Sharof Rashidov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sharof Rashidovich Rashidov
Šaraf Rašidovič Rašidov

Primo Segretario del Partito Comunista dell'Uzbekistan
Durata mandato 15 marzo 1959 –
31 ottobre 1983
Predecessore Sobir Kamolov
Successore Inomjon Usmonxo'jayev

Deputato del Soviet delle Nazionalità del Soviet Supremo dell'URSS
Legislature III, IV, V, VII, VIII, IX, X
Circoscrizione RSS Uzbeka

Deputato del Soviet dell'Unione del Soviet Supremo dell'URSS
Legislature VI
Circoscrizione Oblast' di Taškent

Presidente del Presidium del Soviet Supremo della Repubblica Socialista Sovietica Uzbeka
Durata mandato 21 agosto 1950 –
24 marzo 1959
Predecessore Sobir Kamolov
Successore Amin Niyazov
Yadgar Nasriddinov

Dati generali
Partito politico Partito Comunista dell'Unione Sovietica
Partito Comunista dell'Uzbekistan
Tendenza politica Comunismo
Marxismo
Bolscevismo

Sharof Rashidovich Rashidov (in uzbeko: Шароф Рашидович Рашидов; in russo: Шараф Рашидович Рашидов?, traslitterato: Šaraf Rašidovič Rašidov; Jizzax, 6 novembre 1917Taskent, 31 ottobre 1983) è stato un giornalista e politico sovietico, Primo segretario del Partito Comunista dell'Uzbekistan dal 1959 al 1983, fu di fatto leader della RSS Uzbeka fino alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato il giorno precedente lo scoppio della Rivoluzione d'Ottobre nel villaggio di Jizzax da una famiglia di contadini, Rashidov lavorò come insegnante e giornalista presso alcune testate di Samarcanda. Inviato sul fronte europeo durante la Seconda guerra mondiale fu ferito nella difesa di Mosca e rimpatriato nel 1942. Fu eletto presidente del Presidium del Soviet Supremo dell'Uzbekistan nel 1950 e nel 1959 raggiunse l'apice del potere, giungendo a farsi eleggere Primo segretario del Partito Comunista dell'Uzbekistan (la carica più elevata dello stato)[1], posizione che mantenne fino alla sua morte sopraggiunta nel 1983.

Nella seconda metà degli anni settanta il suo nome venne sempre più spesso associato alla corruzione ed a pratiche di nepotismo principalmente a causa del suo presunto coinvolgimento nel cosiddetto scandalo del cotone, che vide i dirigenti uzbeki falsificare le cifre della produzione di cotone richiesta da Mosca allo scopo di ottenere illecitamente maggiori fondi da utilizzare in autonomia.[senza fonte]

Dopo la sua morte (sopravvenuta ufficialmente per un infarto) la figura di Rashidov è stata in parte riabilitata, identificata dal neonato nazionalismo uzbeko come un eroe nazionale il cui sforzo sarebbe stato quello di perseguire una politica autonoma rispetto ai dettami del potere centrale sovietico. Una via centrale di Tashkent porta attualmente il suo nome.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Eroe del Lavoro Socialista (2) - nastrino per uniforme ordinaria Eroe del Lavoro Socialista (2)
— 30 dicembre 1974 e 11 aprile 1977
Ordine di Lenin (10) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin (10)
— 16 gennaio 1950; 1º novembre 1957; 3 gennaio 1965; 11 aprile 1967; 12 febbraio 1971; 10 dicembre 1973; 30 dicembre 1974; 25 dicembre 1976; 11 aprile 1977; 6 marzo 1980
Ordine della Rivoluzione d'Ottobre - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Rivoluzione d'Ottobre
— 3 maggio 1982
Ordine della Bandiera Rossa per il lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera Rossa per il lavoro
— 12 giugno 1951
Ordine della Stella Rossa (2) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Stella Rossa (2)
— 28 agosto 1942; 23 gennaio 1946
Ordine del Distintivo d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Ordine del Distintivo d'Onore
— 25 dicembre 1944
Premio Lenin - nastrino per uniforme ordinaria Premio Lenin
— 1980

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sharaf Rashidov, 65; Soviet Politburo Aide, in The New York Times, 1º novembre 1983. URL consultato il 19 marzo 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN115543736 · ISNI (EN0000 0001 2214 4863 · LCCN (ENn79139225 · GND (DE119525720 · WorldCat Identities (ENn79-139225