Silvia Grilli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Silvia Grilli

Silvia Grilli (Forlimpopoli, 12 settembre 1961) è una giornalista italiana.

Dal 2012 è direttore responsabile del settimanale Grazia[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureata in Lingua e letteratura americana all'Università Ca' Foscari di Venezia, dopo aver studiato Storia e civiltà francese alla Sorbona di Parigi, comincia la carriera giornalistica nei quotidiani La Notte, L'Indipendente, Il Giornale, per poi passare al settimanale Epoca. Nel 1998 è caporedattore attualità di Anna e nel 2000 caporedattore centrale di Cosmopolitan[2].

Ha collaborato con Il Foglio e testate internazionali tra cui The Guardian, The New York Observer, The New York Sun[3].

Nel 2001 diventa inviato speciale Panorama e firma reportage da Stati Uniti[4], Medio Oriente[5], Cina[6].

Nel 2005 è condirettore di Grazia, di cui diventa l'anno successivo direttore responsabile[7]. Nel 2006 l'editore Mondadori le chiede di cambiare il volto del settimanale Grazia e renderlo più contemporaneo. Intuendo le potenzialità della comunicazione on-line, decide di aprire il blog di Grazia, il primo di un magazine in Italia[8]. Il blog tratta di attualità, moda e cultura in forma di racconto aperto ai commenti dei lettori[9].

Nel febbraio 2007 lascia Grazia e parte per New York, da dove, in qualità di editor-at-large, scriverà per le testate Mondadori[10]. Alla fine di novembre dello stesso anno, torna in Italia per essere nominata vicedirettore di Panorama[11].

Nel 2012 torna alla direzione di Grazia. Sotto la sua guida, il settimanale si rinnova totalmente, trasformandosi in una rivista di stretta attualità sia nel campo della cronaca sia della moda[12].

Dal 31 marzo 2021 conduce sul canale La5 il programma G21 - Ricostruiamo il futuro, dove, insieme a professionisti del settore, propone delle soluzioni per la ripresa economica dell'Italia dopo la pandemia di Covid-19 in Italia.[13][14] Il titolo della trasmissione fa riferimento ad un inserto[15] della rivista Grazia, di cui la giornalista ne è direttrice, con titolo e intenti medesimi.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

È sposata con Christian Rocca, direttore del giornale on line Linkiesta, con cui ha avuto una figlia.[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mondadori: Silvia Grilli nuovo direttore di Grazia, su corriere.it, 29 novembre 2012. URL consultato l'11 dicembre 2019.
  2. ^ Girl power e cliché: Silvia Grilli e la sua rivoluzione per Grazia, su Parte del discorso, 28 febbraio 2019. URL consultato il 1 1dicembre 2019.
  3. ^ Grazia: Silvia Grilli è il nuovo direttore, su FashionNetwork.com, 3 dicembre 2012. URL consultato l'11 dicembre 2019.
  4. ^ Silvia Grilli, Terminal 4. La vita segreta nello scalo del film di Tom Hanks, in Panorama, 23 settembre 2004.
  5. ^ Silvia Grilli, Qatar. Più hi-tech che Corano, in Panorama, 18 ottobre 2001.
  6. ^ Silvia Grilli, Nella città della paura. Incubo Sars, in Panorama, 8 maggio 2003.
  7. ^ Silvia Grilli è il nuovo direttore di Grazia, su Pambianco News, 4 dicembre 2012. URL consultato l'11 dicembre 2019.
  8. ^ Grazia & The Blonde Salad, You. The digital fashion revolution, Mondadori, 2016, p. 8.
  9. ^ Il blog di Grazia, su grazia.blog.it. URL consultato il 16 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2006).
  10. ^ Silvia Grilli: “Ecco i miei posti del cuore… A partire da New York”, su BabyGuest, 13 luglio 2018. URL consultato l'11 dicembre 2019.
  11. ^ Colophon di Panorama, 15 novembmre 2007, anno XLV, n. 46, p. 299
  12. ^ Grande libro della stampa italiana e dell'informazione online, Genesis srl, giugno 2019, pp. 182-183.
  13. ^ G21 Ricostruiamo il futuro, su todaytv.it.
  14. ^ Speciale G21 Ricostruiamo il futuro, su programma.sorrisi.com.
  15. ^ "G21 Ricostruiamo il futuro" sul sito ufficiale di Grazia., su grazia.it.
  16. ^ Christian Rocca è il nuovo direttore del giornale on line Linkiesta, su ilpost.it. URL consultato il 17 dicembre 2019.