Sise delle monache

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando i dolcetti tipici di Altamura, vedi Sospiro (dolce)#Ttette delle monache.
Sise delle monache
Sise delle monache guardiagrele.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneAbruzzo
Creato daGiuseppe Palmerio[1]
Zona di produzioneGuardiagrele
Dettagli
Categoriadolce
RiconoscimentoP.A.T.
SettorePaste fresche e prodotti della panetteria, della biscotteria, della pasticceria e della confetteria

Le Sise delle monache (o Tre monti) sono un tipico dolce abruzzese prodotto nel comune di Guardiagrele, in provincia di Chieti.[2]

Origini[2][3][modifica | modifica wikitesto]

L'origine del nome non è sicura: tra le varie leggende, una vuole che tale espressione derivi dal comportamento di alcune suore del monastero delle Clarisse di Guardiagrele, dove si preparavanoi dolci, le quali inserivano al centro del petto una protuberanza in modo da rendere meno evidenti i seni.

Più verosimilmente la tipica forma di questo dolce farebbe invece riferimento a Gran Sasso d'Italia (2912 m s.l.m.), Majella (2793 m s.l.m.) e Sirente-Velino (2487 m s.l.m.) che costituiscono i tre massicci montuosi abruzzesi, i più alti dell'intera catena appenninica. Questo giustifica anche il nome di Tre monti, con cui pure il dolce è conosciuto.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

È un dolce composto da due strati di pan di spagna, farciti da crema pasticcera, con la forma di tre protuberanze.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sise delle monache, l'"irriverente" dolce di Guardiagrele, su Gustosamente.it. URL consultato il 27 gennaio 2017.
  2. ^ a b Le Sise delle Monache di Guardiagrele: Ricetta e Storia, su lorenzovinci.ilgiornale.it. URL consultato il 27 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2017).
  3. ^ Luisa Gasbarri, 101 cose da fare in Abruzzo almeno una volta nella vita, Newton Compton Editori, 2015, ISBN 88-541-8258-3.
  4. ^ Dolci tipici: le sise delle monache di Guardiagrele, su chietitoday.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]