Sindrome amotivazionale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La sindrome amotivazionale è una condizione psichiatrica caratterizzata da una riduzione delle attività sociali nell'individuo, senso di distacco ed alienazione, apatia e mancanza di volizione, distacco emotivo e difficoltà mnemoniche e di attenzione.

Cause[modifica | modifica wikitesto]

Può venire causata da eventi che influiscono negativamente sulla sfera emotiva e l’equilibrio psicologico dell’individuo oppure dall’uso di alcune sostanze psicotrope.

Studi dimostrano come la sindrome amotivazionale sia un caratteristico effetto collaterale dell’assunzione prolungata dei composti psicoattivi della cannabis.

La sindrome amotivazionale, può svilupparsi anche a seguito dell'assunzione di sostanze psicoattive come l'ecstasy o durante il trattamento con alcuni antidepressivi come gli SSRI/SNRI (talvolta può persistere anche dopo la sospensione dando origine alla sindrome post-SSRI).

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Non esiste un trattamento specifico per la sindrome amotivazionale. Dato che la causa più frequente è l’assunzione di una sostanza psicotropa, il trattamento consiste nella sospensione dell’assunzione della sostanza.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina