Sierra (Ecuador)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sierra
0003 Quito (14).JPG
Vista di Quito
Stati Ecuador Ecuador
Territorio Azuay Azuay
Bolívar Bolívar
Carchi Carchi
Cotopaxi Cotopaxi
Cañar Cañar
Chimborazo Chimborazo
Imbabura Imbabura
Loja Loja
Pichincha Pichincha
Tungurahua Tungurahua
Superficie 59 810 km²
Abitanti 6 081 342
Lingue spagnolo, quechua
Fusi orari UTC-5
Nome abitanti serrani
Región Interandina del Ecuador.svg
In questa mappa, in marrone sono evidenziati i territori interandini facenti parte di province andine, in rosso intenso i territori interandini in province non andine, e in rosa i territori non interandini in province andine.

Coordinate: 0°42′S 80°00′W / 0.7°S 80°W-0.7; -80

La Sierra ecuadoriana è una regione geografica della Repubblica dell'Ecuador che si estende da nord a sud per 800 km lungo la Cordigliera andina. Si compone delle province di Pichincha, Carchi, Tungurahua, Chimborazo, Cañar, Azuay, Loja, Imbabura, Bolívar e Cotopaxi.

Questa regione è conosciuta per le sue elevate catene montuose, i ghiacciai e i vulcani, tra i più importanti dei quali ci sono il Cotopaxi e il Chimborazo. Le sue 10 province hanno città storicamente e culturalmente importanti come Quito e Cuenca, e centri artigianali, come Otavalo, inoltre sono numerosi i parchi nazionali, ricchi di flora e fauna.

Nella Sierra convivono zone relativamente calde e altre più fredde, in quanto le valli situate tra le montagne hanno diverse altitudini e, di conseguenza, diversi climi. A Quito, capitale dell'Ecuador, l'Aeroporto Internazionale Mariscal Sucre è la principale via d'ingresso al paese.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La Sierra ecuadoriana occupa un quarto della superficie totale dell'Ecuador e corrisponde a due catene montuose della larghezza di 100–120 km poste longitudinalmente da nord a sud, con all'interno un "corridoio" interandino[1]. Le due catene montuose hanno un'altitudine media di 4000–4500 m, anche se alcune vette, di origine vulcanica, raggiungono altezze maggiori. La Cordigliera Occidentale culmina col Chimborazo, che raggiunge un'altezza superiore ai 6200 m, mentre la Cordigliera Orientale ha nel Cotopaxi la sua vetta più alta.

Le catene montuose si estendono dal confine con la Colombia a nord, fino a quello con il Perù a sud, mentre ad est e ovest sono delimitate da altre due regioni ecuadoriane: la Costa a ovest e l'Oriente a est, che corrisponde all'Amazzonia ecuadoriana. Il corridoio interandino tra le due catene montuose, formato dai sedimenti delle eruzioni vulcaniche e dall'erosione delle montagne, è situato ad altezze comprese tra i 2000 e 3000 metri[2].

Vulcanismo e sismicità[modifica | modifica wikitesto]

Il vulcano Tungurahua visto da Riobamba

Le Ande ecuadoriane sono sede di numerosi vulcani, molti dei quali ancora attivi. Il Tungurahua, che si affaccia su Baños e il Reventador, hanno avuto eruzioni nel corso degli anni 2000. Anche il Cotopaxi, dopo decenni di quiete nel corso del XX secolo, ha registrato attività nel 2015, con l'espulsione di ceneri poi disperse dal vento a centinaia di chilometri di distanza. Il Pichincha, vicino a Quito, ha avuto la sua ultima eruzione importante nel 1999. Il rischio di lahar che minacciano la periferia di Quito (Valle de los Chillos) in caso di eruzione del Cotopaxi è un rischio ancora maggiore per la capitale ecuadoriana[3][4].

Il rischio sismico è sempre stato presente nella sierra ecuadoriana, come testimonia il terremoto del 1949 che causò 6 000 vittime nelle province di Tungurahua, Cotopaxi, Chimborazo e Bolívar. Il rischio di terremoti, insito anche la parte costiera del paese, è legato al movimento verso est della placca di Nazca ad una velocità di 6 centimetri all'anno[5].

Vegetazione[modifica | modifica wikitesto]

La vegetazione della regione andina dell'Ecuador è determinata dai piani altitudinali di vegetazione diversi a seconda dell'altitudine. Alcune piccole differenze tra stesse altezze possono esserci a seconda dell'esposizione dei versanti e della loro relativa maggiore o minore umidità, anche se a latitudini equatoriali questo fattore ha meno importanza che alle alte latitudini. Approssimativamente si trovano questi diversi piani nella Sierra:

  • 1000–1800 m: terreni subtemperati principalmente occupati da diversi tipi di foreste, a seconda dell'abbondanza di precipitazioni;
  • 1800–2600 m: terre temperate più fresche delle precedenti, originariamente occupate da boschi ma ora ampiamente coltivate;
  • 2600–3200 m: terre fredde, ampiamente coltivate con terreni incolti occupati da foreste umide;
  • 3200–4000 m: terreni subnivali occupati dai Paramos
  • > 4000 m: terreni nivali, caratterizzati da neve e frequenti gelate. I ghiacciai in Ecudador sono presenti solitamente oltre i 5000 m[6].

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alla capitale Quito, seconda capitale più alta del mondo dopo La Paz), la sierra è sede di alcune delle più importanti città del paese, tra cui Cuenca, Riobamba, Ambato, Latacunga e Ibarra. È stata a lungo la regione più popolata del paese, tuttavia negli ultimi anni è passata dal 58% al 45% di quella totale dell'Ecuador, lasciando il primato alla Costa[7]. Nel 2008, la popolazione della Sierra è stata stimata a 6 203 000 abitanti, su 13 805 000 dell'intero Ecuador, contro i 6 842 000 della costa e 679 000 abitanti dell'Amazzonia. Le due province più popolose della Sierra sono Pichincha (provincia di Quito), con 2 394 000 abitanti, e quella di Azuay (provincia di Cuenca) con 691 000 abitanti: queste due province rappresentano quindi la metà della popolazione totale della Sierra ecuadoriana[8].

Come anche nel resto dell'Ecuador, la popolazione della sierra è composta da una miscela di bianchi, meticci, indigeni e afroecuadoriani. La percentuale della popolazione indigena è più alta nella Sierra rispetto alla media nazionale, perché le grandi popolazioni quechua sono rimaste legate alla catena montuosa. Le lingue parlate nella Sierra sono lo spagnolo e il quechua. Dal punto di vista linguistico, la pronuncia dello spagnolo nella sierra è diverso da quello parlato nella regione costiera, e si avvicina maggiormente a quello pronunciato nelle pianure dell'Oriente[9].

Città principali[modifica | modifica wikitesto]

Riobamba
Ibarra; Casa de la Iberreñidad
# Pos.
reg.
# Pos.
naz.
Città Provincia Popolazione (2010)
1 2 Flag of Quito.svg Quito Pichincha Pichincha 1 619 146
2 3 Flag of Cuenca, Ecuador.svg Cuenca Azuay Azuay 331 888
3 9 Flag of Loja.svg Loja Loja Loja 180 617
4 10 Bandera Provincia Tungurahua.svg Ambato Tungurahua Tungurahua 178 538
5 13 Bandera de Riobamba.svg Riobamba Chimborazo Chimborazo 146 324
6 15 Bandera de Ibarra.png Ibarra Imbabura Imbabura 131 856
7 18 Bandera de Sangolquí.png Sangolquí Pichincha Pichincha 75 080
8 20 BanderaLatacunga.svg Latacunga Cotopaxi Cotopaxi 63 842
9 21 Flag of Tulcán.svg Tulcán Carchi Carchi 60 403
10 33 Bandera de Otavalo.png Otavalo Imbabura Imbabura 39 354
11 34 Bandera de Cayambe.jpg Cayambe Pichincha Pichincha 39 028
12 38 Bandera de La Troncal.png La Troncal Cañar Cañar 35 259
13 42 Bandera de Azogues.png Azogues Cañar Cañar 33 848
14 50 Bandera de Guaranda.png Guaranda Bolívar Bolívar 23 874
15 51 Bandera de la Maná.png La Maná Cotopaxi Cotopaxi 23 775

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Quito, capitale della provincia di Pichincha e dell'Ecuador, è la seconda città che contribuisce maggiormente al PIL nazionale dopo Guayaquil, mentre Cuenca è quella a più alto reddito pro capite. Quito ha il più alto livello di riscossione delle imposte in Ecuador secondo il Servicio de Rentas Internas (S.R.I.) ed è la più importante regione economica del paese,[10]

Lo sviluppo dell'industria a Cuenca e nel sud della regione si basa sulle abilità manuali dei suoi abitanti, dediti ad esempio alla lavorazione dei gioielli e alla produzione di vasellame e mobili, inoltre a Cuenca e in generale nella provincia di Azuay vengono in gran parte commercializzati i cappelli Panama, prodotti principalmente nella Provincia di Manabì[11].

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Monumento alla Mitad del Mundo
La Cattedrale di Cuenca
La porta di Loja

La regione turistica della Sierra è nota per la preservazione degli ecosistemi naturali e per la conservazione delle maggiori città, i cui centri storici in stile coloniale sono ancora ben conservati e poco alterati, come Quito e Cuenca, entrambe dichiarate Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.

Alcune delle città e delle aree naturali d'interesse nella Sierra sono:

Centro storico di Quito[modifica | modifica wikitesto]

Quito, capitale dell'Ecuador, si trova nella depressione del Guayllabamba sulle pendici orientali dello stratovulcano attivo Pichincha, nella parte occidentale delle Ande a 2850 m.s.l.m.. La città è divisa in 32 parrocchie, divise a loro volta in barrios.[12]

La data della sua prima fondazione è incerta, tuttavia, viene utilizzata la conquista spagnola della città, il 6 dicembre del 1534, come data di fondazione ufficiale[13]

Nel mese di novembre del 1978, Quito è stata dichiarata dal UNESCO "Beni Culturali", e in particolare nel corso del XXI secolo il turismo è cresciuto enormemente, con turisti provenienti in particolar modo da Stati Uniti, Germania, Italia e Francia.

Mitad del Mundo[modifica | modifica wikitesto]

La Ciudad Mitad del Mundo si trova su un terreno di proprietà della prefettura della provincia di Pichincha, nella parrocchia di San Antonio, a nord del centro di Quito. Tra il 1979 e il 1982 è stato costruito un monumento di 30 metri di altezza per segnare il punto in cui si credeva che passasse la linea dell'equatore, con una linea che dal centro della scalinata prosegue ad est e attraverso la piazza, per indicare dove passa l'equatore. In realtà l'intera struttura è situata 240 metri a sud della reale linea dell'equatore, che fu ridefinita quando emerse la tecnologia GPS.

Il monumento piramidale, con i quattro lati rivolti ognuno verso un punto cardinale, è sormontato da un globo di 4,5 metri di diametro e 5 tonnellate di peso. All'interno del monumento c'è un piccolo museo che mostra elementi della cultura indigena dell'Ecuador.

Centro storico di Cuenca[modifica | modifica wikitesto]

Cuenca, situata nella parte meridionale delle Ande ecuadoriane, è anch'essa Patrimonio dell'umanità, e viene chiamata, per la sua maestosa architettura, la sua diversità culturale, il suo contributo alle arti, alle scienze e alla letteratura ecuadoriana, l'Atene dell'Ecuador[14].

Diversi sono i musei e le chiese antiche, tra cui la Cattedrale dell'Immacolata Concezione, una delle più grandi d'America, e altre risalenti al XVI e XVII secolo. Nel centro della città le facciate delle case mostrano le diverse influenze europee, con i caratteristici balconi e i soffitti artisticamente intagliati e altri forgiati in ottone verniciato.

Centro storico di Loja[modifica | modifica wikitesto]

Situata nella parte orientale della Provincia di Loja nel sud dell'Ecuador, Loja ha una ricca tradizione artistica, e per questo motivo è conosciuta come la capitale musicale e culturale dell'Ecuador. Numerosi anche a Loja sono i musei e le chiese antiche, come la Cattedrale, una delle più grandi dell'Ecuador.

Ingapirca[modifica | modifica wikitesto]

Ingapirca, il Tempio del Sole

Ingapirca è il maggiore complesso archeologico Inca dell'Ecuador, ed è situato nella provincia di Cañar, ad oltre 3000 metri di quota. Il suo nome in quechua significa "Muro dell'Inca".

Baños de Agua Santa[modifica | modifica wikitesto]

Baños de Agua Santa, comunemente chiamata Baños, è una cittadina della provincia del Tungurahua, è circondata da diversi balneari e cascate che attraggono numerosi turisti che possono cimentarsi in diversi sport, come rafting e canoa discesa, inoltre nelle vicinanze è presente il vulcano attivo Tungurahua, che salvo periodi di eruzioni, è possibile scalare. Lo stesso vulcano genera alcune sorgenti termali, con temperature dell'acqua che vanno dai 18 ai 55 gradi.

Parco nazionale Cotopaxi[modifica | modifica wikitesto]

Il vulcano Cotopaxi

Area protetta dell'Ecuador, è ricco di specie arboricole, soprattutto di pini, che lo converte in una delle poche regioni boschive del Sudamerica che assomiglia maggiormente ad un paesaggio alpino piuttosto che a uno andino.

Parco nazionale El Cajas[modifica | modifica wikitesto]

Situato nella provincia di Azuay, a 33 km da Cuenca, è particolarmente ricco di lagune (232).

Lago Quilotoa[modifica | modifica wikitesto]

Lago formatosi 800 anni fa nel cratere del vulcano omonimo, è un sito turistico la cui popolarità è cresciuta negli ultimi anni

Mindo[modifica | modifica wikitesto]

Mindo, il paese degli uccelli

Situato a nord, nel Cantone di San Miguel de los Bancos, è un luogo confortevole a 1250 metri d'altitudine, noto per le bellezze naturali e per l'area protetta denominata Bosque Protector Mindo Nambillo, dove sono presenti 500 specie di uccelli, 90 di farfalle e oltre 150 specie di orchidee. Nel 2001 e 2002 fu al centro di una protesta da parte di ecologisti ecuadoriani e di altre parti del mondo per impedire la costruzione di un oleodotto[15][16], fatto che però avvenne ugualmente negli anni successivi[17].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

La gente della sierra è generalmente dolce e cordiale, meno estroversa e allegra dei costegni, ma è considerata generalmente più seria e affidabile. C'è una discreta rivalità culturale tra le due regioni; mentre i costegni definiscono "bobos" (tonti e noiosi) i serrani, al contrario questi ultimi apostrofano i costegni con il termine "mono" (scimmia). Anche gli abiti usati sono diversi, causa anche del clima più fresco: i serrani si vestono in modo vario ma con abiti generalmente pesanti come cappotti, giacche e calzature calde, mentre gli indigeni mantengono i loro abiti tradizionali con il poncho quasi sempre presente.

Lingua[modifica | modifica wikitesto]

Le lingue ufficiali parlate nella Sierra sono lo spagnolo e il quechua. Lo spagnolo parlato sulle Ande assomiglia al chilango messicano, con la differenza che nella sierra ecuadoriana alcuni termini provengono dal quechua, lingua parlata dagli indigeni della regione, come ad esempio la parola ñaño/a (rivolta affettuosamente ad un fratello o ad un caro amico), o achachay (che freddo!) oppure arraray (che caldo!)[18], usate da persone di qualsiasi etnia che vivono in questa regione.

Nella regione della sierra è comune l'uso del voseo in ambito familiare, ossia rivolgendosi con il pronome "vos" all'interlocutore invece che con il "tu".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ecuador, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  2. ^ Sierra Ecuadoriana Qviaggi Network
  3. ^ (FR) Petltre, P., e D'Ercole, R., La ville et le volcan Quito, entre Pichincha et Cotopaxi (PDF), Horizon.documentation.ird.fr, 1992.
  4. ^ (FR) J.L. Perrin, JL et al , Quito face à un risque d'origine naturelle : les laves torrentielles, Journal of alpine, 2000.
  5. ^ (ES) El País registra alto Riesgo de vulnerabilidad sismica, El Comercio, 31 Gennaio 2010
  6. ^ (ES) Heterogeneidad climática y diversidad de la vegetación en el sur de Ecuador : un método de fitoindicación Archiviato il 25 febbraio 2016 in Internet Archive., Richter, M., et A. Moreira-Muñoz, 2005
  7. ^ (FR) Pierre Gondard, Axes mondialisés versus intégration régionale dans les andes, in La mondialisation côté sud: acteurs et territoires, editions Rue d'Ulm, pp. 287-298, ISBN 2-7099-1602-9.
  8. ^ (ES) Projection de la population pour 2008 Archiviato il 13 novembre 2010 in Internet Archive., Institut national des statistiques et recensements, 2008
  9. ^ Resultado de algunas encuestas lingüisticas recientes en el Ecuador, Antonio Quilis, 1988, dans Hommage à Bernard Pottier, t. 2, p. 649-658
  10. ^ Banca centrale dell'Ecuador, rapporto 2006
  11. ^ Xavier Basantes, Leadership Journal: province di Ecuador, Redaccion Cuenca, 2009 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2011).
  12. ^ (ES) Direccion Metropolitana de Planificacion Territorial, Fondo Quito Parish, su www4.quito.gov.ec, 2006 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2009).
  13. ^ Edufuturo, Fondazione di Santiago de Quito e San Francisco de Quito, su edufuturo.com, 2006. URL consultato il 16 luglio 2009 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2008).
  14. ^ (ES) LA Atenas del Ecuador sigue su desarrollo Vistazo
  15. ^ Gavaldá, Marc. La recolonización: Repsol en América Latina: invasión y resistencias. Volumen 191 de Antrazyt: Ecologia. Icaria Editorial, 2004. ISBN 84-7426-621-1, 9788474266214
  16. ^ Andrade Echeverría, Marco. DE la serpiente tecnológica a la mariposa de las secuoyas: el proyecto OCP y la ecología política de un conflicto. Editorial Flacso, Ecuador. ISBN 9978-67-228-1, 9789978672280
  17. ^ OCP Ecuador S.A. Que hacemos. Portal oficial de la empresa [1] Consultado el 17 de abril de 2011
  18. ^ Etimologia de achachai Etimologiasdechile

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316732779
America Portale America: accedi alle voci di Wikipedia che parlano delle Americhe