Sindrome della fermentazione intestinale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sistema Digerente

La sindrome dell'autoproduzione di birra, nota anche come sindrome della fermentazione intestinale è una condizione medica rara in cui vengono prodotte quantità di etanolo mediante fermentazione endogena degli amidi all'interno del sistema digestivo.[1][2] Diversi organismi gastrointestinali possono essere legati alla patologia come Saccharomyces cerevisiae, Candida glabrata[3] o la Candida albicans[4] sono stati identificati come fattori eziologici per questa condizione.

Le dichiarazioni di fermentazione endogena di questo tipo sono state utilizzate come difesa contro le accuse di guida in stato d'ebbrezza.[5][6][7]

Un caso è rimasto non diagnosticato per 20 anni.[8]

È stato anche studiato, ma scartato, come una possibile causa di sindrome della morte improvvisa del lattante.[9]

Una variante di questa sindrome si verifica in persone con anomalie del fegato che impediscono loro di abbattere l'alcol normalmente. I pazienti con questa condizione possono sviluppare sintomi simili a questa sindrome anche quando il lievito produce una quantità di alcol troppo piccola per inebriare un individuo sano.[10]

Sintomi[modifica | modifica wikitesto]

La malattia può avere effetti profondi sulla vita quotidiana. Gli effetti collaterali ricorrenti sono mal di stomaco, vertigini, bocca secca, hangover, disorientamento, sindrome dell'intestino irritabile e sindrome da affaticamento cronico. Questi effetti possono portare ad altri problemi di salute come la depressione, l'ansia e la scarsa produttività sul lavoro. Lo stato di intossicazione inoltre può portare a difficoltà personali nel quotidiano, e la relativa difficoltà nel riconoscere la condizione può rendere difficile individuare il trattamento adatto.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]