Sistema di Comando e Controllo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il sistema di comando e controllo, comunemente detto SCC, è un sistema di regolazione della circolazione ferroviaria sia nelle linee più importanti di una rete che nei nodi, le aree ferroviarie all'interno di insediamenti metropolitani.

Esempio di sala SCC

Caratteristiche generali[modifica | modifica wikitesto]

Il sistema rappresenta un'importante evoluzione tecnologica del precedente e più semplice CTC e permette l'integrazione in un unico posto del controllo e del comando della circolazione dei treni su un vasto numero di linee e nodi ferroviari, comprendendo le apparecchiature di blocco automatico, l'azionamento dei deviatoi, dei passaggi a livello ed inoltre del rilevamento della temperatura delle boccole dei rotabili circolanti, della videosorveglianza degli impianti, degli annunci sonori e visivi dei passaggi dei treni. Il sistema oltre ad essere coordinato con gli altri SCC della rete è provvisto di dispositivi di registrazione delle comunicazioni tra personale di bordo e posto centrale.

Nel SCC le attività di comando, controllo, coordinamento e comunicazione verso le stazioni dell'Area Controllata, sono elaborate presso il Posto Centrale, dove sono riposte tutte le funzioni, l'organizzazione e le relative tecnologie, questo permette un incremento operazionale della rete controllata anche del 50%.

Questo sistema di controllo, a causa degli elevati costi d'impianto, al momento non viene applicato sulle linee a scarso traffico e a binario unico, che continuano a essere gestite con i sistemi CTC (Centralized Traffic Control), bensì alle linee a doppio binario e ad alta densità e promiscuità di traffico.

Lo sviluppo di questo sistema è iniziato sulla rete italiana nel 1997. Il primo impianto è stato inaugurato l'8 luglio 2002 a Pisa dove è stato installato un SCC in grado di controllare e comandare il traffico dalla stazione di Sestri Levante alla stazione di Maccarese, la linea Pontremolese, il nodo di Lucca e la Pisa-Empoli. L'impianto di Pisa impegna una ventina di operatori nella grande sala-controllo dotata di 80 m2 di pannelli luminosi sui quali dei proiettori a retroproiezione proiettano la rappresentazione delle linee. Gli alti costi di gestione di questa tecnologia, specialmente legate al rimpiazzo preventivo delle lampade per garantire un utilizzo senza guasti, ha fatto si che gli ultimi DCO realizzati con questa tecnologia non fossero più dotati di tali pannelli, sostituiti da monitor TFT di grandi dimensioni sui quali vengono visualizzate le varie parti delle linee. L'impianto di SCC è in corso di installazione su tutte le principali linee e nodi della rete italiana, con la previsione di raggiungere il 97 % di linee RFI[1].

Elenco dei DCO-SCC[modifica | modifica wikitesto]

  • Linee tradizionali
    • Torino Lingotto
      • Torino Bivio Pronda(e)-Avigliana(i)[2]
      • Torino Porta Nuova(e)-Torino San Paolo(i)-Bivio Pronda(i)[3]
      • Torino Orbassano(e)-Bivio Pronda(e), Torino San Paolo(e)-Bivio Crocetta(i)-Quadrivio Zappata(e)[3]
    • Milano Greco
      • Rho(i)–Milano Certosa(e)[4]
      • Milano Centrale(e)-Milano Porta Garibaldi(e)[5]
      • Milano Porta Garibaldi(e)-Milano Greco(e)[5]
      • Milano Certosa(e)-PM Ghisolfa(i)-Bivio Musocco(i)-Triplo Bivio Seveso(i)-Milano Greco Pirelli(e)-Sesto San Giovanni(e)[6]
      • Milano Nord Bovisa(e)-PM Ghisolfa-Milano Porta Garibaldi(e)[6]
      • Pioltello(i)-Bivio Adda(i)[7]
      • Milano Lambrate(e)-Pioltello(e)[7]
      • Milano Lambrate(e)-Milano-Rogoredo(e)[8]
      • Milano Rogoredo(e)-Milano San Cristoforo(i)[9]
      • Milano Smistamento(e)-P.M. Trecca-Milano Rogoredo(e)[8]
      • Bivio Lambro(e)-Milano Porta Vittoria(e)[8]
      • Treviglio(e)-Bergamo(e)[10]
      • Brescia - Padova[11]
    • Verona Porta Nuova
      • Brennero(i)-Fortezza(e), Fortezza(e)-Bolzano(e), Bolzano(e)-Trento(e), Trento(e)-Verona Parona(i)
      • Verona Parona(e)-Verona Porta Nuova(e), Sommacampagna(i)-Verona Porta Nuova(e), Verona Porta Nuova(e)-Dossobuono(i), Bivio San Massimo(e)-Verona Porta Nuova Scalo(e), Bivio San Massimo(e)-Bivio Santa Lucia(e), Bivio San Massimo(e)-Verona Quadrante Europa(i), Bivio San Massimo(e)-Bivio Fenilone(e), Verona Quadrante Europa(e)-Bivio Fenilone(e), Bivio Fenilone(e)-Bivio Santa Lucia(e), Bivio Fenilone(e)-Verona Porta Nuova Scalo(e), Verona Porta Nuova Scalo(e)-Bivio Santa Lucia(e)
      • Bivio Santa Lucia(e)-Poggio Rusco(e)
    • Venezia Mestre
      • Venezia Mestre(e)–Bassano del Grappa(i)
      • Bassano del Grappa(e)–Cittadella(e)-Camposampiero(i)
      • Padova(e)–Castelfranco Veneto(e)
      • Vicenza(e)–Treviso Centrale(e)
      • Venezia Mestre(e)–Sacile(e)
      • Bivio Marocco(e)–Bivio Spinea(e)
      • Sacile(i)–Udine(e), P.M. Vat(e)-Tarvisio(i)
      • Padova(e)–Venezia Mestre(e)[12]
      • Padova(e)–Terme Euganee Abano Montegrotto(e)
      • Padova Campo Marte(e)–Padova Gruppo Scambi Altichiero(e)
      • Padova Campo Marte(e)–Padova Gruppo Scambi Montà(e)
      • Venezia Mestre(e)–Portogruaro(e)
    • Genova
      • Arquata Scrivia(i)–Genova Sampierdarena(e)
      • Genova Sampierdarena(e)–Genova Brignole(e) (via Genova Piazza Principe Sotterranea)
      • Bivio Rivarolo(e)–Genova Campasso(e)
      • Bivio Rivarolo(e)–Bivio Bersaglio(e)
      • Bivio Fegino(e)–Genova Piazza Principe(e)
      • Bivio Fegino(e)-Genova Campasso(e)
      • Genova Borzoli(i)–Bivio Polcevera(e)
      • Genova Borzoli(e)–Genova Voltri Mare(i)
      • Genova Voltri Mare(e)–Bivio Castelluccio(e)
      • Genova Voltri(i)–Genova Sampierdarena(e)
      • Genova Brignole(e)–Sestri Levante(e)
    • Bologna
      • Castelbolognese Riolo Terme(e)-Rimini(e)[13]
    • Pisa
      • Sestri Levante(i)-La Spezia Centrale(i)
      • La Spezia Centrale(e)–Montalto di Castro(i)-Roma San Pietro(e)
      • La Spezia Migliarina(e)–Vezzano Ligure(e)
      • La Spezia Migliarina(e)-La Spezia Marittima(i)
      • La Spezia Marittima(e)–Vezzano Ligure(e)
      • Bivio Arcola(e)–Santo Stefano di Magra(e)
      • Vezzano Ligure(e)–Villafranca Bagnone(e)
      • Pisa(e)-Empoli(e)
      • Pisa(e)-Vada(e) (via Collesalvetti)
      • Livorno Calambrone(e)–Livorno Centrale(e)
      • Maccarese Fregene(i)-Ponte Galeria(e)
    • Roma
      • Bagni di Tivoli(e)-Roma Prenestina(i)
      • Roma Prenestina(e)-Roma Tiburtina (e)
      • Roma Termini(e)-Roma Prenestina(e)
      • Roma Casilina(e)-Campoleone(i)[14]
    • Napoli
      • Villa Literno(e)-Napoli Gianturco(i)-Napoli San Giovanni Barra(i)
      • Napoli Traccia(i)-Doppio Bivio Marittima(i)-Napoli San Giovanni Barra(i)
      • Doppio Bivio Cassino(e)-Napoli Gianturco(e)
      • Caserta(e)-Casalnuovo(i)-Napoli(i)
      • Napoli Traccia(e)–Doppio Bivio Cassino(e)
      • Aversa(i)-Caserta(e)
      • Maddaloni Marcianise UM1 FA/FT(e)-Cancello(e)
      • Maddaloni Marcianise UM1 FA/FT(e)- Bivio Maddaloni(e)
      • Sarno(e)–Bivio Sarno(i)
      • Nocera Inferiore(e)–Salerno(e)
      • Napoli(e)-Salerno(e) LMV
      • San Marcellino(e)-Maddaloni/Marcianise Smistamento(e)[15]
      • Cancello(e)-Palma(e)[16]
    • Bari
      • Castelbolognese Riolo Terme(e)-Rimini(e) (disattivato nel 2016 e ri-assegnato a Bologna)[13]
      • Rimini(i)-Ancona(e), Ancona(i)-Pescara(e), Pescara(i)-Termoli(e), Termoli(i)-Foggia(e), Foggia(i)-Bari Parco Nord(e)
      • Bitetto(i)-Taranto(e)
    • Palermo
      • Sant'Agata di Militello(i)-Lascari Gratteri(i)
      • Fiumetorto(i)-Palermo Brancaccio(e)
      • Messina Centrale(i)–Sant'Agata di Militello(i)
      • Bivio Terme Vigilatore(e)–Patti San Piero Patti(e)
      • Messina Centrale(e)-Giampilieri(e)
      • Giampilieri(i)-Cannizzaro(e)
      • Agnone di Sicilia(i)-Siracusa(i)
  • Linee AV/AC
    • Settimo
      • Torino Stura(e)-Rho(e)
    • Milano Greco
      • Rho(e)-Milano Certosa(e)
      • Pioltello(i)-Bivio Adda(i)
      • Bivio Casirate(i)-Bivio Roncadelle(i)[17]
    • Bologna
      • Bivio Melegnano(e)-Firenze Castello(e)
    • Roma
      • P M Sant'Angelo(i)-PM Casoria(i)
      • Rocca d'Evandro(e)-Bivio Cassino Sud(i)
      • 1° Bivio Caserta Nord(i)-2° Bivio Caserta Nord(i)
      • 1° Bivio Gricignano(i)-Gricignano(e)
      • PM Napoli Afragola(i)-PM Casoria(i)
      • Roma Prenestina(e)-PM Sant'Angelo(i)
      • PM Anagni(i)-Bivio Sgurgola(e)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marco Bruzzo.Via libera all'SCC- tuttoTreno. Albignasego. DuegiEditrice.2002
  2. ^ Ferrovie dello Stato, Circolare Compartimentale del Compartimento di Torino 10/2016.
  3. ^ a b Ferrovie dello Stato, Circolare Compartimentale del Compartimento di Torino 30/2016.
  4. ^ Ferrovie dello Stato, Circolare Compartimentale del Compartimento di Milano 40/2014.
  5. ^ a b Ferrovie dello Stato, Circolare Compartimentale del Compartimento di Milano 15/2015.
  6. ^ a b Ferrovie dello Stato, Circolare Compartimentale del Compartimento di Milano 42/2014.
  7. ^ a b Ferrovie dello Stato, Circolare Compartimentale del Compartimento di Milano 44/2015.
  8. ^ a b c Ferrovie dello Stato, Circolare Compartimentale del Compartimento di Milano 50/2015.
  9. ^ Ferrovie dello Stato, Circolare Compartimentale del Compartimento di Milano 19/2014.
  10. ^ Ferrovie dello Stato, Circolare Compartimentale del Compartimento di Milano 45/2015.
  11. ^ Rete Ferroviaria Italiana, Circolare Compartimentale del Compartimento di Venezia 012/2016, Circolari Compartimentali del Compartimento di Verona 007/2016, 019/2016, 001/2015.
  12. ^ Rete Ferroviaria Italiana, Circolare Compartimentale del Compartimento di Venezia 013/2014.
  13. ^ a b Ferrovie dello Stato, Circolare Compartimentale del Compartimento di Bologna 05/2016.
  14. ^ Ferrovie dello Stato, Circolare Compartimentale del Compartimento di Roma 18/2016.
  15. ^ Ferrovie dello Stato, Circolare Compartimentale del Compartimento di Napoli 21/2015.
  16. ^ Ferrovie dello Stato, Circolare Compartimentale del Compartimento di Napoli 14/2016.
  17. ^ Ferrovie dello Stato, Circolare Compartimentale del Compartimento di Milano 33/2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti