Coordinate: 42°45′N 20°47′E

Skënderaj

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Skënderaj
comune
(SQ) Skënderaj
(SR) Србица (Srbica)
Skënderaj – Stemma
Skënderaj – Bandiera
Skënderaj – Veduta
Skënderaj – Veduta
Localizzazione
StatoBandiera delle Nazioni Unite/Bandiera del Kosovo/Bandiera della Serbia Kosovo[1]
DistrettoKosovska Mitrovica
Amministrazione
SindacoBekim Jashari (Indipendente)
Territorio
Coordinate42°45′N 20°47′E
Altitudine620 m s.l.m.
Superficie378,4 km²
Abitanti51 317 (2011)
Densità135,62 ab./km²
Sottodivisioni ulteriori50
Altre informazioni
Cod. postale41000
Prefisso+381
Fuso orarioUTC+1
Targa02
Cartografia
Mappa di localizzazione: Kosovo
Skënderaj
Skënderaj
Skënderaj – Mappa
Skënderaj – Mappa
Sito istituzionale

Skënderaj (in albanese Skënderaj; in serbo Србица?, Srbica) è una città del Kosovo, nel Distretto di Kosovska Mitrovica. Secondo il censimento del 2011, la città di Skënderaj aveva 9 372 abitanti, mentre il comune ne aveva 50 858.

È la città più grande della regione geografica del Kosovo Drenica.[2] È popolata esclusivamente da albanesi. Si dice che sia la città più povera del Kosovo. È il luogo in cui è iniziata la guerra del Kosovo nel 1998, a cui è stato fatto il maggior danno.[2]

L'insediamento è dal fiume Klina, nel campo Klina (Fusha e Klinës). È l'insediamento principale della regione di Drenica. Il fiume Klina appartiene alla regione di Metohija, mentre l'insediamento morfologicamente e idrologicamente gravita verso la regione del Kosovo.

Il comune copre un'area di 378 km², compresa la città di Skënderaj e 51 villaggi.

Il monastero di Devič è stato fondato da Đurađ Branković, il despota serbo

I reperti archeologici nella zona del comune includono un sito neolitico a Rudnik,[3] e resti di una necropoli romana a Gornji Obilić.[4] L'area catastale del comune comprende diversi insediamenti che esistevano durante il Medioevo, tra cui alcuni esistono ancora oggi, come Leočina, Poljance, Banja e altri.[5] Ci sono rovine di una chiesa risalente al XIV secolo nel sud di Leočina.[6] La Chiesa di San Nicola fu costruita nel 1436, a Banja, come dotazione del magnate serbo Rodop.[7] Il monastero di Devič fu costruito a Lauša vicino a Srbica nel XV secolo, dedicato al monaco locale, St. Joanikije († 1430).[8] La Chiesa di San Giovanni fu costruita nel XVI secolo sulle rovine di una chiesa del XIV secolo, a Leočina; la chiesa è circondata da un vecchio e grande cimitero serbo con tombe risalenti al XVII-XIX secolo.[9] Una chiesa e un cimitero del XVI secolo si trovano a Rudnik.[10]

La città (varoš) stessa fu fondata come Srbica nel 1924. Aveva 30 case abitate da serbi e montenegrini.

All'inizio del XX secolo la resistenza albanese iniziò con il movimento kachak guidato da Azem Bejta e sua moglie Shote Galica, che combatterono contro le forze bulgare, austro-ungariche e jugoslave.[11] Alla fine della seconda guerra mondiale, nel 1944, il capo della Brigata Drenica, Shaban Polluzha, rifiutò di guidare i suoi 12.000 uomini a nord e si unì ai partigiani per perseguire i tedeschi in ritirata, perché i gruppi serbo-chetnik stavano attaccando la popolazione albanese del Kosovo.[12]

Skënderaj è stata storicamente la municipalità più povera del Kosovo, con pochi investimenti fatti dai tempi dell'ex Jugoslavia. Soffre di bassa attività economica e continua alta disoccupazione. L'agricoltura è la principale industria locale, ma il comune non ha completamente sviluppato la terra arabile esistente. Oggi l'economia locale consiste in piccole imprese come negozi e ristoranti a conduzione familiare, mentre due fabbriche privatizzate e un mulino, impiegano poche centinaia di persone. L'altro settore principale di occupazione è il servizio civile del comune.[2]

Skënderaj è la casa della squadra di calcio della Kosovar Superliga KF Drenica[2] che gioca le partite casalinghe nello stadio Bajram Aliu. Skënderaj è anche la casa del club di pallavolo Kosovar Superliga KV Skenderaj femminile e KV Drenica maschile.

Eredità culturale

[modifica | modifica wikitesto]
  • Devič, abbazia serbo ortodossa

Evoluzione demografica

[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[13]

Secondo l'ultimo censimento ufficiale fatto nel 2011, il comune di Skënderaj aveva 50.858 abitanti.

Etnie e minoranze straniere

[modifica | modifica wikitesto]

La composizione etnica del comune:

Gruppo etnico Censimento del 1991 Censimento del 2011
Albanesi 54.437 50.685
Serbi 713 50
Bosgnacchi - 42
Ashkali ed Egiziani 37 11
Altri - 70
Totale 55.187 50.858
  1. ^ Sotto protettorato ONU (UNMIK), dichiaratosi unilateralmente Repubblica indipendente (riconosciuta dalla maggioranza degli stati ONU), secessionista dalla Serbia secondo cui è una Provincia autonoma
  2. ^ a b c d OSCE Municipal Profile, April 2008 (PDF), su osce.org. URL consultato il 26 aprile 2019 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2019).
  3. ^ Праисторијски археолошки локалитет, su spomenicikulture.mi.sanu.ac.rs, Споменици културе у Србији.
  4. ^ Остаци римске некрополе, su spomenicikulture.mi.sanu.ac.rs, Споменици културе у Србији.
  5. ^ S. Božanić, O zemljišnim međama srpskog srednjovekovnog sela (PDF), in Istraživanja, no. 20, 2009, pp. 47–64.[collegamento interrotto]
  6. ^ Преобрашка-Калуђерска црква, su spomenicikulture.mi.sanu.ac.rs, Споменици културе у Србији.
  7. ^ Црква Св. Николе, su spomenicikulture.mi.sanu.ac.rs, Споменици културе у Србији.
  8. ^ Манастир Девич у близини Србице, su spomenicikulture.mi.sanu.ac.rs, Споменици културе у Србији.
  9. ^ Црква Св. Јована, su spomenicikulture.mi.sanu.ac.rs, Споменици културе у Србији.
  10. ^ Црква Св. Ђорђа са гробљем, su spomenicikulture.mi.sanu.ac.rs, Споменици културе у Србији.
  11. ^ Elsie, Robert, Historical Dictionary of Kosova, The Scarecrow Press, 2004, p. 63, ISBN 0-8108-5309-4.
  12. ^ Robert Elsie, Historical Dictionary of Kosovo, Scarecrow Press, 1º dicembre 2010, p. 219, ISBN 978-0-8108-7231-8. URL consultato il 30 agosto 2012.
  13. ^ Division of Kosovo

Voci correlate

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]
Controllo di autoritàVIAF (EN296784012 · LCCN (ENn2013012294 · GND (DE1137628383