.it, 24 settembre 2016. URL consultato il 24 settembre 2016.
  12. ^ Filmato audio 01 Distribution, Smetto quando voglio - Reloaded - Teaser trailer, su YouTube, 14 luglio 2016. URL consultato il 14 luglio 2016.
  13. ^ Alessandra Vitali, Smetto Quando Voglio – Masterclass, l'avventura continua, Repubblica.it, 6 dicembre 2016. URL consultato il 7 dicembre 2016.
  14. ^ Smetto quando voglio Masterclass - Conferenza stampa - Ecodelcinema, su www.ecodelcinema.com. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  15. ^ Mo-Net s.r.l. Milano-Firenze, Classifica Box Office ITALIA 2017 | MYmovies.it, su www.mymovies.it. URL consultato il 22 marzo 2017.
  16. ^ Chiara Apicella, SMETTO QUANDO VOGLIO – MASTERCLASS: QUANDO IL SEQUEL DIVERTE ANCHE DI PIÙ, in Movieplayer.it, 2 febbraio 2017. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  17. ^ Gabriele Niola, Smetto quando voglio si supera e con Masterclass diventa una commedia d’azione, in Wired, 30 gennaio 2017. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  18. ^ Smetto quando voglio - Masterclass, su MYmovies.it, 24 gennaio 2017. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  19. ^ Carola Proto, Smetto quando voglio 2 - Masterclass Recensione, in comingsoon.it, 30 gennaio 2017. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  20. ^ Mattia Bianchini, Smetto quando voglio-Masterclass, la nuova commedia all'italiana, in il Fatto Quotidiano, 2 febbraio 2017. URL consultato il 14 febbraio 2017.
  21. ^ Filmato audio BadTaste.it - Il Nuovo Gusto del Cinema, Smetto Quando Voglio: Masterclass, di Sydney Sibilia - RECENSIONE, su YouTube, 1º febbraio 2017. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  22. ^ Filmato audio MoviePlanetChannel, Movie Planet Review- 173: RECENSIONE SMETTO QUANDO VOGLIO- MASTERCLASS, su YouTube, 4 febbraio 2017. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  23. ^ Andrea Facchin, Smetto quando voglio: Masterclass diventa un fumetto, Best Movie, 13 gennaio 2017. URL consultato il 13 gennaio 2017.
  24. ^ Andrea Francesco Berni, Smetto Quando Voglio: Masterclass, ecco il videogame online!, badtaste.it, 2 febbraio 2017. URL consultato il 2 febbraio 2017.
  25. ^ NASTRI D'ARGENTO 2017, LE CANDIDATURE, MYmovies.it, 6 giugno 2017. URL consultato il 7 giugno 2017.
  26. ^ Andrea Francesco Berni, 01, ecco quando usciranno Smetto Quando Voglio – Ad Honorem e Valerian, badtaste.it, 1º giugno 2017. URL consultato il 1º giugno 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema