Sistema di classificazione biofarmaceutico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il sistema di classificazione biofarmaceutico (in inglese: Biopharmaceutics Classification System: BCS) è un metodo fornito ed approvato dalla Food and Drug Administration per la classificazione dei farmaci destinati all'assorbimento gastrointestinale. Il metodo è stato ideato in supporto a studi di biodisponibilità e di bioequivalenza[1].

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

I farmaci vengono suddivisi in quattro differenti classi in base alle proprietà di solubilità e di permeabilità attraverso le membrane biologiche.

classe solubilità permeabilità
I alta alta
II bassa alta
III alta bassa
IV bassa bassa

Secondo le convenzioni del BCS, una sostanza viene definita ad alta solubilità quando la dose singola a rilascio immediato più alta è solubile in 250 mL di acqua, in un range di pH da 1 a 7.5, mentre sono ad alta permeabilità quelle sostanze per cui la quantità di farmaco assorbito è maggiore del 90% della dose totale somministrata[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) The Biopharmaceutics Classification System (BCS) Guidance, FDA. URL consultato il 28 gennaio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]