Simonetta da Collevecchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Simonetta da Collevecchio (Collevecchio, ... – post 1534) è stata una serva di Alfonsina Orsini, moglie di Piero il Fatuo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua figura è passata alla storia come madre di Alessandro de' Medici, detto il Moro per il colore olivastro della pelle, per cui si diffuse la diceria che ella potesse essere di origine africana o comunque mulatta. Questa versione non è pertanto sostenuta da alcuna fonte storica ed è da considerarsi infondata. [1]

Non è certo se partorì Alessandro da una relazione con Lorenzo Duca di Urbino o con il Cardinale Giulio de' Medici, poi Papa Clemente VII. Gli storici del ventunesimo secolo in genere propendono per la seconda ipotesi, adducendo la presunta relazione con Lorenzo come un semplice copertura di facciata, per quella che era una scappatella (tra l'altro non rara per l'epoca) di un uomo di chiesa, futuro papa.

Alessandro nacque nel 1510 e la sua fulminante carriera e il suo ruolo di favorito papale sono stati indicati come indizi aggiuntivi della sua possibile, vera genealogia.

Simonetta fu maritata a uno staffiere che lavorava per i Medici e rimase sotto la protezione familiare, sebbene avesse umili origini, per essere stata comunque la madre di un Medici. Il Pieraccini ha pubblicato una lettera di Simonetta al figlio Alessandro, nella quale ella fa menzione di altri due figli nati dal suo matrimonio. La lettera risale al 1529 e altri riferimenti fanno collocare la sua scomparsa almeno dopo il 1534.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]