Simo Häyhä

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Simo Häyhä
Simo hayha honorary rifle.jpg
Simo durante la Guerra d'inverno, fotografato col suo Mosin-Nagant modello-28, nel 1940.
17 dicembre 1905 – 1º aprile 2002
SoprannomeMorte Bianca
Nato aRautjärvi
Morto aHamina
Cause della morteMorte biologica
Luogo di sepolturaRuokolahti
EtniaFinlandese
Dati militari
Paese servitoFinlandia Finlandia
Forza armataSuomen Maavoimien tunnus.svg Maavoimat
SpecialitàTiratore scelto
UnitàReggimento di fanteria no. 34
Anni di servizio1925 - 1940
GradoCaporale[1]
Sottotenente[2]
FeriteMandibola, lato sinistro, causata da un proiettile
ComandantiCarl Gustaf Emil Mannerheim
GuerreSeconda Guerra Mondiale
CampagneGuerra d'inverno
BattaglieBattaglia di Kollaa
DecorazioniVapaudenristin 1lk rintatähti mk.png Ordine della croce della libertà - I, II, III, IV classe
voci di militari presenti su Wikipedia

Simo Häyhä (Rautjärvi, 17 dicembre 1905Hamina, 1º aprile 2002) è stato un militare finlandese. Attivo come tiratore scelto durante la guerra d'inverno contro l'Armata Rossa, venne soprannominato "Morte Bianca"[4] (Белая cмерть, Belaya Smert in russo, Valkoinen Kuolema in finlandese) per l'altissimo numero di soldati nemici abbattuti: 542 se si considerano quelli confermati e circa 800 se si considerano quelli non confermati.[3]

Häyhä è riconosciuto come il più letale cecchino della storia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Simo Häyhä nacque nella città di Rautjärvi, in Carelia, regione della Finlandia sud-orientale dove crebbe nella fattoria di famiglia. Entrò in servizio nel 1925 nell'esercito della Finlandia indipendente dopo aver lavorato diversi anni come contadino. Durante la guerra d'inverno (1939-1940) tra Finlandia e Unione Sovietica prese parte al conflitto operando come cecchino. I combattimenti avvenivano in territori dove la temperatura era bassissima e per questo Häyhä sviluppò tecniche di cecchinaggio che gli permettessero di mantenere al più alto livello possibile la sua efficienza fisica e le sue capacità di tiro, che risultava oltremodo complesso in quelle condizioni. Tra le varie particolarità della tecnica di tiro e di combattimento di Häyhä vi era quella di sparare sempre dal terreno, fatto assai raro per un cecchino, in quanto la tendenza dei tiratori scelti è ovviamente quella di posizionarsi sempre in zone sopraelevate rispetto al passaggio del nemico.

A Häyhä sono accreditate oltre 500 uccisioni di soldati dell'Armata Rossa, durante la Battaglia di Kollaa il numero di uccisioni da parte di Simo col solo cecchinaggio raggiunse il numero di 542. L'attendibilità di questi numeri è totale in quanto il conteggio giornaliero dei morti era pratica in uso presso i cecchini finlandesi. [6][7][8].

I rapporti non ufficiali dal fronte pongono il numero di russi abbattuti dal cecchinaggio di Häyhä ad oltre 800. Rivelatosi un vero flagello per l'esercito russo, l'Armata Rossa usò i migliori cecchini per dargli la caccia e organizzò addirittura raid di bombe da artiglieria per cercare di stanarlo. Il 6 marzo 1940 Häyhä fu colpito alla mandibola durante un combattimento ravvicinato. Il proiettile lo ferì nella parte sinistra del viso. Riprese coscienza il 13 dello stesso mese. Poco tempo dopo la battaglia fu promosso da caporale a sottotenente dal Maresciallo di Finlandia Carl Gustaf Emil Mannerheim,[5] meritando questo grado in breve tempo, Simo Häyhä è ancora considerato un eroe nella storia militare finlandese. Occorse molto tempo perché Häyhä si potesse riprendere dalla ferita infertagli. Dopo la guerra divenne un cacciatore di alci e un allevatore di cani.

Quando gli fu chiesto nel 1998 come aveva fatto a diventare un tanto abile tiratore egli rispose: «Pratica». Quando gli fu chiesto se si pentiva dei tanti morti che aveva fatto egli rispose: «Ho fatto quello che mi hanno chiesto, al meglio che ho potuto». Simo Häyhä visse i suoi ultimi anni nel piccolo villaggio di Ruokolahti, nel sud-est della Finlandia, che curiosamente si trova nelle immediate vicinanze del confine russo. Morì il 1º aprile del 2002 all'età di 96 anni.

Armi e strategie[modifica | modifica wikitesto]

Simo Häyhä usava un fucile Mosin-Nagant russo modificato in Finlandia[9], chiamato "bassotto" (pystykorva); lo stesso Simo era basso di statura (circa 1.60m). Simo usò spesso anche una mitraglietta Suomi KP-31 e portava sempre con sé pochissimo equipaggiamento: per muoversi velocemente gli bastavano, oltre al fucile e al mitra, solo una razione di cibo e i caricatori delle sue armi. Tra i vari motivi del suo successo vi è la tattica russa d'attacco a ondate che procurava bersagli molto ravvicinati e scoperti. Häyhä, come accennato sopra, sfruttava tecniche assolutamente insolite tra i cecchini: in particolare usava tacche di mira fisse piuttosto che un'ottica telescopica, in quanto riteneva che un eventuale riflesso sulla lente dell'obiettivo avrebbe potuto rivelare la sua posizione. Nonostante l'assenza del mirino telescopico, riusciva a centrare obiettivi anche da distanze superiori ai 400 metri. Häyhä inoltre si muoveva sempre da solo durante le operazioni, rimanendo acquattato nella neve e sopportando per ore temperature che andavano dai -20 ai -40 °C, al contrario dei cecchini finlandesi che solitamente si posizionavano sugli alberi. Simo vestiva sempre di bianco per mimetizzarsi nella neve, che era solito compattare di fronte alla canna del suo fucile per non farla sollevare nello sparo. Inoltre teneva sempre della neve in bocca per evitare di produrre condensa con il suo respiro.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Durante la Guerra d'inverno.
  2. ^ Dopo la Guerra d'inverno.
  3. ^ a b Simo Hayha, l’eccezionale sniper finlandese della Guerra d’Inverno tra Russia e Finlandia(1939-40), su Tiro Lunga Distanza.it. URL consultato il 10 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2012).
  4. ^ a b c Un recente incontro con Simo Häyhä
  5. ^ a b (FI) Jukka-Pekka Lappalainen, Kollaa kesti, niin myös Simo Häyhä, in Helsingin Sanomat, 6 dicembre 2001. URL consultato il 19 febbraio 2011.
  6. ^ The Sniper Log Book—World War II
  7. ^ Rayment, Sean, The long view, in The Daily Telegraph (London), 30 aprile 2006. URL consultato il 30 marzo 2009.
  8. ^ (FI) Sotasankarit-äänestyksen voitti tarkka-ampuja Simo Häyhä, su MTV3. URL consultato il 30 marzo 2009.
  9. ^ Fucile Mosin Nagant 91/24

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7378110 · ISNI (EN0000 0001 1591 0339 · LCCN (ENn2008054683