Sindrome di Achard-Thiers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Sindrome di Achard-Thiers
Specialità endocrinologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 255.2
ICD-10 E25.9
Sinonimi
Diabete delle donne barbute
Eponimi
Emile Achard
Joseph Thiers

La sindrome di Achard-Thiers, nota in epoche passate come diabete delle donne barbute[1], è una malattia che può colpire le donne adulte o anziane, legata ad un'alterata produzione di alcuni ormoni da parte della corticale del surrene o dell'ipofisi e caratterizzata da alterazioni della glicemia fino al vero e proprio diabete mellito e da virilizzazione con irsutismo e amenorrea nelle donne in età fertile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo caso della sindrome fu descritto in letteratura dai medici francesi Charles Achard e Joseph Thiers nel 1921. I due ricercatori coniarono l'espressione "diabete della donna barbuta" descrivendo il riscontro autoptico, in una donna anziana affetta da diabete mellito e irsutismo, di un aumento di volume delle ghiandole surrenali. Negli anni successivi altri studi hanno dimostrato l'associazione della sindrome con un eccesso di insulina e di androgeni[2].

Ipotesi eziologiche[modifica | modifica wikitesto]

Gli studi condotti fino agli anni '60[3] del ventesimo secolo erano concordi nell'associare la sindrome a un ipercortisolismo (eccessiva prodzione di cortisolo) dovuta, a sua volta, a un'eccessiva produzione di ACTH da parte dell'ipofisi, con conseguente iperplasia della porzione corticale delle ghiandole surrenali, oppure a tumori benigni o maligni di queste stesse ghiandole. In entrambi i casi il risultato sarebbe una produzione anomala di cortisolo, principale responsabile del diabete, e di ormoni androgeni responsabili della virilizzazione. Alcuni autori considerano questa malattia come una forma di sindrome di Cushing[1]. Studi successivi[4] hanno ipotizzato, almeno per la forma che si manifesta subito dopo la menopausa, un'influenza degli ormoni sessuali di origine ovarica, il che rende la sindrome classificabile tra le cause di irsutismo con aumentata produzione androgenica di origine mista, ovarica e surrenalica[2]. Ciò ha portato alcuni autori moderni a considerare la Achard-Thiers una variante della sindrome dell'ovaio policistico[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Antonino Natoli, Enciclopedia medica italiana, Firenze, USES, 1973, p. 210.
  2. ^ a b c Università di Pisa (PDF), endocrinologia.med.unipi.it. URL consultato il 14 dicembre 2015.
  3. ^ Malaisse W, Lauvaux JP, Franckson JR, Bastenie PA, Diabetes in bearded women (Achard-Thiers-Syndrome): A clinical and metabolic study of 20 cases, in Diabetologia, 3-4, nº 1, Apr 1966, pp. 155-61, DOI:10.1007/BF01257906, PMID 24173296.
  4. ^ Diamanti-Kandarakis E., Insulin resistance in PCOS (Review), in Endocrine, vol. 1, nº 30, Agosto 2006, pp. 13-7, PMID 17185787.
Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina