Sigurd Christiansen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Sigurd Wesley Christiansen (Drammen, 17 novembre 1891Drammen, 23 ottobre 1947) è stato uno scrittore e drammaturgo norvegese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dell'imprenditore e pastore Andreas Christiansen (1853-1918) e Maren Kirstine Sæthre (1851-1935), si sposò nel 1916 con Magdalena Johanne Melaaen. Era il più giovane dei suoi fratelli, crebbe in una famiglia borghese.

Cominciò a scrivere molto giovane e pubblicò il suo primo racconto Ærlighed varer altid længst (l'onestà è il comportamento migliore) nel 1907 una rivista per ragazzi, firmato come Sigurd Wesley. Pubblicò anche la poesia Mod jul (contro il Natale) sul numero natalizio della rivista Menneskevennens del 1910[1].

Christiansen pubblicò il suo primo libro, il romanzo Seieren, nel 1915In seguito scrisse Thomas Hergel (1917) Vort eget liv (1918), Ved Golgata (1920) e Blodet (1923); già dai primi romanzi le tematiche di colpa, confessione ed espiazione erano presenti, come in tutti i suoi libri, al punto che l'autore è stato definito il Dostoevsky norvegese[2]. inizialmente i suoi libri furono accolti con una certa freddezza. La svolta avvenne tra il 1925 e il 1929, con la sua trilogia composta dai tre romanzi Indgangen, Sverdene e Riket, vicende dal clima pesante, con uno stile intenso[3]. Nel 1931, il suo lavoro En reise i natten viene rappresentato al Nationaltheatret di Oslo. Nello stesso anno Christiansen vince il Den nordiske romankonkurranse, superando di poco lo scrittore Sigurd Hoel[4], con il romanzo To levende og en død, storia della rapina in un ufficio postale dove due impiegati resistono strenuamente mentre un terzo non si oppone alla rapina e intasca i soldi. Da questo romanzo sono stati tratti due film in lingua norvegese, due in lingua inglese e uno in ceco. Il libro, che gli procura una notorietà internazionale, viene pubblicato in Italia nel 1937 col titolo Due vivi e un morto. Lo stesso autore è stato impiegato fino al 1935 nell'ufficio postale di Drammen dove ha poi vissuto nella casa di stile futurista Løkkebergveien 41 dell'architetto Christian Fredrik Arbo[5].

Le sue opere letterarie maggiormente conosciute, oltre a Due vivi e un morto sono Indgangen (1925), Sverdene (1927) e Riket (1929).

La trilogia di Jørgen Wendt è considerata il suo migliore lavoro tra gli ultimi libri scritti, ed è fortemente autobiografica. Nel primo, Drømmen og livet, che narra l'adolescenza del protagonista, lo stile è sicuro, la struttura solida. Nel secondo libro dell'antologia, Det ensomme hjerte, un Jørgen Wendt diciottenne si riconosce artista, pieno di amore per gli altri, che non lo ricambiano. Menneskenes lodd, il terzo volume, si svolge durante la prima guerra mondiale, che sconvolge la vita del protagonista[3].

Christiansen ha vinto il premio Gyldendal's Endowment nel 1940.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Seieren (1915)
  • Thomas Hergel, Kristiania, (1917).
  • Vort eget liv, Kristiania (1918).
  • Offerdøden : skuespil i fire akter, Kristiania (1919).
  • Ved Golgata, København (1920).
  • Døperen, Kristiania (1921).
  • Blodet, Kristiania (1923).
  • Indgangen Kristiania, (1925).
  • Edmund Jahr, Oslo (1926)
  • Sverdene, Oslo (1927)
  • Idyllen om Sander : 6 noveller, Oslo (1928)
  • Riket (1929)
  • *Due vivi e un morto, Mondadori, Milano 1933, (To levende og en død) (1931)
  • En reise i natten (1931)
  • Dydens have (1932)
  • Agner i stormen (1933)
  • Drømmen og livet (1935) (trilogia Jørgen Wendt 1)
  • Det ensomme hjerte (1938) (trilogia Jørgen Wendt 2)
  • Mannen fra bensinstasjonen (1941)
  • Menneskenes lodd (1945) (trilogia Jørgen Wendt 3)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NO) Sigurd Christiansen – Norsk biografisk leksikon, in Store norske leksikon. URL consultato il 13 giugno 2017.
  2. ^ (EN) Theodore Jorgenson, History of norvegian literature, New York, Haskell House publishers, 1970, p. 498.
  3. ^ a b (NO) Sigurd Christiansen, nbl.snl.no.
  4. ^ (NO) Sigurd Christiansen – Norsk biografisk leksikon, in Store norske leksikon. URL consultato il 14 giugno 2017.
  5. ^ (NO) Christian Fredrik Arbo (1876-1951), artemisia.no.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (NO) Tor Bomann-Larsen, Det usynlige blekk : Sigurd Christianseos liv,, J.W. Cappelen, 1977.
  • (NO) Tor Bomann-Larsen, De fleste har nok med a leve: Et essay om Sigurd Christiansens manglendo monument, J.W. Cappelen, 1991.
  • (EN) Theodore Jorgenson, History of norvegian literature,, Haskell House publishers, 1970.
  • (NO) Hans G Dahl; Alf Calmeyer Melhus, Sigurd Christiansen; 17. november 1891 - 23. october 1947, J. Steenberg & Co., 1961.
Controllo di autorità VIAF: (EN7554129 · LCCN: (ENn92057753 · ISNI: (EN0000 0000 8354 3940 · GND: (DE119124475 · BNF: (FRcb13561344c (data)