Simon the Sorcerer II: Il Leone, il Mago e il Guardaroba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Simon the Sorcerer II: Il Leone, il Mago e il Guardaroba
Screenshot
Screenshot
Sviluppo Adventure Soft
Pubblicazione Adventure Soft
Ideazione Simon Woodroffe
Data di pubblicazione 1995
Genere Avventura grafica
Modalità di gioco Giocatore singolo
Piattaforma Amiga, Mac OS, MS-DOS, iPhone OS
Motore grafico AGOS
Supporto Floppy disk, CD-Rom
Periferiche di input tastiera, mouse
Seguito da Simon the Sorcerer 3D

Simon the Sorcerer II: Il Leone, il Mago e il Guardaroba (conosciuto comunemente anche solo come Simon the Sorcerer II) è il secondo capitolo di una serie di avventure grafiche sviluppato da Adventure Soft e pubblicato nel 1995.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il malvagio stregone Sordid riesce a tornare a costituire una minaccia grazie ad un corpo robotico fornitogli da un giovane apprendista stregone che ottiene così la promessa di diventare suo adepto se lo aiuta a vendicarsi del protagonista Simon che nel primo episodio della serie l'aveva sconfitto; per richiamare Simon nel mondo magico, sordid fa realizzare un guardaroba magico e lo spedisce nella nostra dimensione dove Simon ovviamente cade. Per sua fortuna, una volta ritrovatosi di nuovo nel mondo magico capita nel villaggio del mago Calypso e accetta così di dargli nuovamente una mano in cambio del "carburante" necessario per riattivare il guardaroba e tornare così sulla Terra.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Così come Monkey Island 2: LeChuck's Revenge aveva migliorato il proprio motore di gioco -lo "storico" Scumm- eliminando i verbi delle azioni e lasciando solo le icone degli oggetti presenti nell'inventario, la Adventure Soft rinnova il motore AGOS alla medesima maniera, lasciando al giocatore solo poche icone ai due angoli bassi dello schermo rappresentanti le principali azioni compibili e dedicando il resto della parte bassa dello schermo agli oggetti nell'inventario.

Come già il suo predecessore, il titolo si presenta come un'avventura di stampo fantastico con una marcata componente umoristica tendente al cinismo -dovuto in particolare al carattere "spigoloso" del protagonista- che parodiava in maniera più o meno palese favole, e opere letterarie; la cosa risalta fin dal titolo visto che The Lion, The Witch and The Wardrobe (il sottotitolo originale inglese) è il titolo della seconda opera del ciclo de Le cronache di Narnia.

Anche in questo capitolo, come già successe nel primo episodio, nella riedizione in CD-Rom del gioco venne aggiunta una parte di doppiaggio originariamente non presente.

Versioni del gioco[modifica | modifica wikitesto]

Versione Pc[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco venne lanciato originariamente nella classica scatola di cartone suddiviso in 8 Floppy disk da 3½ pollici; in un secondo tempo ne verrà realizzata una versione in CD-Rom in cui sarà inserito il parlato.

Versione Amiga e iPhone/iPod Touch[modifica | modifica wikitesto]

La versione Amiga venne originariamente pianificata direttamente nel 1995 ma poi soppressa perché il mercato di questa piattaforma stava andando spegnendosi. I diritti per questa piattaforma vennero poi acquisiti da Epic Interactive Entertainment (ora RuneSoft) nel 1999 e, quello stesso anno, ne editò l'edizione in CD-Rom.

In tempi più recenti il gioco è stato portato su iPhone e iPod Touch insieme al suo predecessore.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi