Silvano Mezzavilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Silvano Mezzavilla (Gradisca, 31 gennaio 1944) è uno sceneggiatore, giornalista e consulente editoriale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si trasferisce giovanissimo a Treviso con la famiglia. Nel 1967 va a vivere a Roma dove intraprende esperienze di doppiaggio cinematografico e assistenza alla sceneggiatura.

Entra nel mondo del fumetto nel 1974 curando una rubrica a tema per conto del giornale Sette Giorni Veneto. Nel 1976 crea Treviso Comics, rassegna internazionale del fumetto e delle comunicazioni visive, che dirige fino alla sua chiusura avvenuta nel 2003.

Ha curato mostre di fumetti in Italia e all'estero.

Dal 1982 al 2016 ha collaborato alla pagina culturale del quotidiano Il Mattino di Padova; ha scritto articoli a tema fumettistico per molte altre testate. È stato direttore della rivista Orme.

Come sceneggiatore, debutta nel 1977 con storie per la collana Uomini e guerra; successivamente scrive per Skorpio, Bunny Band, Il Giornalino e Topolino.

In Disney, collabora tra gli altri con Giorgio Cavazzano: i due realizzano nel 1993 un sentito omaggio al cinema con Topolino e la fabbrica dei sogni oltre a storie d'investigazione come a es.: Gambadilegno e il ritorno a Legcity, Topolino e l'enigma del faro, Topolino e il mistero della voce spezzata.

Suoi i testi di La nave (primo web-fumetto italiano), di Antonio Vivaldi, una biografia a fumetti e di Storie d'arte e di misfatti, per Legambiente.

Nel 2021, per ricordare gli artefici della nascita del Pcd'I, realizza il graphic novel Quelli che a Livorno, cronaca di una scissione, con disegni di Luca Salvagno.

È autore di testi di libri per bambini, editi da Gallucci.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7291158188246420260003