Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Shlomo ben Aderet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Shlomo ben Aderet (ebraico: שלמה בן אדרת) (o Solomon/Salomone figlio di Aderet) (Barcellona, 12351310) è stato un rabbino e teologo spagnolo, noto halakhista e talmudista.

Conosciuto anche col soprannome di Rashba (ebraico: רשב״א), acronimo del suo titolo e nome: Rabbino Shlomo ben Aderet [1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Shlomo divenne un banchiere di successo e un leader degli ebrei spagnoli del suo tempo. Fu rabbino della principale sinagoga di Barcellona per 50 anni. I suoi insegnanti furono Nachmanide e Yonah ben Abraham Gerondi. Scrisse importanti opere giuridiche e commentari del Talmud. Ebbe numerosi ed importanti discepoli, tra cui Yom Tov Asevilli e Bahya ben Asher.

Shlomo difese Maimonide nel coevo dibattito sulle sue opere, e autorizzò la traduzione del suo commentario sulla Mishnah dall'arabo all'ebraico. Nonostante ciò, Shlomò si oppose all'approccio filosofico-razionalistico al giudaismo spesso associato a Maimonide, e fece parte del Beth din (tribunale rabbinico) di Barcellona quando esso proibì agli uomini di età inferiore ai 25 anni di studiare la filosofia secolare e le scienze naturali, con la sola eccezione degli studi di medicina. Il 26 luglio 1305 Shlomo scrisse:

« In quella città (Barcellona, n.d.r.) ci sono persone che scrivono delle iniquità sulla Torah e se fosse presente un eretico che scrive libri, questi dovrebbero venire bruciati come se fossero il "Libro degli stregoni" »

[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

"Hiddushei Berakhot" di Shlomo ben Aderet. Copia stampata da Daniel Bomberg a Venezia nel 1523
  • Responsa.

Shlomo fu considerato un'importante autorità rabbinica e si conoscono oltre 3000 dei suoi Responsa, con questioni a lui rimandate da Spagna, Portogallo, Italia, Francia e Germania; alcune persino dall'Asia Minore. Questi Responsa, che coprono tutti gli aspetti della vita ebraica, sono concisi e ampiamente citati dalle autorità halakhiche. Essi illustrano anche la sua opposizione al messianismo e alle pretese profetiche come fenomeno generale, con esempi contro i pretendenti al titolo di Messia come Nissim ben Abraham e Abramo Abulafia.

  • Hiddushei HaRashba, un commentario del Talmud.
  • Torat HaBayit, un manuale sul Casherut (leggi alimentari) e altre leggi religiose domestiche.
  • Mishmeret HaBayit, una difesa del Torat HaBayit contro la critica di Aharon HaLevi.
  • Sha'ar HaMayim, opera sulle leggi della Mikveh (bagno rituale).
  • Avodat HaKodesh, un manuale sulle leggi dello Shabbat e altre festività ebraiche.

Scrisse inoltre diversi commentari su altre materie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il nome Shlomo ben Aderet può essere scritto in molti modi diversi. Il primo nome è scritto sia come Shlomo o Solomon, o in it. Salomone. La successiva parola "ben" (che in ebraico significa "figlio di") viene a volte rimpiazzata dall'arabo "ibn" (parola araba che ha lo stesso significato di "ben") od omessa completamente. Aderet a volte si scrive Adret o Adereth. Occasionalmente il nome Avraham o Abraham viene incluso prima di Aderet.
  2. ^ H.Z. Dimitrovsky, ed. Teshubot HaRishba, Vol. 2 (Jerusalemme: Mossad Harav Kook, 1990) I, Pt. I, p.361

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN27494766 · LCCN: (ENn83027128 · ISNI: (EN0000 0000 6634 4296 · GND: (DE104076666 · BNF: (FRcb10663392g (data)