Shigellosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Shighellosi
Specialità infettivologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 004, 004.9, 004.0, 004.1, 004.2 e 004.3
ICD-10 A03, A03.0, A03.1, A03.2 e A03.9
MeSH D004405
MedlinePlus 000295
eMedicine 182767
Sinonimi
Dissenteria bacillare

La shighellosi, o dissenteria bacillare, è un'infezione che colpisce l'intestino tenue.

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Nei paesi meno sviluppati economicamente questa malattia si manifesta in forme molto più gravi, ogni anno sono riscontrati più di 160 milioni di casi e più di 1 milione di persone muoiono.[1]

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

Fra i sintomi e i segni clinici si presentano diarrea acquosa (il sintomo più comune) dissenteria (diarrea con presenza di muco e sangue), dolore, febbre, vomito, nausea.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

La causa è da collegarsi ad un batterio la Shigella (di cui esistono 4 sottogruppi; Shigella dysenteriae è il sottogruppo che produce manifestazioni cliniche più cospicue)

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

Oltre ad un'accurata anamnesi, dove si deve ricercare il soggiorno in aree endemiche, utile è l'esame microscopico (la colorazione di Wright)

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

la malattia ha una prognosi favorevole, si risolve in pochi giorni o nelle forme più gravi entro 6 settimane.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

La terapia solitamente comporta il reintegro dei fluidi. Nei casi più gravi e persistenti si può ricorrere alla somministrazione di antibiotici, come il trimetropin-sulfametossazolo[2] e fluorochinoloni[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kweon MN., Shigellosis: the current status of vaccine development., in Curr Opin Infect Dis., giugno 2008.
  2. ^ Goodman & Gilman, Le basi farmacologiche della terapia. Il manuale.
  3. ^ Le basi farmacologiche della terapia. Il manuale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Research Laboratories Merck, The Merck Manual quinta edizione, Milano, Springer-Verlag, 2008, ISBN 978-88-470-0707-9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina