Sigismondo I d'Este

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Sigismondo d'Este" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Sigismondo d'Este (disambigua).
Sigismondo I d'Este
Sperandio, Sigismondo d'Este, 1433-1507, Son of Niccolo III d'Este, probably 1463-1477, NGA 44525.jpg
Sigismondo d'Este, 1433-1507, Figlio di Niccolo III d'Este, Sperandio, 1463/1477, National Gallery of Art.
Signore di San Martino in Rio
In carica 14901507
Predecessore (Nuovo titolo)
Successore Ercole d'Este di San Martino
Altri titoli Principe di Ferrara,
Modena e Reggio
Signore di Campogalliano, Castellarano, San Cassiano e Rodeglia
Nascita Ferrara, 31 agosto 1433
Morte Ferrara, 1º aprile 1507
Luogo di sepoltura Chiesa di Santa Maria degli Angeli (non più esistente), poi nel Monastero del Corpus Domini, Ferrara
Dinastia Este
Padre Niccolò III d'Este
Madre Ricciarda di Saluzzo
Figli Lucrezia
Bianca
Diana
Ercole
Religione Cattolicesimo
Marchesato di Ferrara
Este
Coat of arms of the House of Este (1431).svg

Alberto V
Figli
Niccolò III
Figli
Leonello
Figli
Borso
Modifica

Sigismondo d'Este (Ferrara, 31 agosto 1433Ferrara, 1º aprile 1507) fu signore di San Martino, Campogalliano, Castellarano, San Cassiano e Rodeglia. Governatore di Reggio. Governatore e Luogotenente del Ducato di Ferrara. Capitano Generale delle Armate del Duca di Ferrara.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sigismondo nacque il 31 agosto 1433 a Ferrara; figlio del marchese di Ferrara, Modena e Reggio, Niccolò III d'Este e di Ricciarda di Saluzzo.

Nel 1434 viene battezzato e armato cavaliere da Sigismondo d'Ungheria; crebbe con il fratello Ercole I d'Este alla corte di Alfonso d'Aragona re di Napoli.

Nel 1463 venne nominato governatore di Reggio Emilia da Borso d'Este.

Nel dicembre del 1470 combatté contro il conte Guido Pepoli, reo di aver saccheggiato le sue terre, e, per rappresaglia, fece lo stesso con quelle del conte.

Alla morte del duca Borso, il successore di questi Ercole I d'Este riconfermò il fratello Sigismondo, quale luogotenente di Reggio Emilia, con il compito di controllarne i confini.

Sigismondo, quando il fratello era assente, assumeva l'incarico di governare il Ducato di Ferrara. Tra il 1467 e il 1488, partecipò a diversi conflitti, alla guida delle truppe ferraresi; dal 1488 svolse solo compiti di rappresentanza.

Monastero del Corpus Domini, a Ferrara. Lapide nella sala del coro che ricorda la presenza dei resti mortali di Sigismondo I d'Este traslati in quel luogo dalla scomparsa chiesa di Santa Maria degli Angeli.

Il 28 gennaio 1490, il conte di Scandiano, Matteo Maria Boiardo, secondo le disposizioni ricevute dal duca Ercole I d'Este, investe Sigismondo di giurisdizione sui territori di San Martino in Rio[1], Campogalliano, Castellarano, San Cassiano e Rodeglia. L'11 maggio 1501 e successivamente nel 1505, il duca Ercole I d'Este gli riconferma la signoria e la piena giurisdizione sui territori concessi nel 1490[2].

I successori della linea degli Este di San Martino, dominarono il vasto feudo, tra alterne vicende, fino al 1752.

Morì il 1º aprile 1507 a Ferrara.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Dalla moglie Pizzocara, ebbe tre figlie:

  • Lucrezia (? - 1544), sposò Antonio Alberico II Malaspina, marchese di Massa e Signore di Carrara;
  • Bianca (? - ?), sposò Amerigo Sanseverino, conte di Capaccio;
  • Diana (? - 1555), sposò Uguccione II Contrari, conte di Vignola.

Da Cecilia Rachesi, ebbe un figlio:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Obizzo III d'Este Aldobrandino II d'Este  
 
Alda Rangoni  
Alberto V d'Este  
Lippa Ariosti  
 
 
Niccolò III d'Este  
Alberto Albaresani  
 
 
Isotta Albaresani  
 
 
 
Sigismondo d'Este  
Federico II di Saluzzo Tommaso II di Saluzzo  
 
Ricciarda Visconti  
Tommaso III di Saluzzo  
Beatrice di Ginevra Ugo di Ginevra  
 
Isabelle d'Anthon  
Ricciarda di Saluzzo  
Ugo II de Pierrepont Simon de Pierrepont  
 
Marie de Châtillon  
Marguerite de Pierrepont  
Blanche de Coucy Raoul de Coucy  
 
Jeanne d'Harcourt  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gli Este di San Martino in Rio.
  2. ^ Mauro Severi, San Martino in Rio. La Collegiata e la facciata del Piermarini., Silvano Editoriale, 2017, pp. 24-25.
  3. ^ Ercole d'Este - Arbre généalogique Franck Jacques - GeneaNet

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Signore di San Martino in Rio Successore
(Nuovo titolo) 14901507 Ercole d'Este di San Martino
Predecessore Governatore di Reggio Successore
14631507?
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie