Sistema ottico anastigmatico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sistema ottico anastigmatico è definito - in ottica come in fotografia - un sistema ottico quando è progettato per correggere tutte le aberrazioni compreso l'astigmatismo.

In fotografia, tutti gli obiettivi moderni sono di tipo anastigmatico, se si escludono quelli delle macchine ultraeconomiche come le "usa e getta".

Gli obiettivi anastigmatici derivano dallo schema simmetrico o dal tripletto (schema a tre non collate) di Taylor. Il primo obiettivo anastigmatico fu posto in commercio nel 1889 da Paul Rudolph, che riprese lo schema di Taylor ed introdusse un elemento posteriore collato.

Un altro passo si deve a tecnici della Carl Zeiss che verso il 1890, accoppiando un doublet (coppia) acromatico di lenti di tipo precedente con un doublet nuovo ottennero un obiettivo anastigmatico, ovvero privo di cromatismi, astigmatismo, curvatura del campo, l'obiettivo fu chiamato Protar.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Fotografia Portale Fotografia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fotografia