Siegfried Bendixen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Siegfried Bendixen, disegno a gessetto di Rudolph Suhrlandt, ca. 1832

Siegfried Detlev Bendixen (Kiel, 25 novembre 1786Londra, 1864) è stato un pittore e litografo tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel Ducato di Holstein, a quel tempo stato del Sacro Romano Impero, dove il monarca danese Cristiano VII di Danimarca regnava come duca, Bendixen ricevette le sue prime lezioni nel 1802 come assistente del pittore di affreschi Giuseppe Anselmo Pellicia nella tenuta di Emkendorf. Dopo un'ulteriore formazione a Kiel e Amburgo e un soggiorno in Italia, studiò all'Kunstakademie di Dresda nel 1809 e all'Accademia delle belle arti di Monaco di Baviera nel 1810 nella classe di pittura storica.[1] Durante un soggiorno a Parigi dal 1811 al 1812, reso possibile dal sostegno del conte Friedrich Karl von Reventlow, il 9 ottobre 1811 entrò nello studio di insegnamento di Jacques-Louis David, rimanendovi iscritto fino alla fine del maggio 1812.

Nel 1813 Bendixen si stabilì ad Amburgo prima di trasferirsi a Londra nel 1832. Su raccomandazione di Friedrich Johann Lorenz Meyer lavorò inizialmente come insegnante di disegno nelle scuole gestite dalla Società Patriottica del 1765 (Patriotische Gesellschaft von 1765).[2] Nell'indirizzario di Amburgo è elencato nell'edizione del 1816 come "ritrattista" con l'indirizzo "Königstr. 242 M.10"[3], nell'edizione del 1820 come "pittore artistico" con l'indirizzo "kl. Drehbahn no 345 P.10"[4] e nell'edizione dell'anno 1823 con l'indirizzo "Valentinskamp no 275".[5] Altre fonti asseriscono che in questa "sua casa (Valentinskamp no 275)" Bendixen aveva aperto un'accademia "molto caritatevole" di disegno "in associazione con diversi artisti locali".[6][7]

Tra i suoi allievi più noti c'erano:

Nel 1822, Bendixen sarebbe entrato in possesso di numerosi dipinti e disegni a mano della collezione dell'avvocato e collezionista d'arte Carl Friedrich Schmidt, che vendette nel tempo.[8]

Significato e opere[modifica | modifica wikitesto]

Bendixen è un importante esponente di temi storici, in particolare come primo pittore di monumenti preistorici nella Germania settentrionale. Ha prodotto, tra l'altro, tre incisioni dei tumuli megalitici (Großsteingrab) vicino a Volksdorf e, nel 1821 e 1822, una serie di litografie che raffigurano antichità di proprietà della Società Patriottica di Altona.

Il suo dipinto Weihnachten 1813 (Natale 1813), donato nel 1817 dall'Ufficio dei Mugnai di Amburgo e dalla loro Confraternita di San Martino, può essere visto ancora oggi su un pilastro tra la navata sud e quella principale della chiesa principale di Amburgo, San Petri. Mostra gli abitanti di Amburgo che non erano riusciti a reperire provviste sufficienti durante l'occupazione francese e sono stati quindi radunati a St. Petri la vigilia di Natale prima di essere cacciati dalla città all'alba. Bendixen disegnò anche il modello per un'incisione dell'epitaffio eretto dalla Società Patriottica del 1765 nel 1815 per i 1138 espulsi che morirono di "gelo, fame, miseria ed epidemie" e furono sepolti in fosse comuni a Ottensen.

Sempre di Siegfried Bendixen è la raffigurazione a grandezza naturale di sant'Ansgario, completata nel 1826, modellata sulla tavoletta votiva di San Pietro creata da Hans Bornemann intorno al 1457, che è stata restaurata e reinstallata nella chiesa della Santissima Trinità (St. Trinitatis) ad Amburgo-Altona dal 2006.

Nella chiesa di San Pietro (St.-Peter-Kirche) di Krempe è conservata una pala d'altare, realizzata da Bendixen nel 1832, raffigurante la Cena in Emmaus.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altre opere[modifica | modifica wikitesto]

Mostre (selezione)[modifica | modifica wikitesto]

  • 2019: Hamburger Schule – Das 19. Jahrhundert neu entdeckt (dal 12 aprile al 14 luglio), Hamburger Kunsthalle

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Matrikelbuch 1809–1841, su matrikel.adbk.de. URL consultato il 18 marzo 2017.
  2. ^ Nina Struckmeyer: Bendixen, Siegfried Detlev.
  3. ^ agora.sub.uni-hamburg.de, http://agora.sub.uni-hamburg.de/subhh-adress/digbib/view?did=c1:12770&sdid=c1:12795.
  4. ^ Hamburgisches Adress-Buch für das Jahr 1820, Personen- und Firmenverzeichnis, S. 27, agora.sub.uni-hamburg.de, http://agora.sub.uni-hamburg.de/subhh-adress/digbib/view?did=c1:14099&sdid=c1:14130.
  5. ^ Hamburgisches Address-Buch für das Jahr 1823, Personen- und Firmenverzeichnis: Gelehrte, Kaufleute, Fabrikanten, Krämer, Gewerke etc., S. 27, agora.sub.uni-hamburg.de, http://agora.sub.uni-hamburg.de/subhh-adress/digbib/view?did=c1:15113&sdid=c1:15160.
  6. ^ Hamburgisches Address-Buch für das Jahr 1823, Behörden u. a. Körp., amtl. Information, Abschnitt: Alphabetisches Verzeichniss einiger Hamburgischer Anstalten, öffentlicher Gebäude und anderer Merkwürdigkeiten, zunächst für Fremde. S. 606.
  7. ^ Es soll sich um zwei Institute gehandelt haben: eines für Malerei nach Modell und Aktmalerei (Akademie der zeichnenden Künste) und eines zur Ausbildung von jungen Leuten zu Künstlern. (Quelle: N.N.: Hamburg wie es war und ist. Hoffmannsche Buchhandlung, Hamburg 1827, S. 119 Hamburg wie es war und ist, p. 11. Ospitato su Google libri.)
  8. ^ Harry Schmidt: Jürgen Ovens. Sein Leben und seine Werke. Ein Beitrag zur Geschichte der niederländischen Malerei im XVII. Jahrhundert. Selbstverlag, Kiel, 1922, S. 276.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ulrich Schulte-Wülwer, Siegfried Bendixen, in Ders.: Kieler Künstler – Kunstleben und Künstlereisen 1770–1870, Heide 2014, S. 110–149. ISBN 978-3-8042-1406-4
  • Nina Struckmeyer: Bendixen, Siegfried Detlev. In: Bénédicte Savoy, France Nerlich (Hrsg.): Pariser Lehrjahre. Ein Lexikon zur Ausbildung deutscher Maler in der französischen Hauptstadt. Band 1: 1793–1843. Berlin / Boston 2013, S. 20–22, (Template:Digitalisat)
  • Michael Doose: Vier Mal St. Ansgar. In: Berichte aus der Restaurierungswerkstatt St. Jacobi. Band 3. Verlag Hanseatischer Merkur, Hamburg, 2010 verlag-hm.de
  • Ulrich Schulte-Wülwer, Sehnsucht nach Arkadien Schleswig-Holsteinische Künstler in Italien, Heide 2009, dort: Siegfried Bendixen, S. 44–48-49
  • Ralf Busch (Red.): Hamburg Altstadt. Führer zu archäologischen Denkmälern in Deutschland. Band 41. Theiss, Stuttgart 2002. ISBN 3-8062-1658-4
  • Andrea Pintsch: Bendixen, Siegfried Detlev. In: Allgemeines Künstlerlexikon. Band 8. Saur, München 1994, S. 629, ISBN 3-598-22748-5
  • Walter Heinrich Dammann: Panorama und Tafellandschaft. Anfänge und Frühzeit der Landschaftsmalerei in Hamburg bis 1830. Commeter, Hamburg, 1910, S. 35 ff.,(resolver.sub.uni-hamburg.de, Staats- und Universitätsbibliothek Hamburg).
  • Karl Johann Heinrich Hübbe: Ansichten der freien Hansestadt Hamburg und ihrer Umgebungen, Erster Theil. Frankfurt am Main 1824, S. 60, p. 60., zu Bendixens Gemälde in der Hamburger Hauptkirche St. Petri.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61821189 · ISNI (EN0000 0000 6663 3303 · CERL cnp01075946 · ULAN (EN500073078 · GND (DE116118458 · BNF (FRcb14969420d (data) · WorldCat Identities (ENviaf-61821189