Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Sieg Heil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il motto "Sieg Heil" risuonava spesso nelle adunate naziste, come questa del 1935 svoltasi a Berlino

"Sieg Heil" (pron. [/zik ˈhaɪl/]) è una frase di lingua tedesca che letteralmente significa "saluto alla vittoria".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo nazista era uno slogan collettivo usato nei raduni politici. Quando si incontrava qualcuno era consuetudine in Germania dare il saluto nazista con le parole "Heil Hitler". "Sieg Heil" era invece utilizzato ai raduni di massa come quello di Norimberga, dove migliaia di persone lo gridarono all'unisono. Al grido di un ufficiale nazista della parola "Sieg", la folla rispondeva con "Heil".

L'espressione fu coniata proprio durante un raduno del partito, quando Joseph Goebbels disse "Sieg Heil" e tutti appoggiarono la frase (per quanto il confidente di Hitler, Ernst Hanfstaengl, ne rivendicò per sé la paternità). Durante i raduni politici comparvero anche le bandiere con la scritta accanto alla svastica. Il partito nazionalsocialista NSDAP creò nel 1933 un distintivo che sfoggiava la corona della vittoria, la svastica e il motto "Sieg Heil".

Il nazismo argomentava che la guerra fosse un modo per determinare la superiorità della razza e che i tedeschi appartenessero a questa razza "superiore": la guerra avrebbe eliminato le altre e stabilito il "Nuovo ordine" dell'egemonia nazista (Neue Ordnung), mediante un "Darwinismo sociale".

Pronunciare questa frase nella Germania odierna costituisce reato punibile con la pena della reclusione fino a tre anni (Strafgesetzbuch - StGB sezione 86a). Lo stesso vale per le espressioni che potrebbero essere fraintese per "Sieg Heil". Non è invece reato se usato a fini educativi.

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • La faccia del Führer è un film di propaganda anti-nazista della Disney che deride il motto.
  • In I predatori dell'arca perduta il mercante corrotto che spia Indiana Jones, quando vede entrare nel locale i membri della Gestapo, solleva la mano gridando lo slogan (la scimmia addomesticata lo deride imitandolo).
  • Nell'anime Mobile Suit Gundam il Principato di Zeon, il cui modello riflette l'ispirazione nazista, usa il saluto "Sieg Zeon" che nella versione inglese è stato tradotto in "Hail Zeon".
  • Nell'anime Hellsing la nuova organizzazione nazista Millennium grida "Sieg Heil" quando saluta Rip Van Winkle morente.
  • Nella serie televisiva inglese Sealab 2021 nell'episodio Frozen Dinner il comandante del sottomarino tedesco grida "Sieg Heil" e spara con la sua Luger P08.
  • Nell'ouverture dell'album Über Alles del gruppo rock Hanzel und Gretyl si ascolta in modo distorto "Zieg Heil" . L'intero album è una satira sul regime totalitario con un grande uso di simbologia nazista.
  • Nell'album American Idiot dei Green Day la canzone Holiday cita: "Zieg heil to the President Gasman/Bombs away is your punishment".
  • Nell'omonima canzone della band Reagan Youth il coro canta: "We are Reagan Youth, Heil! Heil! Heil! Reagan Youth, Heil! Heil! Heil! Reagan Youth, Sieg Heil!". La loro intenzione era di suggerire un preteso parallelismo tra la politica di Ronald Reagan e i gruppi di estrema destra.
  • Una concorrente del Grande Fratello tedesco, Rebecca, è stata espulsa dal gioco per aver pronunciato la frase il 15 marzo 2008.
  • Nel fumetto Don Zauker pubblicato su Il Vernacoliere, nell'episodio XXI Il verbo di Dio, il protagonista (Don Zauker appunto) saluta Joseph Ratzinger (allora ancora cardinale) con il braccio destro teso in alto e urlando "Sieg Heil".

Imitazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Altri regimi adottarono un simile modello di saluto come gli Ustascia "Za dom - spremni!", la milizia slovacca "Na stráž!" o le Croci Frecciate ungheresi "Kitartás! Éljen Szálasi!".
Nazismo Portale Nazismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nazismo