Sink biosferico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Per sink biosferico (carbon sink) si intende la riserva di anidride carbonica assorbita e immagazzinata dal terreno e dagli oceani con la normale attività connessa sia alla fotosintesi che ad attività di altro tipo.

Questo accumulo può essere di origine sia naturale che artificiale. I principali sink biosferico di tipo naturale sono:

I principali sink biosferico di origine antropica sono:

Il sink biosferico ha notevoli implicazioni sia economiche che politiche.

Protocollo di Kyoto[modifica | modifica sorgente]

Dato che la vegetazione in crescita assorbe l'anidride carbonica, il protocollo di Kyoto prevedeva che i paesi con ampie zone di foresta (o di altra vegetazione) avessero un bonus, una quota a disposizione come "sconto" sulle loro emissioni future, per render loro più facile raggiungere gli obiettivi stabiliti.

In realtà, questo provvedimento è stato usato in modo imprevisto: alcuni paesi hanno cercato di vendere diritti all'emissione sui mercati dell'emissione di carbonio, comprando i permessi inutilizzati dell'emissione di carbonio di altri paesi ricchi di vegetazione[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Karen Palmer, Dallas Burtraw, "Electricity, Renewables, and Climate Change: Searching for a Cost-Effective Policy", ed. Resources for the Future, maggio 2004. Versione archiviata in archive.org il 4 - 06 - 2007 di [1] (PDF) (URL consultato il 24 dicembre 2009)
ecologia e ambiente Portale Ecologia e ambiente: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ecologia e ambiente