Sheryl Sandberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sheryl Sandberg nel 2013

Sheryl Kara Sandberg (Washington D.C., 28 agosto 1969) è un'imprenditrice e politica statunitense, attuale direttrice operativa di Facebook.

Nel giugno 2012 è stata eletta nel consiglio di amministrazione di Facebook dagli allora membri del consiglio diventando la prima donna a far parte del consiglio di amministrazione.[1] Prima di entrare in Facebook come COO Sandberg è stata vicepresidente delle vendite e delle operazioni online globali di Google ed è stata coinvolta nel lancio della divisione benefica di Google, Google.org. Prima di Google Sandberg è stato capo dello staff per il Segretario al Tesoro degli Stati Uniti Lawrence Summers.[2]

Nel 2012 è stata nominata nella Time 100, una lista annuale delle persone più influenti al mondo secondo la rivista Time.[3] Secondo Forbes nel 2018 occupa l'11º posto tra le donne più potenti del mondo.[4] A ottobre 2019 il patrimonio di Sandberg ammonta a circa 1.7 miliardi di dollari, grazie alle sue partecipazioni in Facebook e in altre società[4] ed è diventata una delle più giovani miliardarie nel 2014.[5]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia e istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Sandberg è nata nel 1969 a Washington in una famiglia ebrea[6], figlia di Adele (nata Einhorn) e Joel Sandberg, la maggiore di tre figli.[7][8] Suo padre è un oftalmologo e sua madre era un'insegnante universitaria di lingua francese.

La sua famiglia si è trasferita a North Miami Beach, in Florida, quando aveva due anni. Ha frequentato la North Miami Beach Senior High School[9] e si è laureata al nono posto nella sua classe con una media di 4,646 punti. Era presidentessa di classe del secondo anno, è diventata membro della National Honor Society e faceva parte del comitato esecutivo della sua classe superiore.[10]

Nel 1987 Sandberg si è iscritto all'Harvard College. Si è laureata nel 1991 con lode[11] in economia e ha ricevuto il John H. Williams Prize per il miglior studente laureato in economia.[12] Mentre era ad Harvard ha cofondato un'organizzazione chiamata Women in Economics and Government.[10] Ha conosciuto l'allora professore Lawrence Summers, che è diventato il suo mentore e relatore della sua tesi[13] intitolata Conseguenze delle disuguaglianze economiche sugli abusi familiari[14]. Summers l'ha assunta come sua assistente di ricerca presso la Banca Mondiale, dove ha lavorato dal 1991 al 1993[15] sui progetti sanitari in India, occupandosi di lebbra, AIDS, e cecità.[16]

Nel 1993 si è iscritta alla Harvard Business School e nel 1995 ha conseguito il suo MBA con la massima distinzione.[12] Al suo primo anno di scuola di economia, ha ottenuto una borsa di studio.[17]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Carriera iniziale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver conseguito la laurea in economia aziendale nella primavera del 1995 Sandberg ha lavorato come consulente aziendale per McKinsey & Company per circa un anno (1995-1996). Dal 1996 al 2001 ha nuovamente lavorato per Lawrence Summers, che è stata poi Segretario al tesoro degli Stati Uniti d'America, sotto la presidenza Bill Clinton. Sandberg ha contribuito al lavoro del Tesoro per la cancellazione del debito nei paesi in via di sviluppo durante la crisi finanziaria asiatica.[16]

Successivamente, quando i democratici hanno lasciato la Casa Bianca, Sandberg è stata assunta da Google, a quel tempo una società semi-sconosciuta, per occuparsi della vendita online dei prodotti pubblicitari e editoriali di Google, nonché delle operazioni di vendita dei prodotti di consumo di Google e di Google Book Search.[18] Durante la sua permanenza in Google, ha ampliato il team di annunci e vendite da quattro persone a 4000 persone.[19]. Sandberg riuscì a convincere il provider America Online a trasformare Google nel suo motore di ricerca e a creare il sistema AdSense.[20] Ciononostante Sandberg non ha mai raggiunto posizioni elevate all'interno della società, diventando solo vicepresidente per le vendite globali online.[21]

Facebook[modifica | modifica wikitesto]

Sheryl Sandberg, direttrice operativa di Facebook, durante la sessione 'Handling Hyper-connectivity' al meeting annuale 2011 del Forum economico mondiale di Davos in Svizzera il 28 gennaio 2011.

Alla fine del 2007 Mark Zuckerberg, co-fondatore e amministratore delegato di Facebook, ha incontrato Sandberg a una festa di Natale tenuta da Dan Rosensweig.[22] Zuckerberg non ha cercato formalmente un Chief Operating Officer (COO) ma ha pensato a Sandberg come "perfetta" per questo ruolo. A marzo 2008 Facebook ha annunciato l'assunzione di Sandberg per il ruolo di COO e la sua uscita da Google.[23] Ciò ha portato ad una contesa fra Google e Facebook, ma Sandberg ha preferito l'offerta di Zuckerberg e ha abbandonato la società di Mountain View.[24] Sandberg viene criticata duramente da Google per aver assunto molti dei suoi ex colleghi, "strappandoli" dalla sua vecchia azienda, e per aver sfruttato la loro conoscenza di Google al fine di fortificare Facebook.[24]

Dopo l'ingresso in azienda Sandberg ha rapidamente iniziato a cercare di capire come rendere redditizio Facebook. Prima del suo ingresso l'azienda era "principalmente interessata a costruire un sito davvero bello; i profitti, pensavano, sarebbero arrivati dopo".[22] Alla fine della primavera la dirigenza di Facebook ha accettato di affidarsi alla pubblicità, "con la discreta presenza delle inserzioni", e nel 2010 Facebook è diventato redditizio.[22] Secondo Facebook Sheryl Sandberg supervisiona le attività commerciali dell'impresa, comprese vendite, marketing, business development, risorse umane, politica pubblica e comunicazione.[12]

Nel 2012 è diventata l'ottavo (e la prima donna) membro del consiglio di amministrazione di Facebook.[25]

Sandberg con il primo ministro indiano Narendra Modi a Nuova Delhi il 03 luglio 2014.

Nell'aprile 2014 è stato riferito che Sandberg ha venduto oltre la metà delle sue azioni di Facebook da quando l'azienda è diventata ad azionariato diffuso. Al momento dell'IPO di Facebook Sandberg deteneva circa 41 milioni di azioni della società ma dopo diversi round di vendite le sono rimaste circa 17,2 milioni di azioni, pari ad una quota dello 0,5% della società, per un valore di circa 1 miliardo di dollari.[26]

Consigli di amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 Sandberg è stato nominata nel consiglio di amministrazione di The Walt Disney Company.[27][28] Fa anche parte dei consigli di amministrazione di Women for Women International, del Center for Global Development e del V-Day.[12] In precedenza è stata membro del consiglio di amministrazione di Starbucks[29], Istituzione Brookings e Ad Council.[28] Fa inoltre parte del CdA dell'organizzazione One Billion Rising.[30]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Sandberg tiene il discorso di apertura del Keynote Speech dell'Università della California, Berkeley nel 2016.

Nel 2008 Sandberg ha scritto un articolo per The Huffington Post a sostegno del suo mentore, Larry Summers, che era sotto tiro per i suoi commenti sulle donne.[31] Nel 2010 è stata uno dei relatori principali al Business Leadership Council della Jewish Community Federation.[32] Nel maggio 2011 ha tenuto il discorso di apertura alla cerimonia di laurea del Barnard College.[33] Ha parlato come relatrice principale alla cerimonia del Class Day presso la Harvard Business School a maggio 2012.[34] Nell'aprile 2013 è stata la relatrice principale durante il secondo annuale Entrepreneur Weekend alla Colgate University a Hamilton a New York.[35] Nel 2015 ha firmato una lettera aperta per la quale la ONE Campaign ha raccolto le firme; la lettera era stata indirizzata a Angela Merkel e Nkosazana Dlamini-Zuma, esortandole a concentrarsi sulle donne in qualità di capo rispettivamente del G7 in Germania e del summit dell'Unione africana in Sudafrica, i quali inizieranno a fissare le priorità nel finanziamento allo sviluppo prima di un vertice principale dell'ONU nel settembre 2015 che stabilirà nuovi obiettivi di sviluppo per la generazione.[36] Nel 2016 ha pronunciato il discorso di apertura alla cerimonia di laurea della Università della California, Berkeley. Era la prima volta che parlava pubblicamente della morte del marito e ha sottolineato l'importanza della resilienza.[37] L'anno successivo ha pronunciato il discorso di insediamento alla classe 2017 del Virginia Polytechnic Institute and State University.[38] L'8 giugno 2018 ha pronunciato il discorso di insediamento del Massachusetts Institute of Technology a Cambridge.[39]

Iniziative benefiche[modifica | modifica wikitesto]

A marzo 2014, Sandberg e Lean In hanno sponsorizzato la campagna Ban Bossy, una campagna televisiva e sui social media progettata per scoraggiare la parola "bossy" (prepotente) dall'uso generale a causa del suo effetto nocivo percepito sulle giovani ragazze. Diversi spot video con testimonial, tra cui Beyoncé, Jennifer Garner e Condoleezza Rice, sono stati prodotti insieme a un sito web che fornisce materiale didattico, consigli sulla leadership e un modulo di impegno online a cui i visitatori possono promettere di non usare la parola.[40][41][42]

Sheryl Sandberg è impegnata sul fronte della parità di genere e della valorizzazione delle donne sul lavoro. È autrice del libro Facciamoci avanti - Le donne, il lavoro e la voglia di riuscire (titolo originale Lean in), pubblicato nel 2013, in cui analizza le cause per cui le donne faticano ad affermarsi nel mondo del lavoro e suggerisce come rimuovere questi ostacoli. Nel 2010 ha partecipato a TED Talks con un intervento intitolato Sul perché le donne leader sono troppo poche.[43]

A novembre 2016 Sandberg ha cambiato il nome della sua Lean In Foundation in Sheryl Sandberg & Dave Goldberg Family Foundation.[44] Questa nuova fondazione servirà come ombrello per LeanIn.Org[45] e una nuova organizzazione che ruota attorno al suo libro, Option B.[46] Sandberg ha anche trasferito circa 100 milioni di dollari in azioni Facebook per finanziare la fondazione e altre iniziative di beneficenza.[47]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Sandberg ha sposato Brian Kraff nel 1993 e ha divorziato un anno dopo.[48] Nel 2004 ha sposato Dave Goldberg[20], poi dirigente di Yahoo! e poi CEO di SurveyMonkey.[7][49][50] La coppia ha un figlio e una figlia.[51] Sandberg e Goldberg hanno spesso parlato del fatto di essere in un matrimonio di genitorialità condivisa.[52] Sandberg ha anche sollevato la problematica del monoparentalità in forte conflitto con lo sviluppo professionale ed economico in America.[53]

Il 1º maggio 2015 Dave Goldberg è morto inaspettatamente e la sua morte è stata originariamente indicata come conseguenza di un trauma cranico dovuto alla caduta da un tapis roulant, mentre la coppia era in vacanza in Messico.[54][55] Sandberg ha successivamente detto che la causa della morte del marito era dovuta ad una aritmia, e non alla caduta da un tapis roulant.[56]

Nel maggio 2019 è stato riferito che Sandberg e Bobby Kotick, CEO di Activision, si sono separati dopo tre anni di frequentazione.[57]

Sandberg ha sostenuto Hillary Clinton alle elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 2016.[58] L'ex first lady Michelle Obama ha detto che la teoria di Sandberg secondo la quale le donne possono sempre "avere tutto" è "una bugia". "Non sempre basta farsi avanti perché quella merda non funziona sempre", ha detto Obama.[59]

Sandberg vive a Menlo Park in California.[60]

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Il New York Times ha pubblicato nel 2018 un articolo in cui si descrive in dettaglio il ruolo di Sandberg nella gestione delle pubbliche relazioni di Facebook dopo le rivelazioni sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali negli Stati Uniti d'America del 2016 e lo scandalo Facebook-Cambridge Analytica.[61] Poco dopo, il 29 novembre 2018, il New York Times ha riportato che Sandberg aveva chiesto personalmente allo staff di comunicazione di Facebook di condurre una ricerca sulle finanze di George Soros qualche giorno dopo che Soros aveva pubblicamente criticato le aziende tecnologiche, compreso Facebook, al Forum economico mondiale. In una dichiarazione, Facebook ha detto che la ricerca su Soros "era già in corso quando Sheryl [Sandberg] ha inviato un'e-mail per chiedere se Soros avesse venduto allo scoperto le azioni di Facebook".[62]

Secondo il Wall Street Journal durante un incontro Mark Zuckerberg ha accusato Sandberg personalmente per l'esito dello scandalo di Cambridge Analytica e lui "ha accusato lei e le sue squadre per le ricadute pubbliche su Cambridge Analytica, e che Sandberg "ha confidato agli amici che lo scambio l'ha sconvolta, e si è chiesta se dovesse preoccuparsi per il suo lavoro".[63]

L'autrice Shoshana Zuboff ha chiamato Sandberg "la Typhoid Mary del capitalismo di sorveglianza".[64]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

  • Sandberg è stata nominata come una delle 50 "donne più potenti nel mondo degli affari" dalla rivista Fortune. Nel 2007 era al 29º posto ed era la donna più giovane della lista.[65] Nel 2008 era al 34º posto.[66] Nel 2009 era al 22º posto.[67] Nel 2010 era al 16º posto.[68] Nel 2011 era al 12º posto.[69] Nel 2012 era all'8º posto.[70] Nel 2013 era al 5º posto.[71] Nel 2014 era al 10º posto.[72] Nel 2015 era all'8º posto.[73] Nel 2016 era al 6º posto.[74] Nel 2017 era al 5º posto.[75] Nel 2018 era al 6º posto.[76] Nel 2019 era al 6º posto.[77]
  • Nell'elenco delle 50 "Donne da tenere d'occhio" del The Wall Street Journal era al 19º posto nel 2007[78] e al 21° nel 2008.[79]
  • Sandberg è stata nominata una delle "25 persone più influenti sul web" da Business Week nel 2008.[80]
  • È stata inserita nella lista delle 100 donne più potenti del mondo da Forbes.[81] Era 66ª nel 2010, 5ª nel 2011, 10ª nel 2012, 6ª nel 2013, 9ª nel 2014, 8ª nel 2015, 7ª nel 2016, 4ª nel 2017 e 11ª nel 2018.
  • Nel 2012 Newsweek e The Daily Beast hanno pubblicato il loro primo "Digital Power Index", una lista delle 100 persone più significative nel mondo digitale di quell'anno (più altri 10 vincitori del premio "Lifetime Achievement") ed è stata posizionata al terzo posto nella categoria "Evangelisti".[82]
  • Nel 2012[83] e nel 2013[84] è stata inserita nella Time 100, una lista annuale delle 100 persone più influenti al mondo compilata da Time.
  • Lean In è stato selezionato per il premio Financial Times e Goldman Sachs Business Book of the Year Award nel 2013.[85]
  • Nel 2013 è stata inserita al 8º posto del "The World's 50 Most Influential Jews" realizzato da The Jerusalem Post.[86]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Sandberg ha pubblicato il suo primo libro, Lean In: Women, Work, and the Will to Lead, scritto insieme a Nell Scovell e pubblicato da Alfred A. Knopf l'11 marzo 2013.

Il libro affronta il tema della leadership e dello sviluppo delle imprese, i problemi legati alla mancanza di donne in posizioni di leadership nel governo e nelle imprese e il femminismo.[87][88][89][90][91] A partire dall'autunno 2013 il libro ha venduto più di un milione di copie ed è stato in cima alla classifica dei bestseller fin dal suo lancio.[49]

Lean In è rivolto alle lavoratrici per aiutarle a raggiungere i loro obiettivi di carriera e agli uomini che vogliono contribuire ad una società più equa. Il libro sostiene che le barriere stanno ancora impedendo alle donne di assumere ruoli di leadership sul posto di lavoro, barriere come la discriminazione, il sessismo sfacciato e sottile e le molestie sessuali.[92] Sandberg sostiene che ci sono anche barriere che le donne si creano da sole attraverso l'internalizzazione della discriminazione sistematica e dei ruoli sociali. Sandberg sostiene che, affinché il cambiamento avvenga, le donne devono abbattere queste barriere sociali e personali, cercando e raggiungendo ruoli di leadership. L'obiettivo finale è quello di spingere le donne a farsi avanti per posizioni di leadership perché crede che, avendo più voci femminili in posizioni di potere, si creeranno opportunità più eque per tutti.[94]

La critica del libro include l'affermazione che Sandberg è "troppo elitaria" e che è "sorda" alle lotte affrontate dalla donna media sul posto di lavoro.[95][96] Sandberg accenna ad entrambe queste tematiche nell'introduzione del suo libro, affermando di essere "profondamente consapevole del fatto che la stragrande maggioranza delle donne sta lottando per far quadrare i conti e prendersi cura delle loro famiglie"[97] e che la sua intenzione era "offrire consigli che mi sarebbero stati utili molto prima che avessi sentito parlare di Google o Facebook".[98] Inoltre, a seguito dello scandalo Facebook-Cambridge Analytica, è stata messa in discussione la volontà di Sandberg di farsi realmente magra. "Non si è affatto fatta avanti", ha detto McNamee, in un libro di riferimento Sandberg ampiamente letto pubblicato cinque anni fa. "Se c'è mai stato un momento per lei di farsi avanti, questo è tutto."[99] Nel suo libro, suggerisce ad altre donne di farsi avanti durante le difficoltà.[101] Al contrario è stata percepita come una direttrice operativa che evita di affrontare questa crisi. "Sandberg, l'architetto del modello di business che è ora oggetto di tanto scrutinio, è rimasta in silenzio pubblicamente".[99] Nel suo libro lei approva coloro che affrontano le crisi.[103]

Sandberg ha pubblicato il suo secondo libro, Option B, nell'aprile 2017. Option B è scritto insieme ad Adam Grant, professore alla Wharton School of the University of Pennsylvania. Il libro sottolinea il dolore e la resilienza nelle sfide della vita.[4] Il libro offre consigli pratici per stimolare la resilienza nella famiglia e nella comunità. Dalla pubblicazione sono state vendute 2,75 milioni di copie.[104]

  • (EN) Sheryl Sandberg, Lean In: Women, Work, and the Will to Lead, Knopf Doubleday Publishing Group, 11 marzo 2013, ISBN 9780385349956.
    • Sheryl Sandberg, Facciamoci avanti, Edizioni Mondadori, 12 marzo 2013, ISBN 9788852036194.
  • (EN) Sheryl Sandberg e Adam Grant, Option B: Facing Adversity, Building Resilience, and Finding Joy, Knopf Doubleday Publishing Group, 24 aprile 2017, ISBN 9781524732691.
    • Sheryl Sandberg e Adam Grant, Option B. Affrontare le difficoltà, costruire la resilienza e ritrovare la gioia, HarperCollins Italia, 2017, ISBN 9788869052699.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Eric Eldon, Sheryl Sandberg, Facebook’s Long-Time COO, Becomes First Woman On Its Board Of Directors, su TechCrunch, 25 giugno 2012. URL consultato il 5 ottobre 2019.
  2. ^ (EN) Department of the Treasury (PDF), U.S. Government Information. URL consultato il 6 ottobre 2019 (archiviato il 5 ottobre 2019).
  3. ^ (EN) Muhtar Kent, Sheryl Sandberg - The World's 100 Most Influential People: 2012, in TIME, 18 aprile 2012. URL consultato il 5 ottobre 2019 (archiviato il 17 aprile 2019).
  4. ^ a b c (EN) Sheryl Sandberg, su Forbes. URL consultato il 5 ottobre 2019 (archiviato il 18 settembre 2019).
  5. ^ David de Jong, Sheryl Sandberg Becomes One of Youngest U.S. Billionaires, su Bloomberg, 21 gennaio 2014. URL consultato il 5 ottobre 2019 (archiviato il 5 ottobre 2019).
  6. ^ (EN) Paul Harris, The Facebook executive on a self-help mission, in The Japan Times Online, 16 marzo 2013. URL consultato il 6 ottobre 2019 (archiviato il 6 ottobre 2019).
  7. ^ a b (EN) WEDDINGS/CELEBRATIONS; Sheryl Sandberg, David Goldberg, in The New York Times, 18 aprile 2004. URL consultato il 6 ottobre 2019 (archiviato il 6 ottobre 2019).
  8. ^ Benjamin A. Einhorn - Death Notice - Classified, su Miami Herald, 27 ottobre 2007. URL consultato il 6 ottobre 2019.
  9. ^ Martina Pennisi e Barbara Stefanelli, Sheryl Sandberg: «Decido da leader, non da donna femminista», su Corriere della Sera, 7 maggio 2019. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  10. ^ a b John Dorschner, Sheryl Sandberg: From North Miami Beach High to Facebook’s No. 2, in Miami Herald, 6 febbraio 2012. URL consultato il 6 ottobre 2019 (archiviato il 6 ottobre 2019).
  11. ^ (EN) Ken Auletta, Can Sheryl Sandberg Change Silicon Valley?, in The New Yorker, 4 luglio 2011. URL consultato il 6 ottobre 2019 (archiviato il 30 giugno 2019).
  12. ^ a b c d Corporate Governance, su Investor Relations, Facebook. URL consultato il 6 ottobre 2019 (archiviato il 26 luglio 2019).
  13. ^ Jessi Hempel, Sheryl Sandberg: Facebook's new number two to Zuckerberg, su Money, CNN, 12 aprile 2008. URL consultato il 6 ottobre 2019 (archiviato il 6 ottobre 2019).
  14. ^ Michele Masneri, Segreti e misteri della donna che sta rivoluzionando Facebook, Il Foglio, 8 luglio 2011. URL consultato il 5 ottobre 2019 (archiviato il 5 ottobre 2019).
  15. ^ (EN) Erik Gregersen, Sheryl Sandberg, su Encyclopedia Britannica, 24 agosto 2019. URL consultato il 6 ottobre 2019 (archiviato il 16 luglio 2019).
  16. ^ a b (EN) Sheryl Sandberg, An Inside View of Facebook, su Newsweek, 3 ottobre 2008. URL consultato il 6 ottobre 2019 (archiviato il 6 ottobre 2019).
  17. ^ (EN) Belinda Luscombe, Confidence Woman, in Time, 7 marzo 2013. URL consultato il 6 ottobre 2019 (archiviato il 6 ottobre 2019).
  18. ^ Sheryl Kara Sandberg - Chief Operating Officer, Facebook Inc, su Bloomberg. URL consultato il 6 ottobre 2019 (archiviato il 6 ottobre 2019).
  19. ^ (EN) Sheryl Sandberg, su Masters of Scale. URL consultato il 6 ottobre 2019 (archiviato il 6 ottobre 2019).
  20. ^ a b Michele Masneri, Segreti e misteri della donna che sta rivoluzionando Facebook, Il Foglio, 8 luglio 2011. URL consultato il 5 ottobre 2019 (archiviato il 5 ottobre 2019).
  21. ^ Gabriele Ferraresi, Sheryl Sandberg, l'altra metà di Facebook sul New Yorker, su Downloadblog, Blogo, 6 luglio 2011. URL consultato il 5 ottobre 2019 (archiviato il 5 ottobre 2019).
  22. ^ a b c (EN) Ken Auletta, Can Sheryl Sandberg Change Silicon Valley?, in The New Yorker, 4 luglio 2011. URL consultato il 6 ottobre 2019 (archiviato il 30 giugno 2019).
  23. ^ (EN) Kara Swisher, Sheryl Sandberg Will Become COO of Facebook, su All Things Digital, 4 marzo 2008. URL consultato il 6 ottobre 2019 (archiviato il 21 maggio 2019).
  24. ^ a b Duccio Fumero, La donna che fa litigare Facebook e Google, Yahoo!, 6 luglio 2011. URL consultato il 12 luglio 2011 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2011).
  25. ^ (EN) Joann S. Lublin e Shayndi Raice, Sheryl Sandberg Joins Facebook Board, in Wall Street Journal, 26 giugno 2012. URL consultato il 6 ottobre 2019 (archiviato il 6 ottobre 2019).
  26. ^ (EN) Sheryl Sandberg sells half her stake in Facebook, su The Irish Times. URL consultato il 6 ottobre 2019 (archiviato il 23 giugno 2018).
  27. ^ (EN) Alexei Oreskovic, UPDATE 2-Disney nominates Facebook's Sandberg to board, in Reuters, 23 dicembre 2009. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 12 marzo 2016).
  28. ^ a b (EN) Sheryl Sandberg Nominated To The Walt Disney Company Board Of Directors, su The Walt Disney Company, 23 dicembre 2009. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 23 luglio 2018).
  29. ^ (EN) Michael Arrington, Facebook COO Sandberg Joins Starbucks Board Of Directors, su TechCrunch, 27 marzo 2009. URL consultato il 7 ottobre 2019.
  30. ^ (EN) V-Day Annual Report 2013 2013, su Joomag. URL consultato il 5 ottobre 2019 (archiviato il 5 ottobre 2019).
  31. ^ (EN) Sheryl Sandberg, Larry Summers' True Record on Women, su HuffPost, 8 dicembre 2008. URL consultato l'8 ottobre 2019.
  32. ^ (EN) Sheryl Sandberg, COO of Facebook, talks about Facebook behavior, su Jewish Community Federation, 8 marzo 2010. URL consultato l'8 ottobre 2019.
  33. ^ (EN) Facebook Executive to Barnard Graduates: “This world needs you to run it”, su Barnard College, 17 maggio 2011. URL consultato l'8 ottobre 2019.
  34. ^ Filmato audio Harvard Business School, Sheryl Sandberg Addresses the Class of 2012, su YouTube.
  35. ^ (EN) Daniel DeVries, Watch Facebook’s Sheryl Sandberg at Colgate University’s Entrepreneur Weekend, su Colgate University, 5 aprile 2013. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 1º settembre 2019).
  36. ^ (EN) Tracy McVeigh, Poverty is sexist: leading women sign up for global equality, in The Observer, The Guardian, 7 marzo 2015. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 18 maggio 2015).
  37. ^ (EN) Elisha Fieldstadt, Sheryl Sandberg Speaks Publicly For First Time About Husband's Death, su NBC News, 15 maggio 2016. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 22 giugno 2019).
  38. ^ (EN) 2017 commencement remarks from Sheryl Sandberg, su Virginia Tech. URL consultato l'8 ottobre 2019.
  39. ^ (EN) Charlie J. Moore, Sheryl Sandberg, COO of Facebook, to be 2018 commencement speaker, su The Tech, 7 dicembre 2017. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato l'8 dicembre 2017).
  40. ^ (EN) Jolie Lee, Beyonce, Jennifer Garner, Jane Lynch join 'Ban Bossy, su USA Today, 10 marzo 2014. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 28 luglio 2018).
  41. ^ Chiderah Monde, Beyoncé, Jennifer Garner, Jane Lynch join prominent women in #BanBossy campaign, su NY Daily News, 10 marzo 2014. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 26 maggio 2019).
  42. ^ (EN) Ban Bossy. Encourage Girls to Lead., su banbossy.com. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 25 agosto 2019).
  43. ^ Filmato audio Sheryl Sandberg, Why we have too few women leaders, su YouTube, TED.
  44. ^ (EN) Sheryl Sandberg & Dave Goldberg Family Foundation, su Sheryl Sandberg & Dave Goldberg Family Foundation. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 9 agosto 2019).
  45. ^ (EN) Lean In, su Lean In. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 18 settembre 2019).
  46. ^ (EN) Option B, su OptionB.org. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 20 aprile 2019).
  47. ^ (EN) Kurt Wagner, Sheryl Sandberg is donating more than $100 million in Facebook stock to charity, su Vox, 30 novembre 2016. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 21 settembre 2019).
  48. ^ (EN) Sheryl Sandberg, su Frostsnow, 22 agosto 2016. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 20 marzo 2019).
  49. ^ a b (EN) Miguel Helft, Sheryl Sandberg: The Real Story, su Fortune, 10 ottobre 2013. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 6 aprile 2019).
  50. ^ (EN) Susan Macaulay, Sheryl Sandberg (COO of Facebook/Former Chief of Staff US Department of the Treasury), su Amazing Women Rock. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 1º marzo 2012).
  51. ^ (EN) Dominic Rushe, Sheryl Sandberg: the first lady of Facebook takes the world stage, in The Guardian, 24 gennaio 2012. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato l'8 giugno 2019).
  52. ^ (EN) Jessica Naziri, David Goldberg, SurveyMonkey CEO and husband of Sheryl Sandberg, su Los Angeles Times, 4 maggio 2013. URL consultato il 7 ottobre 2019.
  53. ^ (EN) Esther Addley, Sheryl Sandberg 'does more than her fair share of childcare', in The Guardian, 15 aprile 2014. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 19 maggio 2017).
  54. ^ (EN) Sheryl Sandberg's Husband SurveyMonkey CEO David Goldberg (Bio), su Daily Entertainment News, 2 novembre 2018. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 20 marzo 2019).
  55. ^ Hope King, Dave Goldberg, husband of Facebook exec Sheryl Sandberg, dies, su CNNMoney, 2 maggio 2015. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 24 aprile 2019).
  56. ^ (EN) Recode Staff, Full transcript: Sheryl Sandberg talks grief, resilience and ‘Option B’ on Recode Decode, su Vox, 8 maggio 2017. URL consultato il 7 ottobre 2019.
  57. ^ (EN) Emily Smith, Sara Nathan, Inside Facebook COO Sheryl Sandberg’s split with Bobby Kotick, su Page Six, 7 giugno 2019. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 17 giugno 2019).
  58. ^ (EN) Louis Nelson, Hillary Clinton racks up business endorsements, su POLITICO, 23 giugno 2016. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato l'11 agosto 2019).
  59. ^ (EN) Opheli Garcia Lawler, Michelle Obama Is Done With the Gospel of ‘Lean In’, su The Cut, 2 dicembre 2018. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 21 settembre 2019).
  60. ^ (EN) Kevin Conley, Sheryl Sandberg: What She Saw at The Revolution, su Vogue, 15 aprile 2010. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 24 febbraio 2018).
  61. ^ (EN) Sheera Frenkel, Nicholas Confessore e Cecilia Kang, Delay, Deny and Deflect: How Facebook’s Leaders Fought Through Crisis, in The New York Times, 14 novembre 2018. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 17 settembre 2019).
  62. ^ (EN) Nicholas Confessore e Matthew Rosenberg, Sheryl Sandberg Asked for Soros Research, Facebook Acknowledges, in The New York Times, 29 novembre 2018. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 26 settembre 2019).
  63. ^ (EN) Deepa Seetharaman, With Facebook at ‘War,’ Zuckerberg Adopts More Aggressive Style, su The Wall Street Journal, 19 novembre 2018. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 26 settembre 2019).
  64. ^ (EN) John Naughton, 'The goal is to automate us': welcome to the age of surveillance capitalism, in The Observer, The Guardian, 20 gennaio 2019. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 18 settembre 2019).
  65. ^ Katie Benner, Eugenia Levenson e Rupali Arora, 50 Most Powerful Women – Sheryl Sandberg (29), su CNN Money. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 17 dicembre 2018).
  66. ^ Jessica Shambora e Beth Kowitt, 50 Most Powerful Women – Sheryl Sandberg (34), in CNN Money, 16 ottebre 2008. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 20 marzo 2019).
  67. ^ Jessica Shambora e Beth Kowitt, 50 Most Powerful Women - 22. Sheryl Sandberg (22), su Money CNN, 15 settembre 2009. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 13 agosto 2018).
  68. ^ Jessica Shambora e Beth Kowitt, 50 Most Powerful Women - Sheryl Sandberg (16), su CNN Money, 29 settembre 2010. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 13 agosto 2018).
  69. ^ Beth Kowitt e Rupali Arora, Most Powerful Women in Business 2011 - 12. Sheryl Sandberg, su CNN Money, 17 ottobre 2011. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato l'8 febbraio 2014).
  70. ^ Beth Kowitt, Colleen Leahey e Anne VanderMey, Most Powerful Women in Business 2012 - 8. Sheryl Sandberg, su CNN Money, 8 ottobre 2012. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 26 aprile 2014).
  71. ^ (EN) Sheryl Sandberg, su Fortune. URL consultato l'8 ottobre 2019.
  72. ^ (EN) Sheryl Sandberg, su Fortune. URL consultato l'8 ottobre 2019.
  73. ^ (EN) Sheryl Sandberg, su Fortune. URL consultato l'8 ottobre 2019.
  74. ^ (EN) Sheryl Sandberg, su Fortune. URL consultato l'8 ottobre 2019.
  75. ^ (EN) Sheryl Sandberg, su Fortune. URL consultato l'8 ottobre 2019.
  76. ^ (EN) Sheryl Sandberg, su Fortune. URL consultato l'8 ottobre 2019.
  77. ^ (EN) Sheryl Sandberg, su Fortune. URL consultato l'8 ottobre 2019.
  78. ^ (EN) The Other Women to Watch, in Wall Street Journal, 20 novembre 2007. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato l'8 luglio 2015).
  79. ^ (EN) The 50 Women to Watch 2008, in Wall Street Journal, 11 novembre 2008. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 9 marzo 2015).
  80. ^ The 25 Most Influential People on the Web: The Adult: Sheryl Sandberg, su Bloomberg Businessweek, 2008. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2008).
  81. ^ (EN) Moira Forbes e Christina Vuleta, The World's Most Powerful Women 2018, su Forbes, 4 dicembre 2018. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 18 settembre 2019).
  82. ^ Digital Power Index: Evangelists - 3. Sheryl Sandberg, su The Daily Beast. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2012).
  83. ^ (EN) Muhtar Kent, Sheryl Sandberg - The World's 100 Most Influential People: 2012, in TIME, 18 aprile 2012. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 17 aprile 2019).
  84. ^ (EN) Gloria Steinem, The 2013 TIME 100 - Sheryl Sandberg, in Time, 18 aprile 2013. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 3 aprile 2019).
  85. ^ (EN) Andrew Hill, Finalists that are worthy of a bruising debate, su Financial Times, 18 settembre 2013. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 1º ottobre 2019).
  86. ^ Rachel Marder, Top 50 most influential Jews 2013: 8. Facebook CEO Sheryl Sandberg, su The Jerusalem Post, 14 maggio 2013. URL consultato l'8 ottobre 2019 (archiviato il 29 agosto 2019).
  87. ^ Julie Bort, Sheryl Sandberg Has Been Ordering People Around Since She Was A Child, su Business Insider, 6 febbraio 2013. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 4 agosto 2018).
  88. ^ (EN) Bianca Bosker, Sheryl Sandberg's College Experience Wasn't What You'd Imagined, su HuffPost, 7 febbraio 2013. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 23 luglio 2017).
  89. ^ (EN) Tom Gara, Exclusive: First Look At Sheryl Sandberg’s New Book, su The Wall Street Journal, 5 febbraio 2013. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 20 settembre 2019).
  90. ^ (EN) Tom Gara, Sheryl Sandberg’s Breakthrough Hug With Mark Zuckerberg, su WSJ, 6 febbraio 2013. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 4 agosto 2018).
  91. ^ (EN) Rebecca Traister, Sheryl Sandberg's 'Lean In' offers a feminist view from the top, su Los Angeles Times, 7 marzo 2013. URL consultato il 7 ottobre 2019.
  92. ^ Lean In, p. 8.
  93. ^ Lean In, p. 7.
  94. ^ Un mondo veramente equo sarebbe un mondo in cui le donne gestiscono metà dei nostri paesi e aziende e gli uomini gestiscono metà delle nostre case.[93]
  95. ^ (EN) Maureen Dowd, Opinion | Pompom Girl for Feminism, in The New York Times, 23 febbraio 2013. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 7 maggio 2019).
  96. ^ (EN) Tania Lombrozo, Should All Women Heed Author's Advice To 'Lean In'?, su National Public Radio, 2 aprile 2013. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato l'11 settembre 2019).
  97. ^ Lean In, p. 10.
  98. ^ p.11.
  99. ^ a b (EN) Olivia Solon, Sheryl Sandberg: Facebook business chief leans out of spotlight in scandal, in The Guardian, 29 marzo 2018. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 18 settembre 2019).
  100. ^ Lean In, p. 202.
  101. ^ Non riusciamo a incoraggiare le donne ad aspirare alla leadership. È tempo di tifare per le ragazze e le donne che vogliono sedersi a un tavolo, cercare sfide e farsi avanti nella loro carriera.[100]
  102. ^ Lean In, p. 71.
  103. ^ Ho il più profondo rispetto per le persone che forniscono un aiuto concreto a coloro che si trovano in crisi. È il lavoro più difficile del mondo.[102]
  104. ^ (EN) Kara Swisher, Sheryl Sandberg leans into her next book, ‘Option B,’ about grieving and healing, su Vox, 29 luglio 2016. URL consultato il 7 ottobre 2019 (archiviato il 17 giugno 2019).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN298171473 · ISNI (EN0000 0004 0267 8608 · LCCN (ENn2012069729 · GND (DE1033331341 · BNF (FRcb166808137 (data) · NDL (ENJA001142284 · WorldCat Identities (ENn2012-069729