Sindrome premestruale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Sindrome premestruale
Specialità ginecologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 625.4
ICD-10 N94.3
MedlinePlus 001505

Con sindrome premestruale viene definita una complessa sintomatologia fisica e mentale che si attiverebbe nelle donne in corrispondenza dei giorni immediatamente precedenti le mestruazioni.

L'esistenza di questa sindrome viene messa in discussione da recenti studi scientifici che la reputano più che altro un luogo comune della cultura occidentale , in quanto non esiste nelle altre società [1] .

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine sindrome premestruale è stato introdotto per la prima volta negli anni sessanta, ad opera di Greene e Dalton, ma ancora non è stata identificata, tuttora, in modo definitivo, la causa scatenante dell'insieme di questi disturbi. Si ritiene in ogni caso trattarsi di una sorta di reazione autoallergica, dovuta a un'eccessiva produzione di ormoni da parte dell'ipofisi nella fase post-ovulatoria e premestruale; essa comporta un eccessivo lavoro da parte del fegato, e il relativo stato di affaticamento.

Clinica[modifica | modifica wikitesto]

La sindrome si può presentare con manifestazioni cliniche fisiche e psichiche.

Sintomi fisici[modifica | modifica wikitesto]

  • Tensione mammaria
  • Sensazione di gonfiore diffuso
  • Cefalea
  • Acne
  • Disturbi dell'appetito
  • Costipazione o diarrea
  • Dolori muscolari e/o alla schiena
  • Aggravamento di asma, rinite
  • Aumento di peso

Sintomi psichici[modifica | modifica wikitesto]

  • Irritabilità e variabilità dell'umore
  • Voglia di piangere
  • Depressione
  • Diminuzione della libido
  • Astenia
  • Difficoltà di concentrazione
  • Livello di sopportazione diminuito/ azzerato

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni recenti studi [senza fonte] hanno spinto a ipotizzare che assumere cioccolato durante la sindrome premestruale e anche durante i giorni del ciclo vero e proprio, stimoli la produzione di endorfine, riducendo i disturbi tipici di questo periodo. In ogni caso, la terapia per la sindrome premestruale consiste nell'uso di antidolorifici e antinfiammatori. Si ritiene che la somministrazione prolungata di magnesio (Mg) sia benefico per il mal di testa, la tensione mammaria e i crampi catameniali (che si presentano in corrispondenza delle mestruazioni).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ la psicologa Robyn Stein Deluca illustra su TED le recenti scoperte scientifiche in merito alla sindrome premestruale| http://www.ted.com/talks/robyn_stein_deluca_the_good_news_about_pms?language=it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina