Sigurður Ingi Jóhannsson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sigurður Ingi Jóhannsson
Sigurður Ingi Jóhannsson-profile.jpg

Primo ministro dell'Islanda
Durata mandato 5 aprile 2016 –
11 gennaio 2017
Presidente Ólafur Ragnar Grímsson
Guðni Thorlacius Jóhannesson
Predecessore Sigmundur Davíð Gunnlaugsson
Successore Bjarni Benediktsson

Dati generali
Partito politico Partito Progressista
Titolo di studio Laurea in Medicina veterinaria
Università Università di Copenhagen
Professione Medico veterinario

Sigurður Ingi Jóhannsson (Selfoss, 20 aprile 1962) è un politico islandese, membro del Partito Progressista e Primo ministro dell'Islanda dal 5 aprile 2016 all'11 gennaio 2017.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si laurea in veterinaria, presso l'Università di Copenhagen, nel 1982 e esercita in patria la professione di veterinario. Viene eletto parlamentare nelle elezioni del 2002.[1]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Membro del Parlamento e Ministro di Gunnlaugsson[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2009 è membro del parlamento islandese Althing per il collegio elettorale meridionale. Dal 2009 al 2013 è stato vicepresidente del Club Parlamentare Progressista. È stato anche membro della commissione per la pesca e l'agricoltura e membro della delegazione islandese presso il Consiglio nordico occidentale. Dal 23 maggio 2013 è stato ministro della pesca e dell'agricoltura nel gabinetto Sigmundur Davíð Gunnlaugsson per poi sostituirlo alla guida del governo, dimessosi a seguito dello scandalo Panama Papers.[2] È stato anche ministtro dell'ambiente fino al 31 dicembre 2014, il suo successore in quest'ultimo ufficio è Sigrún Magnúsdóttir. Sigurður Ingi Jóhannsson è stato vice presidente del Partito Progressista dal 2013.

Primo ministro[modifica | modifica wikitesto]

Sigurður Ingi Jóhannsson brinda con il segretario di Stato degli Stati Uniti John Kerry nel 2016

A seguito delle dimissioni di Sigmundur Davíð Gunnlaugsson dall'Ufficio di Primo Ministro islandese il 6 aprile 2016 Sigurður Ingi Jóhannsson è stato nominato il nuovo primo ministro di transizione, la sera dello stesso giorno.[3] Dovrebbe entrare in carica fino alle elezioni anticipate in autunno.[3]

Il 2 ottobre 2016 Sigurður Ingi è stato eletto dall'assemblea del partito come successore di Sigmundur Davíð Gunnlaugsson, presidente del Partito Progressista. Con 370 voti ha superato la rielezione di Sigmundur David (329 voti) e Lilja Dögg Alfreðsdóttir per i quali sono stati espressi[4] solo tre voti, ma è stato eletto Vice Presidente.[5]

Dopo la sconfitta elettorale del Partito progressista alle elezioni parlamentari del 29 ottobre 2016 e la conseguente perdita della maggioranza di governo per la coalizione di indipendenza e del Partito Progressista, Sigurður Ingi Jóhannsson ha presentato le sue dimissioni da primo ministro al presidente Guðni Thorlacius Jóhannesson. Gli aveva chiesto di rimanere in carica fino alla formazione di un nuovo governo.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) eng.atvinnuvegaraduneyti.is
  2. ^ (EN) www.nytimes.com
  3. ^ a b (IS) Johannsson übernimmt - Island hat neuen Premierminister, su n-tv.de, 7 aprile 2016. URL consultato il 7 aprile 2016.
  4. ^ (IS) Freyr Gígja Gunnarsson, Sigurður Ingi kjörinn formaður Framsóknar, in ruv.is, 2 ottobre 2016. URL consultato il 2 ottobre 2016.
  5. ^ (IS) Freyr Gígja Gunnarsson, Lilja: Verðugt verkefni að sameina flokkinn, in ruv.is, 2 ottobre 2016. URL consultato il 2 ottobre 2016.
  6. ^ (DE) chi/sda, Islands Regierungschef tritt nach Parlamentswahl zurück, in Tages-Anzeiger, 30 ottobre 2016. URL consultato il 31 ottobre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]