Sloboda Ucraina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antica regione dell'Ucraina
Sloboda Ucraina
Герб Харькова основной исторический.png
Stemma
Localizzazione Ucraina orientale
Stato esistito: Regno dominante in Asia Minore dal 1200 al 700 a.C. circa
Città principale Char'kov
Sloboda Ukr.png

Sloboda Ucraina (Russo: Слободская Украина, translitterato; Slobodskaja Ukraina, Slobožanščina; ucraino: Слобідська Україна, translitterato Slobids'ka Ukraina, Slobožanščina) è il nome di una regione storica sull'attuale confine russo-ucraino che ha avuto il suo periodo di massimo sviluppo e prosperità tra il XVII e il XVIII secolo; in questo periodo sono state edificate numerose chiese in stile barocco ucraino.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio che era al confine sudoccidentale del Regno di Russia corrisponde nel ventunesimo secolo all'intero Oblast' di Charkiv, e parzialmente agli oblast' ucraini di Sumy, di Donec'k e di Luhans'k, e agli oblast' russi de Kursk et di Voronež.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1765 si è trasformato nel Governatorato di Char'kov una gubernija dell'Impero Russo.

Il termine sloboda (in russo: Слобода?) indicava un particolare tipo di insediamento che deriva dal termine "libertà" nelle lingue slave e può quindi essere approssimativamente tradotto come "insediamento libero", il cui status è variato a seconda del periodo e del territorio. Inizialmente gli abitanti di questo particolare centro erano per varie ragioni "liberi" da ogni sorta di tasse e balzelli, da cui il nome. Molte slobode erano site nelle terre appena colonizzate, in particolare, dai Cosacchi e l'esenzione dai tributi aveva appunto il fine di incentivarne la colonizzazione, mentre altre slobode erano parti integranti di città ed obbedivano allo scopo di stimolare gli investimenti esteri e l'immigrazione nel territorio, la più famosa delle quali è la sloboda tedesca di Mosca.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN235657652