Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Shibari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge. Le informazioni hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia può contenere materiale discutibile: leggi le avvertenze.
Dimostrazione della pratica del kinbaku

Lo shibari (縛り shibari?),[1] o kinbaku (緊縛 kinbaku?),[2] è una disciplina giapponese che consiste nel legare una persona in un contesto erotico. Si è evoluta dalle tecniche dell'hojōjutsu, un'arte marziale nata per immobilizzare i prigionieri di guerra. Pur essendo nata come pratica sessuale BDSM[1][3], oggi viene svolta da alcuni anche come forma di rilassamento o come forma artistica di scultura vivente.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Book cover - Shibari, the Art of Japanese Bondage cropped.png

La cultura dello shibari ha radici molto antiche. Nelle tradizionali cerimonie religiose giapponesi è sempre stato usuale includere corde e legamenti per simboleggiare il collegamento tra l'umano e il divino.[1]

Lo hojojutsu si perfezionò nel XV secolo, utilizzato dalla polizia e dai samurai come forma di prigionia, e come tale rimase fino al XVIII secolo.[3] Allora le risorse di metalli scarseggiavano, mentre in compenso abbondavano le funi di canapa e iuta: così spesso i prigionieri non venivano rinchiusi in una prigione, bensì venivano semplicemente immobilizzati con una corda. La polizia giapponese continua a portare nei propri furgoni un fascio di corda di canapa.[1]

La legatura entrò nell'immagionario erotico giapponese nel periodo Edo,[4] attraverso le cosiddette seme-e, un particolare tipo di ukiyo-e, che rappresentavano scene di costrizione. Sul finire dell'epoca Edo, nacque Seiu Ito, considerato il "padre del kinbaku". La sua fotografie e la sua pittura, ispirate dalle scene di costrizione presenti nel teatro kabuki, e prodotte per la maggior parte negli anni '30, influenzarono tutta la successiva generazione di kinbakushi.

Glossario[modifica | modifica wikitesto]

  • kinbaku (緊縛? sostantivo), letteralmente, "legatura stretta".
  • kinbaku-bi (緊縛美? sostantivo), letteralmente, "bellezza della schiavitù".
  • kinbakushi (緊縛師? sostantivo), parola composta da "kinbaku", legatura stretta e "shi", maestro, esperto. Traduzione letterale: maestro della legatura stretta e può essere abbreviato a "bakushi".
  • shibari (縛り? sostantivo), letteralmente, "legare (o tessere)". Definizione estesa: "limitare, trattenere, fissare".
  • shibaru (縛る? verbo), "legare".
  • nawa-shibari (縄縛り? sostantivo), vuol dire "legatura con la corda" (termine tuttavia scorretto, perché non esiste nella lingua giapponese).[5]
  • nawashi (縄師? sostantivo), parola composta da "nawa", corda e "shi", maestro. Letteralmente "maestro di corda", contestualmente utilizzato col significato di "artista della corda" in quanto "colui (esperto), che lega".[1]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Storia dello shibari
  2. ^ (EN) Storia del kinbaku
  3. ^ a b Massimo Lugli e Laura Serloni, Ragazza muore durante gioco erotico, un'altra giovane è grave, la Repubblica, 10 settembre 2011. URL consultato il 10 settembre 2011.
  4. ^ Master "K", The Beauty of Kinbaku, Stati Uniti, dicembre 2008, p. 192, ISBN 978-0-615-24876-9.
  5. ^ Searching in Japanese | Like Ra's Naughty Playground

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]