Sinfonia n. 8 (Mahler)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sinfonia n. 8
(Sinfonia dei Mille)
CompositoreGustav Mahler
TonalitàMi bemolle maggiore
Tipo di composizionesinfonia
Epoca di composizione1906-1907
Prima esecuzioneMonaco di Baviera, 12 settembre 1910
PubblicazioneUniversal Edition, Vienna, 1911
DedicaAlla mia amata Alma
Durata media80 minuti
Organicovedi sezione
Movimenti

La Sinfonia n. 8 in Mi bemolle maggiore è una composizione di Gustav Mahler scritta fra il 1906 ed il 1907, ed è nota anche come Sinfonia dei Mille per via dell'immenso organico vocale, corale e strumentale che richiede,[1] anche se spesso viene eseguita con meno di mille musicisti.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'intero lavoro, composto di due parti, fu composto in un solo slancio d'ispirazione, a Maiernigg, in Carinzia, nell'Austria meridionale. A metà del mese di agosto 1906 Mahler aveva praticamente terminato la composizione, dovette però interrompere le ultime rifiniture per recarsi a Salisburgo dove partecipò al centocinquantesimo anniversario mozartiano.[2]

La prima esecuzione, diretta da Mahler stesso, avvenne con successo a Monaco di Baviera il 12 settembre 1910 alla presenza del principe reggente di Baviera, di Alberto I del Belgio, di Henry Ford, di Siegfried Wagner, di Richard Strauss, di Georges Clemenceau, Alfredo Casella, Anton Webern, Stefan Zweig, Thomas Mann, Max Reinhardt, Leopold Stokowski ed Otto Klemperer. Fu l'ultima sinfonia che il compositore udì eseguita. Il suo lavoro sinfonico successivo fu infatti Das Lied von der Erde (composto nel 1908) che, benché si tratti tecnicamente di una sinfonia per orchestra e voci soliste, Mahler non inserì nel conto delle sue sinfonie come "numero 9", e ad ogni modo debuttò solo sei mesi dopo la morte dell'autore; la Sinfonia n. 9 invece, composta nel 1909, non fu eseguita che nel 1912.

Mahler stesso ripose grandi aspettative in questa composizione ed era convinto della sua qualità; rinunziando al tradizionale pessimismo delle sue opere, il compositore austriaco propose un'inedita fiducia nell'eternità dello spirito umano, un'opera smaccatamente ottimista. Dopo la morte del compositore fu eseguita piuttosto raramente. Tuttavia dalla seconda metà del ventesimo secolo la sinfonia è entrata nel repertorio delle principali orchestre in tutto il mondo e, dopo essere stata tra le numerose "prime incisioni" dirette da Leopold Stokowski,[3] è stata più volte registrata da celebri direttori e orchestre (per esempio Leonard Bernstein – ben tre volte, nel 1962, 1966 e 1975 –, Georg Solti, Pierre Boulez – nel 1975 e nel 2007 –, James Levine, Claudio Abbado, Neeme Järvi, Riccardo Chailly – nel 1995 e nel 2000 –, Simon Rattle – in un celebrato concerto con la City of Birmingham Symphony Orchestra e la National Youth Orchestra of Great Britain del 2002 – e Gustavo Dudamel).

La prima americana della Sinfonia n. 8 di Mahler, diretta da Leopold Stokowski

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La struttura non è convenzionalmente divisa in movimenti, ma è composta di due parti, collegate da temi comuni e dalla tematica della redenzione per via dell'amore.

La prima parte è basata sul testo di un inno di pentecoste alto-medioevale.

  • Parte II in tedesco: Scena conclusiva del "Faust" di Goethe (Schlußszene aus Goethes »Faust«).

L'organico[modifica | modifica wikitesto]

Le voci[modifica | modifica wikitesto]

  • 3 soprani (di cui uno recita nella seconda parte) (Magna Peccatrix, Una poenitentium e Mater Gloriosa)
  • 2 contralti (Mulier Samaritana e Maria Aegyptiaca)
  • tenore (Doctor Marianus)
  • baritono (Pater Ecstaticus)
  • basso (Pater Profundus)
  • Cori (SATB): coro di voci bianche e due cori misti

Gli strumenti[modifica | modifica wikitesto]

Legni:

Ottoni:

Percussioni:

Tastiere:

in galleria:

  • 4 trombe in Fa
  • 3 tromboni

Strumenti a corde sfregate e pizzicate:

Registrazioni[modifica | modifica wikitesto]

Discografia selettiva

Le critiche[modifica | modifica wikitesto]

Una piccola capanna grigia, circondata da alberi
Capanna a Maiernigg dove l'ottava sinfonia fu composta da Mahler nel 1906

Sin dall'inizio, Mahler aveva intuito l'importanza della composizione; tralasciando il pessimismo che aveva caratterizzato molte sue composizioni, propose l'ottava sinfonia come espressione dell'eternità dell'anima umana.

I critici si sono divisi riguardo alla sinfonia; alcuni trovano l'ottimismo forzato e poco convincente e la considerano inferiore alle altre composizioni dello stesso autore. Theodor Adorno, Robert Simpson e Jonathan Carr la giudicarono inferiore per qualità ad altri lavori di Mahler, criticando in particolare il suo ottimismo, ritenuto poco convincente; per contro, Deryck Cooke la paragonò alla Sinfonia n. 9 di Ludwig van Beethoven.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nella sua prima esecuzione, l'autore ha diretto un coro di 858 elementi e un'orchestra di 171 musicisti.
  2. ^ Henry- Louis de la Grange, Gustav Mahler. La vita, le opere, trad. di Maurizio Disoteo, EDT, Torino, 2011, ISBN 978-88-7063-493-8
  3. ^ Stokowski ebbe nel suo curriculum una cospicua serie di prèmieres e prime incisioni, tra cui la Rapsodia su un tema di Paganini di Rachmaninoff e la Sesta sinfonia di Shostakovich, nonché i Gurre-lieder di Schoenberg. Nel caso specifico della Sinfonia n. 8 di Mahler, si trattò della prima incisione completa.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN177826187 · LCCN (ENn84149903 · GND (DE30009809X · BNF (FRcb139158958 (data) · J9U (ENHE987007523075405171
  Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica