Smetto quando voglio - Ad honorem

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Smetto quando voglio - Ad honorem
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 2017
Rapporto 2,35:1
Genere commedia, azione
Regia Sydney Sibilia
Sceneggiatura Sydney Sibilia, Francesca Manieri, Luigi Di Capua
Produttore Domenico Procacci, Matteo Rovere
Casa di produzione Fandango, Groenlandia Film, Rai Cinema
Distribuzione (Italia) 01 Distribution
Fotografia Vladan Radovic
Montaggio Gianni Vezzosi
Scenografia Alessandro Vannucci
Costumi Patrizia Mazzon
Interpreti e personaggi

Smetto quando voglio - Ad honorem è un film del 2017 diretto da Sydney Sibilia, sequel di Smetto quando voglio - Masterclass uscito nello stesso anno e, a sua volta, sequel di Smetto quando voglio del 2014 anche se le vicende si svolgono prima della scena finale del primo capitolo.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Atto finale della trilogia diretta da Sydney Sibilia, Smetto quando voglio: Ad honorem vede la banda di cervelloni incompresi, capitanata dal neurobiologo Pietro Zinni, riunirsi per l'ultima sconsiderata impresa. Accanto all'ex galeotto produttore di smart drug ritroviamo il chimico Alberto, i due latinisti Mattia e Giorgio, l'impacciato antropologo Andrea, il timido archeologo Arturo, e l'avventato economista Bartolomeo. Impegnata a chiudere i conti col passato e a sventare un atto terroristico ad opera del misterioso Walter Mercurio, la gang di ricercatori è costretta a chiedere aiuto al nemico di sempre: il boss malavitoso con una laurea in ingegneria navale, "Er Murena" .

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Filmato audio 01 Distribution, SMETTO QUANDO VOGLIO Masterclass - La sceneggiatura, su YouTube, 15 febbraio 2017. URL consultato il 15 febbraio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema