Luohan Shiba Shou

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Shiba Luohan Shou)
Jump to navigation Jump to search

Luohan Shiba Shou (羅漢十八手, le 18 mani degli Arhat) è un esercizio delle arti marziali cinesi che secondo la tradizione Shaolin venne insegnata da Bodhidharma ai monaci di Shaolinsi per preservarne la salute. In alcuni testi il nome di questo esercizio viene reso con Shiba Luohan Shou (十八羅漢手) o Damo Shiba Shou (达摩十八手).[1]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Secondo alcuni Bodhidharma in realtà insegnò un esercizio per il raggiungimento dell'illuminazione detto Shiba Kefuzhe (十八克服着, diciotto superamenti). Essi furono insegnati come movimenti rituali praticati per finalità spirituali nel Buddismo Indiano, chiamati Nata (衲他) ed utilizzati dai praticanti Vajramutki. Questi Nata infatti consistevano in 18 metodi combinati con esercizi respiratori, tensione e rilassamento dei muscoli e tecniche specifiche di meditazione .[2]

La pratica[modifica | modifica wikitesto]

Questa è una sequenza di Shiba Luohan Shou, che possiede 5 nomi a cui si associano una o più azioni per un totale complessivo di diciotto, che giustifica il nome “18 mani”:

  • Primo movimento (si compone di due azioni): 朝天直举 Chao tian zhi ju (Sollevare diritto verso il cielo)
  • Secondo movimento (si compone di quattro azioni): 排山运掌Pai shan yun zhang (Spingere con i palmi file di montagne)
  • Terzo movimento (si compone di quattro azioni): 黑虎伸腰Hei hu shen yao (La tigre nera distende i fianchi)
  • Quarto movimento: 雁翼舒展Yan yi shuzhan (L'oca selvatica distende le ali)
  • Quinto movimento: 揖肘钩胸Yi zhou gou xiong (Agganciare il petto con i gomiti facendo un inchino a mani giunte)
  • Sesto movimento: 换弓开膈Huan gong kai ge (Aprire il diaframma cambiando arco)
  • Settimo movimento: 金豹露爪Jin bao lu zhao (La pantera d'oro mostra gli artigli)
  • Ottavo movimento(si compone di quattro azioni): 腿力跌荡Tui li die dang (Forza delle gambe che cade e oscilla).

[3] Il maestro Wong Kiew Kit fornisce un elenco che in molti punti differisce da questo.[4]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Deqian德虔, Shaolin Luohan Shiba Shou 少林罗汉十八手, Beijing Tiyu Chubanshe, 1997, Beijing, ISBN 7810510991
  • Cai Longyun蔡龙云, Shaolin Luohan Shiba Shou shiyong fa 少林罗汉十八手实用法, articolo pubblicato sulla rivista Wulin
  1. ^ Yu Zhijun 于志均, Zhongguo chuantong Wushu shi 中国传统武术史 , Zhongguo Renmin Daxue Chubanshe, Beijing, 2006, ISBN 7-300-07060-4
  2. ^ The Shaolin Temple - 少林寺, su shaolin.cn.com. URL consultato l'11 aprile 2008 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2008).
  3. ^ Yu Zhijun 于志均, Zhongguo chuantong Wushu shi 中国传统武术史 , Zhongguo Renmin Daxue Chubanshe, Beijing, 2006, ISBN 7-300-07060-4 , pg. 233-239
  4. ^ Shaolin Eighteen Lohan Hands

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Video[modifica | modifica wikitesto]

  • 1, su youtube.com.
  • 2, su youtube.com.
  • 3, su youtube.com.
  • 4, su youtube.com.