Shere Hite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Shere Hite (Saint-George, 2 novembre 1942Tottenham, 9 settembre 2020) è stata una sessuologa, scrittrice e storica tedesca, di orientamento femminista.

All'anagrafe Shirley Diana Gregory, fu cittadina statunitense fino al 1995, quando cambiò nazionalità in seguito a ripetute lettere minatorie anonime a lei dirette. Firmò tutte le sue opere con lo pseudonimo. "Sotto molti aspetti" scrisse il Guardian "la rivoluzione sessuale per le donne degli anni settanta è cominciata con lei."

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originaria di una cittadina del Missouri, nacque da Paul Gregory e Shirley Hurt, ma dopo che i genitori divorziarono prese il cognome del patrigno Raymond Hite. Fu poi allevata dai nonni, una coppia cristiana osservante.

Dopo aver ottenuto il diploma alla Seabreeze High Schiol di Daytona Beach, nel 1967 si laureò in Storia all'Università della Florida. Iniziò a frequentare circoli pacifisti per poi abbracciare anche la causa del femminismo, influenzata dalle battaglie portate avanti da Ti-Grace Atkinson e Kate Millett. Si trasferì quindi a New York per seguire un master di Storia Sociale alla Columbia University, dove conseguì anche il dottorato.

Autrice di numerosi saggi, nel 1976 pubblicò l'opera che la rese celebre, Il rapporto Hite - uno studio sulla sessualità femminile, dossier di oltre 500 pagine con interviste a 3.500 donne, tradotto in una quindicina di lingue e che vendette 50 milioni di copie grazie anche alle ristampe nel 1981 e nel 2004. Nel libro venivano trattati molti temi importanti come la contraccezione, la gravidanza, l'aborto (verso il quale la Hite si dichiarò sempre favorevole), la schiavitù sessuale, la masturbazione, il lesbismo, la menopausa, l'igiene intima.

Dopo la pubblicazione del Rapporto Hite, la rivista Playboy lo soprannominò The Hate Report ("il Rapporto Odio"), in aperta polemica con la sua ricerca. In precedenza c'erano già stati attriti tra la Hite e la rivista: durante il periodo di dottorato alla Columbia University, la studiosa aveva posato nuda per la pubblicità della Olivetti, e Playboy aveva commentato con le provocatorie parole "la macchina da scrivere è intelligente, lei non ha bisogno di esserlo". La Hite si unì alle proteste femministe che ne seguirono.

Dal 1995 Shere Hite visse dividendosi tra Germania, Regno Unito e Giappone: insegnò a Chiyoda presso l'Università Nihon. Fu docente anche alla Chongqing University dell'omonima città cinese e alla Maimonides University di North Miami Beach in Florida. Collaborò con molte testate giornalistiche europee: tenne tra l'altro per qualche tempo una rubrica su IO Donna.

Shere Hite è morta nel settembre del 2020, a 77 anni, resa invalida dalla malattia di Parkinson, cui poi si era aggiunta la malattia di Alzheimer. [1]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver divorziato dal pianista e compositore tedesco Friedrich Höricke, sposò in seconde nozze l'inglese Paul Sullivan. Non ebbe figli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN109878720 · ISNI (EN0000 0001 1795 1839 · LCCN (ENn81012403 · GND (DE119331942 · BNF (FRcb12613143z (data) · BNE (ESXX1149012 (data) · NLA (EN35198107 · NDL (ENJA00443437 · WorldCat Identities (ENlccn-n81012403